LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Musei, la caduta degli dei
CARLO ALBERTO BUCCI
04 febbraio 2016 La Repubblica




IL bicchiere dei 20 musei comunali è mezzo vuoto di visitatori. O mezzo pieno. A seconda da che parte si guardano i dati dei flussi. E in base al coktail degli ingressi: gratuiti e a pagamento. Il 2015 è stato un anno che ha visto la flotta capitolina flettersi nelle tre sue tre corazzate. L'Ara Pacis è passato da 303.305 a 217.730 visitatori. I Capitolini hanno fatto registrare un piccolo "inchino", da 467mila 075 a 455.464. Un'imbarcata, invece, quella del Macro nelle due sedi di Testaccio e via Nizza, ha raccolto appena 135.810 persone: l'anno passato in 137.090 avevano varcato la soglia del gioiellino hi-tech di Odile Decq e 77.947 il portone dell'ex Macello testaccino.

Un annus orribilis soprattutto se confrontato con il 2015 dello Stato di cui si pavoneggia il ministro Franceschini, sciorinando il primato del Lazio in Italia: 19milioni e 750mila ingressi? No, perché i dati parziali dell'amministrazione capitolina, in attesa che arrivino i numeri aggregati che tengono conto di paganti, gratuiti e ingressi forfettizati alle inaugurazioni, dicono che c'è stato il boom dei "brutti anatroccoli". Ossia gli 8 musei che il Campidoglio ha deciso di rendere gratuiti: ha raddoppiato la villa di Massenzio sull'Appia Antica, da 25.739 a 51.891 visitatori, seguita a villa Borghese dalla casa-museo di Pietro Canonica (da 12.541 a 24.564) e dal la collezione Bilotti (da 17.841 a 34.202). «È questo il dato più significativo — spiega il sovrintendente Claudio Parisi Presicce —. Possiamo dire che negli otto gratuiti si sono riversati i visitatori che hanno disertato quelli a pagamento, tanto che il saldo totale è di sostanziale pareggio. Per me la notizia è che è aumentato il numero dei romani: dimostra che c'è un radicamento nel territorio». Trionfa insomma il welfare all'inglese dei musei free entrance. Tuttavia nel conteggio globale di Parisi Presicce ci sono i 158mila che hanno assistito d'estate agli archeo-show ai Fori. E resta il fatto che dalla "casa" di Augusto sul Lungotevere c'è stata una fuga. Motivo principale, l'aumento del biglietto di 1 euro per i residenti (2 per gli esterni). «L'incremento del prezzo sui musei famosi ci ha permesso però — sottolinea Parisi Presicce — di aumentare, a parità di ingressi in un anno, gli introiti: da 4milioni 480mila a 4.955mila. E di finanziare così gli accessi ai musei gratuiti». Il Macro, inoltre, ha registrato un aumento dei paganti del 37%. Casse "piene" e sale "vuote", insomma. Le mostre sono il vero jolly . Basti vedere la ver sopresa del 2015 sponda Campidoglio. Il museo di Roma a Palazzo Braschi è passato, se pure a pagamento, da 55mila a 76mila visitatori. Quasi tutti concentrati nei primi mesi del 2015. Venticinquemila tra gennaio e febbraio. Attratti dai "Vestiti dei sogni", gli abiti del cinema. Uscite le costumiste, aprile è tornata a 5000 biglietti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news