LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

LUCCA - Belle Arti nel ciclone, accorpamento in vista
di Barbara Antoni
30 gennaio 2016 IL TIRRENO

Lucca: arriverà anche la sezione archeologica, dirigenti a rischio


LUCCA. Si chiamerà Soprintendenza Archeologia, belle arti e paesaggio per le province di Lucca e Massa Carrara, e avrà sede a Lucca. È il futuro assetto a cui è destinata la Soprintendenza ai Beni artistici e culturali di piazza della Magione in base all’atto di riforma firmato pochi giorni fa dal ministro Dario Franceschini. Un provvedimento che, per quanto riguarda l’archeologia, porterà le soprintendenze dalle attuali 17 in Italia a 39, più due speciali (del Colosso di Pompei). Alla fine della partita è previsto che in Toscana la tutela e conservazione del patrimonio artistico, culturale e archeologico sarà affidata a quattro soprintendenze: una è quella di Lucca (le altre: di Siena, Grosseto e Arezzo con sede a Siena, di Pisa e Livorno con sede a Pisa, di Firenze, Prato e Pistoia cons ede a Firenze).

La riforma porterà più cambiamenti, anche dal punto di vista degli organici. Farà scattare la redistribuzione di dirigenti (soprintendenti) e funzionari; darà il via a una revisione degli organici complessivi e potrebbe comportare - come hanno protestato negli ultimi giorni i sindacati confederali della Soprintendenza archeologica toscana - «un abbassamento di tutela e controllo del patrimonio archeologico».

In piazza della Magione l’annuncio della riforma bis delle Soprintendenze ai Beni artistici (quella recente ha comportato il distaccamento del personale dei musei nazionali e il loro passaggio al polo museale fiorentino) è già arrivato.

«Per ora solo come notizia - sottolinea il soprintendente Luigi Ficacci -. Nessuno di noi se lo aspettava, visto che usciamo da una recente riforma. Qualora si arrivasse all’accorpamento, i primi a cambiare saranno i soprintendenti: cambieremo tutti quanti, a partire dalla direzione generale. Poi saranno redistribuiti i funzionari».

E dire che l’eco della “prima” riforma non è finita. «Questa - spiega il soprintendente Ficacci - ci ha comportato la perdita di tutto il personale dei musei. Siamo rimasti in diciassette, ma presto potremmo calare a tredici, visto che due addetti sono vicini alla pensione, uno avrebbe intenzione di tornare a scuola e un ulteriore altro potrebbe andarsene».

A fronte di questo calo verticale degli impiegati della soprintendenza locale, c’è il piano di riorganizzazione che il ministero ha previsto per la divisione di Lucca e Massa Carrara di portare l’organico a 41 unità, 24 in più di quelle attuali. Un salto considerevole che, negli annunci, continua Ficacci, «dovrebbe avvenire entro febbraio 2016. A questo punto non credo che i tempi saranno rispettati. A noi è stato chiesto, nel frattempo, di documentare di mese in mese la nostra attività. E io infatti ogni mese scrivo e invio relazioni al ministero. Lo faremo finché l’organico di 41 unità non sarà raggiunto». Sarà il ministero a stabilire quali saranno le figure idonee per le mansioni da svolgere «per l’estensione della Soprintendenza ai Beni artistici e culturali di Lucca e Massa Carrara - prosegue Ficacci -. Devono arrivare architetti, storici dell’arte».

Ha annnunciato nei giorni scorsi il ministro Dario Franceschini (dichiarazione riportato sul sito del ministero): «Ancora un passo avanti nella riorganizzazione del MiBact, è la volta delle soprintendenze. Il ministero viene ridisegnato a livello territoriale per rafforzare
i presidi di tutela e semplificare il rapporto tra cittadini e amministrazione. Le nuove soprintendenze parleranno con voce unica a cittadini e imprese riducendo tempi e costi burocratici. La riorganizzazione prosegue nella strada di valorizzazione del patrimonio».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news