LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sassari, “Turondola” abbandonata tra immondizia e degrado
di Giovanni Bua
06 febbraio 2016 La Nuova Sardegna




La Torre Tonda che svetta seminascosta nell’omonima via è ostaggio dei vandali. Dimenticata da oltre un secolo, nessuno ha mai studiato un progetto di recupero

SASSARI. É cosa nota che i sassaresi non siano molto affezionati alle loro mura, buttate giù nel corso dell’800 con tanto di piano regolatore che culminò con la distruzione a fine secolo del castello aragonese. Ma vedere come oggi è ridotta la “Turondola”, l'unica, superstite, torre circolare della cinta della Sassari medievale, che oggi si può vedere spuntare dai tetti guardando dalla parte alta della via che da lei prende il nome, fa stringere il cuore: un carrello della spesa, cartoni, bottiglie, scritte sui muri e immondizia varia. E una terribile sensazione a metà tra il clandestino degrado e il totale abbandono.

La Torre Tonda medievale alla mercè dei vandali

Un degrado che affonda le sue radici nella storia lontana, e un po’ bizzarra, della nostra città. Che non è nemmeno sicura che la torre sia davvero l’unica cilindrica presente nella sua ormai assente cinta (lo storico Alessandro Ponzeletti ne ha individuato da una mappa cinquecentesca almeno un’altra all’angolo delle mura che oggi troviamo tra via Saffi e corso Trinità), e che comunque non si è mai curata in alcun modo di tutelare lo storico pezzo della sua storia.


Una dimenticanza secolare. Partita almeno da quando i prproprietari di quel tratto di mura, i Gesuiti, furono cacciati per la seconda volta dalla città negli anni 40 dell’800, facendo sì che i beni ex ecclesiastici finissero divisi, spesso in maniera poco chiara, tra vari enti statali e la laicizzata università. Negli anni la torre venne inglobata, come tutto il tratto di mura intorno, dallo sviluppo edilizio ottocentesco cittadino, con gli edifici che chiusero lo spazio retrostante trasformandolo in un cortile, usato come magazzino del sale fino alla fine dell’800. E poi dei tabacchi. Per poi finire, insieme a ciò che rimaneva della fortificazione, nel dimenticatoio.

L’accesso all’ampio spazio, dove oltre che la torre è presente tutto l’interessante prospetto della vecchia università seicentesca, è decisamente agevole: un cancello all’imboccatura di via Arborea, spesso aperto e comunque non difficile da superare. Un vero invito a nozze per vandali e vagabondi di vario tipo, ma anche semplicemente per i dipendenti dell’università che nel cortile posteggiano le auto.

Qualche timido tentativo di rientrare in possesso della Turondola (o Durondola), o almeno dello spazio retrostante, nel corso degli anni c’è stato: alcuni spettacoli organizzati dalla compagnia teatrale Meridiano Zero, una mostra dedicata ad Antonio Simon Mossa, alcuni inserimenti nelle giornate dedicate ai “Monumenti aperti”. Per un organico e corposo piano di restauro e recupero sono sempre però mancate la volontà e comunque i fondi.

Anche perché non è ancora ben chiaro di chi sia la pertinenza del bene, che dovrebbe essere storicamente rimasto all’università ma che è stato spesso a disposizione dello Stato. E che ora invece, tra un carrello verde abbandonato, a un passo dal diventare anch’esso storico, bottiglie, cartoni e cartacce, scritte sui muri e immondizia, è a disposizione solo dei vandali, che forse nemmeno conoscono il suo immenso valore storico. I sassaresi non sono stati mai particolarmente affezionati alla loro storia, ma mentre la distruggevano hanno sempre avuto qualche buona scusa. Non questa volta, si spera.

http://lanuovasardegna.gelocal.it/sassari/cronaca/2016/02/06/news/sassari-turondola-abbandonata-tra-immondizia-e-degrado-1.12908537?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news