LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

All’Aquila il Polo museale Chieti urla allo scippo
Marianna Gianforte
05 febbraio 2016 IL CENTRO



L'AQUILA E' stato ufficializzato il decreto sulla seconda parte della riforma del ministero dei Beni culturali, firmato dal governo lo scorso 23 gennaio. Il decreto rende possibile una piccola rivoluzione anche in Abruzzo, dove già da giorni (da quando il ministero ha diffuso le prime circolari del riassetto) si è scatenata una guerra di campanile al grido di "scippo": all'Aquila, perché la sede regionale della Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio (Beap) si trasferirà a Chieti; e a Chieti perché la sede centrale del Polo museale (che raccoglie 16 tra luoghi della cultura e musei in tutto Abruzzo) andrà all'Aquila contrariamente a quanto era previsto . Se da un lato il sindaco dell'Aquila Massimo Cialente si dice molto soddisfatto della scelta del ministero «di portare nel capoluogo di regione martoriato dal sisma la sede organizzativa e amministrativa del Polo museale», e per nulla scontento che la Soprintendenza regionale si sposterà a Chieti, per il sindaco di quest'ultima città, Umberto Di Primio, invece, «la decisione è stata presa in quattro giorni soltanto senza alcun rispetto per la nostra città». «Quanto accaduto dimostra palesemente che non solo non sono stati perseguiti i criteri logici di distribuzione degli uffici periferici sul territorio ma anche che il ministroha poca autonomia decisionale ed è succube delle logiche di partito». Al netto delle critiche, il decreto del ministro della Cultura Dario Franceschini attua la fusione in un unico organismo delle Soprintendenze archeologiche e delle Soprintendenze belle arti e paesaggio (Beap). Ciò comporta, nella nostra regione, che la Beap che ha oggi sede all'Aquila ed è diretta da Maria Giulia Picchione (la quale può non essere riconfermata dal ministero, in quanto è attesa anche la riorganizzazione dei dirigenti in Italia) sarà accorpata all'Archeologica di Chieti. Nel capoluogo resterà la Soprintendenza archeologica, belle arti e paesaggio per la città dell'Aquila e i Comuni del cratere: la cosiddetta "Soprintendenza speciale". Non cambierà nulla sotto il profilo delle attività, come d'altro canto per il Polo museale sotto la direzione di Lucia Arbace e con sede, attualmente, a Villa Frigerj a Chieti. «Dividerò sempre il mio tempo tra due città, tra sede centrale e musei», spiega la Arbace. La struttura del Polo è, infatti, "policentrica" e può contare sull'arrivo di due new entry: l'abbazia di San Giovanni in Venere a Fossacesia e la basilica di San Bernardino all'Aquila, «mentre il castello Piccolomini di Celano già c'era e viene unificato in un'unica competenza», chiarisce la Arbace. La direttrice confida nella possibilità di poter recuperare, in questo nuovo "trasloco", una parte del personale: un Polo museale come quello abruzzese avrebbe bisogno di 150 persone, mentre in organico ce ne sono ora soltanto 50.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news