LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Vasi pregiati e tombe greche a due passi da Kamarina una fattoria dell'antichità
ISABELLA DI BARTOLO
04 febbraio 2016 La Repubblica




Un borgo del IV Secolo avanti Cristo abitato da agricoltori benestanti, amanti del bello e poco inclini alle guerre. Erano vitali, lavoratori e curiosi gli antenati dei ragusani che popolavano un villaggio rurale alle spalle di Kamarina ed erano greci di seconda generazione, ovvero nati in Sicilia dopo la prima ondata di colonizzazione. È il quadro che emerge dall'analisi dei ritrovamenti archeologici scoperti in occasione dei lavori per la nuova viabilità a servizio dell'aeroporto di Comiso dove, a breve, la Soprintendenza di Ragusa riaprirà un cantiere di scavi sistematici per svelare il volto nascosto del territorio più antico.

Qui nel 2012, in occasione dei lavori per la realizzazione di una rotatoria, gli archeologi della Soprintendenza iblea portarono alla luce i primi resti di un cimitero obbligando la Provincia regionale a rivedere il progetto per consentire lo studio di un ritrovamento eccezionale.

«Sì – spiega l'archeologo Saverio Scerra – perché a questa zona della piana dell'Ippari sono attribuiti vasi attici a figure rosse oggi esposti al museo Orsi di Siracusa senza però alcuno scavo sistematico. Biagio Pace ipotizzava la presenza di abitati antichi ma mai qualcuno ha potuto indagare qui». I lavori per l'aeroporto rappresentavano dunque un'ottima occasione ma, in realtà, la squadra degli archeologi della Soprintendenza non trovò nulla di rilevante fino a quando, l'ultimo giorno, per salvare un albero venne spostato di poco il saggio di scavo e l'escavatrice urtò contro qualcosa di duro: una tomba greca.

Una sepoltura in lastre di calcare locale con tanto di coperchio. «Al suo interno non vi erano resti ossei a causa dell'acidità del terreno – prosegue Scerra – ma la nostra sorpresa fu grande davanti a 5 lekythoi, vasi di grande bellezza, tra cui uno a sfondo bianco con la raffigurazione di donna intenta a libare sull'altare e, scoperta ancora più straordinaria, una lama di coltello posta all'altezza della mano destra del defunto come a sancire l'ultimo gesto dell'uomo. Un rituale funerario che riecheggia le libagioni descritte da Omero e che ci lasciò senza fiato».

I reperti narrano di una comunità dedita alla coltura dei cereali, all'allevamento di cavalli, muli e buoi. Un villaggio di ricchi agricoltori come dimostra il fatto che acquistassero vasi provenienti dall'Attica, dalla regione di Atene: le lekythoi rinvenute nelle tombe sono i "vasi dei morti" di cui parla Aristofane; servivano per le cerimonie funebri e venivano deposte all'interno delle tombe quale simbolo di legame con l'aldilà.

Lo scavo è proseguito negli anni successivi ma senza tecnologie avanzate per la peculiarità argillosa del terreno, facendo sì che gli archeologi davvero seguissero le orme tracciate dai grandi predecessori del Novecento: niente georadar, dunque, ma solo lavoro manuale. Il risultato è stato il ritrovamento di altre sette tombe, quasi tutte di età greca.

«Gli scavi proseguiranno – dice Calogero Rizzuto, soprintendente ai Beni culturali di Ragusa – così come lo studio di questo luogo che restituisce un tassello importante per la storia della Sicilia più antica e che mostra come la nostra terra custodisca ancora tesori di grande interesse non solo storico ma anche sociale ».

I lavori procederanno subito dopo la variante al progetto mentre si dovrà anche pensare a come tutelare la zona archeologica. I reperti, invece, saranno il nucleo di un museo archeologico nell'aeroporto di Comiso.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news