LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

QUEI SOLDI STANZIATI E MAI SPESI PER RECUPERARE IL CENTRO STORICO
MAURIZIO IACCARINO
04 febbraio 2016 La Repubblica






NEL maggio 2007 aiutai le associazioni di cittadini a organizzare, con la collaborazione dell'Istituto italiano studi filosofici e del suo presidente Marotta, un convegno per discutere i problemi della valorizzazione del centro storico. Accettarono l'invito le massime autorità dell'Unesco e del ministero Beni culturali. Il mondo accademico napoletano era ben rappresentato, così come la Sovrintendenza e Italia Nostra. Per il Comune intervenne l'assessore al centro storico. Le associazioni dei cittadini descrissero in dettaglio e documentarono le carenze di cura e manutenzione del centro storico, suscitando la condivisione e preoccupazione delle autorità presenti.

L'assessore annunziò la decisione di stanziare 200 milioni per il restauro dei monumenti. I rappresentanti delle associazioni di cittadini, pur esprimendo soddisfazione per la promessa, mantennero le loro riserve e dopo il convegno si rivolsero al centro del patrimonio dell'Unesco, che inviò a Napoli, nel dicembre 2008, una missione, formata da un funzionario Unesco e da un consulente dell'Icomos. Partecipò informalmente il professor Francesco Bandarin, direttore del Centro del patrimonio. Le autorità napoletane annunziarono di voler spendere, per il restauro dei monumenti, una cifra totale di 282 milioni. Questa cifra fu confermata all'Unesco dal governo. È riportata nei documenti preparati per le riunioni del Comitato degli Stati membri della convenzione del patrimonio (Siviglia, 2009 e Parigi 2011). Nonostante l'impegno ufficiale del governo, all'inizio del 2012 non si era ancora avuta notizia di apertura di cantieri e per questa ragione le associazioni dei cittadini si sono di nuovo rivolte all'Unesco. Il professor Bandarin scrisse al sindaco per rammentare che «l'Unesco dovrà ricevere un rapporto sulle varie misure di protezione messe in atto per salvaguardare il sito centro storico di Napoli». Successivamente il professor Bandarin è venuto a Napoli e ha incontrato il sindaco de Magistris. Io ero presente al colloquio e ho notato che il sindaco non ha menzionato l'entità della cifra destinata ai restauri, né che vi era un ritardo nel loro inizio. Pochi mesi dopo, il Comune (delibera 875, 6/12/2012) ha approvato il restauro di vari monumenti per un importo totale di 69 milioni. Perché solo 69 milioni, invece di 280? Su quale voce di bilancio sono rimasti gli altri 211 milioni? Quando saranno utilizzati per gli ulteriori restauri? Né il governo, né le autorità locali hanno informato l'Unesco dell'inizio di un parziale elenco di lavori di restauro e delle ragioni del ritardo con cui essi iniziano. Per questa ragione i cittadini continuano legittimamente a chiedere conto della destinazione dei fondi promessi. Lamentano anche la lentezza con la quale i lavori procedono. Ormai nove anni sono passati dal maggio 2007.

Nella mia qualità di coordinatore delle attività delle associazioni interessate al centro storico ho recentemente chiesto al Centro del patrimonio di discutere di questo problema durante la riunione degli Stati membri della Convenzione del Patrimonio che si terrà a luglio a Istanbul. Il Centro del patrimonio ha avviato l'iter con una lettera del 15 gennaio indirizzata alle autorità italiane nella quale chiede informazioni e commenti. È dunque iniziato un percorso che porterà agli opportuni chiarimenti, al fine di discutere dell'argomento a Istanbul. Dopo la riunione di luglio il futuro sindaco potrebbe essere chiamato a chiarire la situazione del restauro dei monumenti.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news