LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TEULADA (CAGLIARI) - Il vecchio pastore sardo vince la battaglia contro il colosso dei resort
nicola pinna
05/02/2016 LA STAMPA



Dopo tanti anni di lotta, in tutti i tribunali, Ovidio Marras ha sconfitto i giganti del mattone che progettavano hotel a cinque stelle con lussuose suite vista mare







Ovidio ne era convinto fin dallinizio, anche perch ignorava un dettaglio che a sta a cuore agli avvocati: liter della giustizia pu riservare brutte sorprese. Se ho ragione giusto che vinca io questa battaglia. Devo vincerla per forza, anche se quelli hanno molti soldi. Non aveva neanche un grosso pool di avvocati a difenderlo, il vecchio pastore di Capo Malfatano. Ma ha vinto lo stesso e ha vinto contro un colosso economico che aveva progettato di costruire un gigantesco resort intorno ai suoi terreni. A pochi passi da Tuerredda, in uno degli angoli pi affascinanti del sud della Sardegna, a ridosso della spiaggia che in tante classifiche considerata tra le pi belle del mondo. Nella cordata di imprese che dovevano investire qui molti milioni di euro cerano alcune banche e cerano nomi grossi delleconomia italiana: Caltagirone, Toti, Marcegaglia e Benetton. Lidea era quella di far crescere su tutta la collina hotel a cinque stelle con lussuose suite che si affacciano su un mare da incanto: 910 mila metri cubi di cemento, quasi quanto un palazzo di dieci piani. Ma dopo tanti anni di lotta, in tutti i tribunali, il vecchio pastore ha sconfitto i giganti del mattone. Stavolta a dargli ragione stata la Cassazione: quel progetto non si pu fare e le costruzioni gi realizzate devono essere abbattute.



Gli avevano promesso molti soldi e gli avevano spiegato che quel gran resort avrebbe trasformato Tuerreda in una seconda Porto Cervo. Ma Ovidio Marras, 85 anni passati quasi tutti qui a faticare, non si fatto incantare: Non sono uno che sogna di vivere in un posto di lusso. Non so neanche dove sia la Costa Smeralda. Io voglio continuare a vivere in questa terra, voglio che la lascino cos come labbiamo conosciuta. Tutti i contadini della zona hanno venduto le terre a peso doro, ma lui non ha mai ceduto. Neanche tentennavo. Irremovibile, ha sempre detto di no. Ma il progetto andato avanti ugualmente. Hanno distrutto tutti gli olivastri, ce nerano pi di cento. Poi ne hanno piantato sette o otto ma si sono seccati dopo poco tempo.





Gli operai hanno iniziato a costruire i primi hotel e da un giorno allaltro hanno persino occupato la stradina polverosa che Ovidio (e prima di lui suo padre) utilizzava per tornare in paese e per portare il bestiame al pascolo. Nella battaglia giudiziaria lha aiutato soltanto Italia Nostra e di fronte al Tar (e poi anche al Consiglio di Stato) il vecchio pastore ha ottenuto le sue prime vittorie. Gli altri hanno sempre fatto ricordo e la Cassazione due giorni fa ha confermato le sentenze precedenti: i tanti lotti di questo progetto dovevano essere valutate come un progetto unico e non singolarmente, come invece aveva fatto la Regione quando ha firmato le concessioni. Qui mi avevano preso per scemo, ma io non mi sono arreso. Volevano circondarmi di case, volevamo intrappolarmi nel cemento, forse speravano che me ne andassi. Ma adesso saranno costretti a buttar gi tutto. Non era accettabile che noi dovessimo andar via da qui, da casa nostra, per far posto ai ricchi. Questo posto di tutti e io lo dovevo difendere.



news

25-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 25 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news