LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SICILIA - Musei, la riforma salva-poltrone
ISABELLA DI BARTOLO ANTONIO FRASCHILLA
31 gennaio 2016 LA REPUBBLICA

UNA RIVOLUZIONE che rischia di rimanere sulla carta, buona solo a piazzare l'esercito di dirigenti, esperti agronomi compresi, che non ha pari nel resto d'Italia. La nuova mappa del potere dei Beni culturali in Sicilia, appena presentata in giunta, prevede sì la riduzione del 30 per cento di unità operative e servizi, cioè di poltrone di dirigenti che passano da 297 a 207, con la creazione di 12 Poli museali, ma di fatto prende atto solo dei pensionamenti: così in Sicilia i dirigenti di soprintendenze e musei rimarranno sempre più di quelli dello Stato nei beni culturali, circa 180.


Una rivoluzione che rischia di rimanere sulla carta, buona solo a piazzare l'esercito di dirigenti, esperti agronomi compresi, che non ha pari nel resto d'Italia. La nuova mappa del potere dei Beni culturali in Sicilia, appena presentata in giunta, prevede sì la riduzione del 30 per cento di unità operative e servizi, cioè di poltrone di dirigenti che passano da 297 a 207, ma di fatto prende atto soltanto dei pensionamenti: così in Sicilia i dirigenti di soprintendenze, aree archeologiche e musei rimarranno sempre più di tutti quelli che ha in capo lo Stato nei Beni culturali d'Italia, circa 180, con gli Uffizi che hanno un solo dirigente. E tra chi difende la riforma, che prevede la creazione di dodici Poli museali e archeologici al momento senza alcuna autonomia vera e propria come prevede invece una vecchia legge regionale applicata soltanto per il parco di Agrigento, e chi invece la definisce «un taglio burocratico di uffici», una cosa è certa: la Regione continuerà a pagare un esercito di graduati e a non investire un euro per migliorare i servizi in quelli che dovrebbero essere i gioielli di Sicilia.

La mappa del nuovo assetto dei Beni culturali dell'Isola è stata appena presentata in giunta. Prevista la creazione di dodici Poli, con un solo direttore che avrà comunque sotto il suo comando diversi dirigenti. A Palermo sarà creato un Polo che comprende la Galleria Abatellis e Palazzo Mirto, un secondo Polo con i musei archeologici Salinas, Solunto, Monte Jato e Himera. Con servizi separati rimarranno il Museo regionale di arte moderna (che accorperà il museo di Terrasini) e la Biblioteca regionale Bombace.

A Catania il Polo regionale comprenderà il parco archeologico della città, la casa museo Verga e i musei di Caltagirone e Adrano. A Enna previsto un unico Polo con la Villa del Casale, Morgantina e Aidone. A Messina invece i Poli saranno ben tre: uno per le Eolie, uno per Naxos-Taor- mina e un terzo con il museo di Messina e quello di Mistretta. A Siracusa in un unico Polo vengono inseriti la Galleria Bellomo e la Casa museo Uccello di Palazzolo Acreide, mentre un secondo Polo racchiuderà invece il Paolo Orsi, la Neapolis, il parco di Lentini e quello di Eloro. A Trapani rimangono separati i due parchi di Segesta e Selinunte e un terzo Polo riguarderà i musei della provincia. Ad Agrigento il parco archeologico della Valle dei templi, unico già autonomo. Previsto qui un secondo Polo con il museo archeologico e la casa di Pirandello, nonostante siano tutti a poca distanza l'uno dall'altro. A Ragusa e Caltanissetta ci sarà un unico Polo che gestirà tutti i musei della provincia.

Questa la riforma, che prevede al vertice di ogni Polo una sola figura di direttore-manager. Peccato però che oggi nessuno di questi Poli abbia certezza di avere reale autonomia. Dall'assessorato al Bilancio non hanno alcuna intenzione di consentire di trattenere gli incassi direttamente nei Poli perché, con l'attuale carenza di liquidità, la Regione non può rinunciare a fare cassa. E per le spese di funzionamento i Poli dovranno sempre attingere da un capitolo unico di appena 4 milioni. Tra i dirigenti, invece, molti si lamentano perché perdono potere.

Il dirigente generale Gaetano Pennino difende la riforma: «Siamo funzionari di una pubblica amministrazione e non dovremmo gestire potere — dice — il nuovo assetto risponde a criteri di semplificazione a partire, per esempio, dal personale di custodia. Con la creazione dei Poli si potranno spostare i custodi sulla base delle esigenze delle singole aree archeologiche e dei musei. Il dirigente del Polo avrà una funzione di coordinamento».

Nella burocrazia però in molti storcono il naso, ad esempio i dirigenti dei musei Salinas e Orsi che non rimangono pienamente autonomi come "grandi musei": «Parliamo di istituzioni museali antiche e preziose — dice Francesca Spatafora, direttrice del Salinas — che non hanno lo status di grandi musei come altri venti in Italia: anche se dal punto di vista amministrativo resteranno il riferimento come servizio di un polo archeologico, non avranno l'autonomia dei grandi musei nazionali ».

La soprintendente di Agrigento, Caterina Greco, il suo parere l'ha scritto su Facebook: «Accorpamenti e tagli lineari, dentro una struttura asfittica del territorio visto ancora dentro i confini delle province, secondo la vecchia concezione del Novecento». L'ex assessore Mariarita Sgarlata parla di «declassamento» per il Salinas a Palermo e il Paolo Orsi a Siracusa», mentre un altro ex assessore ai tempi dei governi Cuffaro, Fabio Granata, incalza: «Ennesima riforma inutile e dannosa, sintomo di una preoccupante e inaccettabile mancanza di consapevolezza e visione del governo regionale».

Una cosa è certa: senza vera autonomia la riforma rimarrà tutta sulla carta e comunque la Sicilia continuerà ad avere un esercito di dirigenti a capo di unità operative che nel resto del Paese sono guidate da funzionari.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news