LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'AQUILA - «Scempio ad Amiternum»
Michela Corridore
06 febbraio 2016 IL CENTRO






«Mentre riaprono le catacombe di San Vittorino e sempre nuove scoperte arricchiscono l'area archeologica di Amiternum, si continua a intervenire con asfalto e cemento sulla zona». A denunciare la situazione è il rappresentante locale di Italia Nostra Giovanni Cialone, che si scaglia soprattutto contro la prossima realizzazione della bretella alla statale 80, di poco più di un chilometro, che dovrebbe passare immediatamente a ridosso del teatro romano dell'antica città, secondo un progetto dell'Anas. Uno "scempio", per Cialone, che si aggiungerebbe ad altri. «Nella zona già fa brutta mostra di sé il mastodontico capannone realizzato dalla scuola edile», spiega. «Intanto, sembra siano ormai disponibili i finanziamenti per la variante dell'Anas che taglierà la zona archeologica in due parti». Insomma, altro che "parco Archeologico di Amiternum" dedicato a Thomas Ashby, archeologo e fotografo che frequentò questi luoghi all'inizio del Novecento. «In barba al divieto espresso di realizzare qualsivoglia tipo di strada nelle aree in zona A1 del piano regionale paesistico "Ambito Fiume Aterno", negli anni passati prima lo Stato per l'emergenza del G8, poi l'Anas e poi ancora la Provincia dell'Aquila hanno progettato e si sono visti approvare senza colpo ferire due bretelle che passano entro la zona di conservazione integrale», dice Cialone. «A quella sulla statale 80, infatti, va aggiunta la strada provinciale progettata in località Torroncino e località Grottoni (sistemazione della strada di collegamento via delle Fiamme Gialle). Entrambe su un'area delicata e notissima per i copiosi reperti restituiti». Le strade progettate, infatti, secondo l'ambientalista, interromperebbero sia la continuità archeologica e sia la continuità paesaggistica della zona. «Quella dell'Anas, che passerà a meno di 40 metri dal teatro e tra quest'ultimo e il grande monumento funerario noto come "Sant'Antonigliu", distruggerebbe un frammento ancora leggibile del paesaggio agrario costruito e negherebbe la continuità archeologica tra la parte della città romana in basso e l'emergenza archeologica sul colle di Jereone rappresentata dai resti del castello medievale che poggiano su murature romane», continua Cialone. «Agli aspetti storici e archeologici vanno, inoltre, aggiunti anche quelli naturalistici come la presenza accertata nell'area del capriolo e di altri mammiferi». Condizioni che tuttavia sembrano non essere sufficienti a bloccare i lavori. «Secondo la documentazione in nostro possesso», conclude l'esponente di Italia Nostra, «i fondi ormai ci sono e il rischio è che presto si parta con i lavori. Chiediamo a tutti gli enti interessati di farsi carico della vicenda, prima che sia troppo tardi».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news