LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CHI GUADAGNA CON L'ARTE ITALIANA - Il direttore generale: "Pi spazio ai mecenati"
di ARIANNA DI CORI e ALICE GUSSONI
INCHIESTE - La Repubblica 3-2-2016


ROMA - Di fatto con la riforma Franceschini ricopre il ruolo pi importante, quello di responsabile della Direzione generale musei. Ufficio nel complesso seicentesco di via di San Michele, a Roma, larchitetto Ugo Soragni, sostiene di doversi ancora abituare alla nuova poltrona: E pensare che gi passato un anno. Era la vigilia del Natale 2014 quando ricevette la chiamata dal ministro Franceschini e vol a Roma lasciando la sua posizione di direttore regionale dei Beni culturali in Veneto dopo 7 anni. Il primo nome che si era fatto per la Direzione musei era quello di Anna Maria Buzzi, sorella di Salvatore, uno dei personaggi di "Mafia Capitale". Quella nomina tramontata ed arrivato Soragni, uno studioso che ha ricoperto ruoli importanti nelle soprintendenze di tutta Italia, dalla Puglia al Friuli Venezia Giulia.

La Direzione generale musei avr il compito di indirizzo e controllo dei Poli museali regionali e dovr gestire il budget da destinarsi a ogni singolo museo, esclusi naturalmente i 20 ad autonomia speciale. Ma a quale modello gestionale si ispira questa riforma?
"La massima valorizzazione di questi musei e la capacit dei loro direttori di interloquire con tutti i soggetti che agiscono in questo settore sono fattori essenziali. Quindi capacit di dialogo con i privati anche al fine di raccogliere risorse finanziarie o organizzative e poi capacit di avviare relazioni a livello nazionale e internazionale con altri musei".

Quindi si intende incentivare ancora di pi la partecipazione dei privati?
"Certamente. Il dialogo con i privati fondamentale per raccogliere risorse finanziarie e organizzative. Noi vogliamo fare di questi musei dei luoghi vivi, in cui si possa passare una giornata piacevole, mangiare, trascorrere del tempo con la famiglia".

Lei non vede il rischio che i privati possano in questo modo influenzare le decisioni da prendere in un museo, ad esempio entrando a far parte del Consiglio di amministrazione?
"I privati, se entrano nellamministrazione, lo faranno in quanto esperti di chiara fama. Inoltre i componenti del Cda e del comitato scientifico devono anche essere espressione del territorio. Ad esempio c' un membro nominato dal presidente della Regione e uno nominato dal sindaco del Comune in cui ha sede il museo".

Come funzionano invece le fondazioni museali il Museo egizio di Torino e quello di Aquileia - rispetto al rapporto coi privati?
"In quei due casi siedono nel Cda anche rappresentanti di fondazioni bancarie o espressioni di imprenditoria di quelle zone. Perch avere nel Cda come nel caso del Museo egizio la fondazione San Paolo di Torino significa poter avere delle garanzie finanziarie che possono aiutare la promozione delle attivit del museo".

A proposito di fondazioni bancarie, i maggiori donatori finora nellArtBonus risultano la fondazione Cariverona e Unicredit. Hanno donato 7 milioni a testa per lArena di Verona, ma per esempio la Fondazione Cariverona partecipa alla Fondazione Arena di Verona, che organizza il festival lirico, quindi come se donasse a se stessa...
"Ma questo non significa nulla. I soldi sono stati donati per il restauro del monumento".

Che poi verr utilizzato dalla stessa per il festival lirico..
"Eeeh...e poi insomma, le fondazioni bancarie non sono banche, devono fornire questo tipo di iniziative. E poi sapete quanti soldi danno?...".

E per quanto riguarda la sponsorizzazione invece, altra possibilit offerta dallArtBonus?
"Le sponsorizzazioni sono come contratti di appalto e sono messe a bando. In pratica io restauro la facciata di un certo monumento e in cambio ottengo la pubblicit, ovvero lassociazione del mio marchio e del mio nome allintervento".

Torniamo alla riorganizzazione museale. Parliamo di mostre. Si chiude lera dei blockbuster?
"Certamente. C' una tendenza nazionale che deve essere invertita. Le grandi mostre non possono essere quattro all'anno ma una, o addirittura una ogni due anni. Al momento si punta sul maggior numero di opere conosciute e il catalogo altro non che il riassunto dei testi scritti sullargomento. Non c ricerca. Se ricordate la mostra di Vicenza, fatta da Goldin: 'Da Tutankamen a Caravaggio'. Quelle sono le classiche mostre che fanno anche 150mila visitatori ma che non sono sorrette da un'idea. La mostra deve ritornare ad essere espressione di un percorso di ricerca".

Altro capitolo spinoso: servizi aggiuntivi. Lo stesso Franceschini ha dichiarato: inammissibile che lo Stato non guadagni soldi.

http://inchieste.repubblica.it/it/repubblica/rep-it/2016/02/03/news/la_grande_rapina_ai_musei-131170754/?ref=HREC1-12&refresh_ce


news

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

25-07-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 luglio 2020

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

Archivio news