LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Dipinti dei musei provinciali tesori da pi di 7 mila euro
di Christian Seu
03 febbraio 2016 Il Messaggero Veneto



I dipinti pi quotati sono un Bolaffio del 1925, "Ragazza con cesto e rondini", e un Crali del 1936, "Veduta aerea del castello di Gorizia", che valgono ciascuno 150 mila euro. E complessivamente, il patrimonio pittorico di propriet dei Musei provinciali di Gorizia vale 7.482.000 euro. quanto emerge da una prima perizia effettuata dagli stessi esperti della struttura museale dell'ente intermedio, alle prese in queste settimane con l'inventario dei beni mobili di propriet dell'istituzione culturale isontina. L'inventario completo sar pronto verosimilmente tra due settimane, come annunciato dal presidente della Provincia, Enrico Gherghetta, che presenter la relazione sul valore complessivo dei beni dei Musei provinciali nel corso della prossima riunione con i sindaci isontini, chiamati a esprimersi sul futuro dell'istituzione museale goriziana. La fetta pi importante del patrimonio, tolti gli immobili, certamente rappresentata dai quadri che compongono la pinacoteca di Palazzo Attems-Petzenstein. Complessivamente, il curatore Sasa Quinzi ha censito 735 dipinti, che vanno dai quotatissimi Bolaffio (cinque dei dieci quadri tra i pi valutati sono proprio del pittore goriziano) e Crali, ai ricercati Music e Tominz, passando per le opere di Nathan e Cignaroli. Proprio il "San Michele Arcangelo e i Santi Sigismondo, Ludovico e Carlo" di quest'ultimo il dipinto pi grande custodito a Palazzo Attems, con i suoi oltre tre metri d'altezza. Tra i quadri di maggior pregio figurano anche quelli di Italico Brass, Sergio Altieri, Eugenio Scomparini, Antonio Paroli, Rodolfo Saksida. La maggior parte del patrimonio pittorico oggi di propriet dei Musei provinciali risale agli ultimi due secoli, pur con alcune insospettabili sorprese: Palazzo Attems custodisce infatti due dipinti (per un terzo l'attribuzione incerta) di Palma il giovane, al secolo Jacopo Negretti, risalenti alla prima met del XVII secolo. Il valore di mercato non l'unico elemento che qualifica l'importanza del patrimonio della Pinacoteca, spiega l'assessore provinciale alla Cultura, Federico Portelli, che sta seguendo in prima persona le operazioni di censimento in corso. Esiste un patrimonio identitario che altrettanto importante: la raccolta fortemente intrecciata con la storia del Museo e di un territorio oltremodo vasto, che valica i confini dell'attuale provincia spiega Portelli . C' poi un altro aspetto, che quello legato al personale che lavora nei Musei provinciali: un patrimonio di competenze composto da ricerca, studio, didattica, che dovr essere valorizzato in futuro. Da chi? I prossimi due mesi dovranno dire se l'onere e l'onore toccheranno alla fondazione che il presidente Gherghetta e i sindaci puntano a costituire per rilevare il patrimonio dei Musei provinciali o all'ente regionale per il patrimonio culturale (Erpac) per il quale spinge la Regione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news