LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'ITALIA, LE STATUE COPERTE E LE VERITÀ ELASTICHE
Roger Cohen
02 febbraio 2016 LA REPUBBLICA



LA DECISIONE italiana di coprire i nudi dei Musei Capitolini per non urtare la sensibilità del presidente iraniano, laureato a Glasgow, in visita di Stato, è stata interpretata come prova definitiva della capitolazione della civiltà occidentale di fronte all'Islam teocratico.

Per dirla con Hishan Melhem, editorialista della versione inglese di Al Arabya, si è trattato di «un atto spudorato di autoevirazione e ossequio».

Se l'Italia, erede delle glorie dell'Impero romano, impacchetta alcune delle sue opere d'arte più raffinate per scongiurare l'eventualità che l'occhio del presidente Hassan Rouhani cada sul seno acerbo di una divinità marmorea non c'è da sorprendersi che i fanatici islamici (sunniti, non sciiti, ma comunque islamici) scelgano di distruggere il glorioso patrimonio greco-romano di Palmira. O quanto meno questa è la logica.

Il boxgate ha messo l'Italia in ridicolo. Non c'è nulla di peggio e in questo caso la berlina è meritata. Non tanto per il goffo atto di cortesia, in sé valore importante e ormai sottovalutato. Vedere il crollo dell'Occidente in un nudo nascosto è un'esagerazione. Capita di sbagliare. No, la berlina è meritata perché sembra che la decisione di coprire le statue non l'abbia presa nessuno. A Roma lo scaricabarile non ha mai fine.

La venere capitolina si è impacchettata da sola una notte perché si annoiava e un paio di altre divinità l'hanno imitata.

Il primo ministro Matteo Renzi non ne era al corrente. Il ministro dei Beni culturali ha definito la decisione "incomprensibile". Entrambi ribadiscono (forse anche con troppa enfasi) di essere rimasti sorpresi come tutti di fronte a quei cubi bianchi – nessuno, tra l'altro , fornito dalla prestigiosa galleria londinese White Cube.

Secondo una versione la decisione è stata presa da una dipendente di Palazzo Chigi, Ilva Sapora, dopo una visita ai Musei Capitolini compiuta assieme ai funzionari dell'ambasciata iraniana. «Stupidaggini», mi ha detto Jas Gawronski, ex parlamentare europeo. L'ipotesi che un funzionario di Palazzo Chigi di grado intermedio, responsabile del cerimoniale, possa aver preso una decisione del genere appare del tutto inverosimile. Gawronski reputa più probabile che la responsabilità sia da attribuire a funzionari della Farnesina.

Una cosa si può dire con certezza: nessuno saprà mai chi è stato. Negli anni Ottanta per un periodo sono stato corrispondente da Roma. Ogni tanto si registravano sviluppi nelle indagini sugli attentati, come quello di Piazza Fontana nel 1969, o di Brescia nel 1974. Tutto un succedersi di processi, sentenze, ricorsi in appello. Le acque si intorbidivano invece che chiarirsi. Ci volevano decenni per arrivare a condanne che lasciavano i dubbi irrisolti. L'Italia non ha mai avuto tempo di capire che la giustizia tardiva è giustizia negata.

Renzi ha voluto rompere con quest'Italia di segreti torbidi, l'ha voluta modernizzare, darle un governo stabile che risponde delle sue azioni. Ha realizzato importanti riforme della legge elettorale e del lavoro. Ma ha un problema. In pieno scandalo delle statue coperte, intervistato dal mio collega Jim Yardley Renzi ha detto : «Sono il leader di un grande paese». In una grande paese le statue non si impacchettano da sole.

La verità in Italia è elastica. Terra di conquista, il paese ha imparato l'arte saggia di esprimersi con ambiguità, come del resto la Persia, a sua volta terra di conquista. In fin dei conti questa vicenda è un labirinto degli specchi italo- iraniano con una pentola piena di monete d'oro al centro, per un valore stimato di 18 miliardi di dollari di accordi commerciali.

Gli iraniani ribadiscono di non aver chiesto che i capolavori dell'umanesimo classico venissero coperti: anche in questo caso non ha deciso nessuno.

L'Iran diffida a sua volta della chiarezza. Fa parte delle sue tradizioni l'affascinante rituale del taroof , fondato sull'ipocrisia, e del tagieh, che equivale a sacrificare la verità in nome del superiore dovere religioso.

Restando in tema di negazione della verità, l'Ayatollah Khamenei, il supremo leader iraniano, ha nuovamente messo in dubbio l'Olocausto. Ha scelto di farlo in un video pubblicato sul suo sito web proprio in occasione del giorno della memoria. Ci sarà un nuovo "Concorso di vignette e caricature sull'Olocausto" a giugno.

Inutile dire che questa negazione dell'Olocausto è infame, il regime dà il peggio di sé. È anche sintomo della disperazione dei falchi, decisi a bloccare l'apertura al resto del mondo voluta da Rouhani. Pensano che la negazione dell'Olocausto farà fallire ogni proposito di distensione. La parola in voga tra i sostenitori della linea dura è nufuz, o infiltrazione da parte dell'Occidente, da cui gli iraniani vengono messi in guardia in vista delle elezioni parlamentari di questo mese.

Si possono coprire un paio di statue nei Musei Capitolini, ma non si può nascondere la spaccatura tra la società iraniana, nella stragrande maggioranza dei casi favorevole all'apertura nei confronti dell'Occidente, e il regime teocratico determinato a far si che l'accordo sul nucleare non conduca a una più ampia cooperazione con gli Usa e l'Europa.

Lungi dall'essere prossimo a capitolare, l'Occidente esercita un forte magnetismo culturale, evidente nella rabbiosa disperazione dei suoi avversari.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news