LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOSCANA - Nuova contesa per Villa Guerrazzi
di Manolo Morandini
30 gennaio 2016 IL TIRRENO


CECINA. Una vicenda tormentata, che parte da lontano. E potrebbe riservare l’ennesimo colpo di scena. Sul ristorante-enoteca e la torre di Villa Guerrazzi è in corso un braccio di ferro tra il Comune di Cecina e il gestore del complesso. Il canone d’affitto non è mai stato pagato. Su questo tutti concordano, ma è sul perché che iniziano le scintille. La Ruby Srl sostiene di essersi dovuta accollare una serie di spese non preventivate per poter avviare il ristorante. Soldi, l’importo non è dato sapere, di cui chiede conto al Comune.
«È in corso un contenzioso stragiudiziale tra la Società e il Comune – afferma il legale della Ruby Srl –. Insomma, ci sono posizioni di dare e avere da comporre». L’attuale gestore ha l’obiettivo di trovare un accordo per proseguire nell’attività, che ha in concessione fino al 2021. Diversa la prospettiva dell’amministrazione comunale, che punta ad azzerare il rapporto e a voltare pagina con un nuovo affidamento. Le due opposte visioni nei mesi scorsi hanno portato a una serie di incontri per trovare la quadra della querelle, risparmiando sulle carte bollate.
Il ristorante è inserito nel complesso della Cinquantina ed è uno dei tasselli di quel puzzle immaginato ma mai realizzato a pieno: fare di quel complesso una sorta di polo culturale. Ci sono il museo archeologico, quello della civiltà contadina, la scuola di musica, gli spazi per i convegni e quelli per i concerti all’aperto.
Nelle stanze di via Landi vige la consegna del silenzio. Nessuna dichiarazione ufficiale sul caso. Ma solo la conferma di una situazione critica e della volontà di arrivare a voltare pagina in tempi rapidi. Il rischio è di piombare di nuovo nella palude in cui precipitò il complesso dopo il flop Publitour sbarcato nel 2008 con la promessa di rilanciare la dimora, ristorante compreso, per poi andarsene nove anni prima della scadenza del contratto, lasciando al Comune un buco di 180.000 euro.
L’impresa rosignanese Ruby Srl, riconducibile all’impresario edile Marcello Martino Alonzo, e di cui nel frattempo è divenuta amministratore unico la moglie Dovile Grusauskaite, dall’affidamento, avvenuto a gennaio 2013, non ha mai onorato il pagamento del canone annuale, 16.000,50 euro da versare a settembre. Il Comune già ad ottobre del 2014 ha sollecitato la società con tanto di diffida a mezzo raccomandata. E per tutta risposta in via Landi è arrivata una lettera dell’avvocato del gestore in cui si contesta l’inadempimento contrattuale
del Comune e si chiede anche un risarcimento danni.
Già la gara del 2012 aveva fatto registrare un passo falso. Due le offerte pervenute al Comune. La Ruby Srl si classificò seconda salvo poi essere ripescata perché l’altra ai successivi controlli dell’ente risultò decaduta



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news