LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - Soprintendenza, è mobilitazione. Sei associazioni culturali chiedono di non trasferire la sede regionale
Romana Scopano
02 febbraio 2016 IL CENTRO


L’AQUILA. «Mantenere all’Aquila la sede della Soprintendenza d’Abruzzo e quella del polo museale. Ogni decisione difforme risulterebbe ingiusta e ignara delle esigenze vitali di una città che cerca faticosamente di risollevarsi, puntando anche sui suoi uffici e sul turismo culturale».

Sono sei le associazioni culturali cittadine – Archeoclub d’Italia, sede L’Aquila, associazione culturale di rievocazione storica "Compagnia Rosso d’Aquila", associazione Panta rei di promozione sociale L’Aquila, circolo Legambiente Abruzzo beni culturali, Fondo Ambiente italiano, delegazione dell’Aquila, Gruppo aquilano di azione civica "Jemo ’nnanzi" – che prendono posizione sulla vicenda della sede delle Soprintendenze in Abruzzo. E invita alla mobilitazione, sulla stessa questione, il TerritorioCollettivo, che ritiene «inadeguata e debolissima» la classe politica. Secondo le sei associazioni culturali, «L’Aquila, dopo quasi cento anni (la Regia Soprintendenza all’Arte medievale e moderna degli Abruzzi e Molise è stata istituita nel 1924) perde uno degli organismi più prestigiosi. Perde quella istituzione che ha contribuito a mantenere le qualità storico architettoniche dei tanti edifici monumentali oggi in corso di restauro e riparazione. L’Aquila diventa l’unica città capoluogo di regione che non ha un’istituzione propria di un capoluogo regionale».

Viene anche sottolineato che «la perdita del prestigioso ufficio comporta una riduzione di posti di lavoro, con grande disagio per un personale qualificato, stimato e supportato dalla popolazione». TerritorioColletivo condivide le preoccupazioni della comunità scientifica degli archeologi e degli storici dell’arte: «È importante, anche per L’Aquila, che le funzioni tecnico-scientifiche della tutela e della conservazione non perdano la propria autonomia a favore di una subalternità alle scelte della politica. È inoltre ineludibile, al di là di ogni campanile, un ragionamento intorno ai temi della sede sia del polo museale regionale che della Soprintendenza unica. L’esteso patrimonio storico, architettonico e paesaggistico-ambientale, il personale del Mibact, l’insediamento museale avrebbero dovuto portare all’individuazione dell’Aquila come sede del polo museale e della Soprintendenza d’Abruzzo, non semplicemente della provvisoria Soprintendenza del cratere». «La questione degli “scippi” ai danni della nostra città», interviene il consigliere comunale Roberto Tinari (Forza Italia), «come quello che riguarda la sede della Soprintendenza, ottiene risposte inadeguate da parte del centro sinistra. È chiaro che siamo di
fronte a un disegno che pone la costa abruzzese e la città di Pescara al centro di tutti gli interessi e di tutti i progetti strategici, impoverendo sempre di più, a forza di trasferimenti, accorpamenti e sottrazioni, il capoluogo d’Abruzzo». .



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news