LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Il potere compiacente che riveste le statue nude
Mario Vargas Llosa
08 febbraio 2016 LA REPUBBLICA




Che cosa ci insegna lo scandalo dei marmi nascosti a Rouhani

PER non mettere in imbarazzo il loro ospite, il presidente iraniano Hassan Rouhani, in visita ufficiale a Roma, il Governo italiano ha ordinato di inscatolare le statue greche e romane dei Musei Capitolini (fra cui una celebre copia di Prassitele), in pudichi cubi di legno. E aggiungendo all'idiozia un pizzico di ridicolo, la responsabile del protocollo ha fatto spostare i leggii e le poltrone dove si sarebbero svolte le conversazioni tra il premier Matteo Renzi e il suo invitato, per evitare che lo sguardo di quest'ultimo potesse incappare nei voluminosi testicoli del cavallo montato da Marco Aurelio, nella statua equestre che campeggia solitaria nell'Esedra di quello spazio museale. Senza parlare del fatto che dalle cene e dai rinfreschi offerti al presidente Rouhani sono stati banditi il vino e tutte le altre bevande alcoliche.

A quanto pare, la ragione di tanto zelo erano i 17 miliardi di euro di contratti firmati.

Per non mettere in imbarazzo il loro ospite, il presidente iraniano Hassan Rouhani, in visita ufficiale a Roma, il governo italiano ha ordinato di inscatolare le statue greche e romane dei Musei Capitolini (fra cui una celebre copia di Prassitele), in pudichi cubi di legno. E aggiungendo all'idiozia un pizzico di ridicolo, la responsabile del protocollo ha fatto spostare i leggii e le poltrone dove si sarebbero svolte le conversazioni tra il premier Matteo Renzi e il suo invitato, per evita

re che lo sguardo di quest'ultimo potesse incappare nei voluminosi testicoli del cavallo montato da Marco Aurelio, nella statua equestre che campeggia solitaria nell'Esedra di quello spazio museale. Senza parlare del fatto che dalle cene e dai rinfreschi offerti al presidente Rouhani sono stati banditi il vino e tutte le altre bevande alcoliche.

A quanto pare, la ragione di tanto zelo erano i 17 miliardi di euro di contratti firmati dal presidente iraniano e dall'esercito di imprenditori che lo accompagnava, un'iniezione di investimenti che torna molto comoda alla malconcia economia italiana, tra quelle in più rapido deterioramento all'interno dell'Unione Europea. Per fortuna l'élite intellettuale italiana, meglio provvista del suo governo quanto a principi e lucidità, ha reagito con durezza di fronte a quella che Massimo Gramellini, sulle pagine della Stampa, ha giustamente definito la «sottomissione» intollerabile dei governanti italiani nei confronti della visita del leader di un Paese dove ancora si lapidano le adultere e si impiccano gli omosessuali in piazza, in aggiunta ad altre barbarie analoghe.

Giornalisti, politici e scrittori italiani che hanno protestato (a volte con furia e volte con umorismo) per l'iniziativa di vestire le statue hanno ragione. Il fatto va molto al di là di un aneddoto che suscita risate e indignazione. Si tratta, in verità, di un atteggiamento vergognoso e accondiscendente che sembra dare ragione ai fanatici i quali in nome di una fede primitiva, ottusa e sanguinaria, si credono autorizzati a imporre agli altri i loro pregiudizi e la loro chiusura mentale, vale a dire quella mentalità da cui la civiltà occidentale si è liberata — e ha liberato il mondo — nel corso di una lotta durata secoli, in cui centinaia di migliaia, milioni di persone si sono immolate per far prevalere la cultura della libertà.

Il fatto che oggi ne goda buona parte dell'umanità è cosa troppo importante perché un governo, attraverso gesti patetici come quello che ho citato, sia disposto a dare l'impressione di rinunciare a quella cultura per non mettere in pericolo qualche contratto che può alleviare una crisi economica a cui lo ha condotto il suo populismo, cioè la sua stessa irresponsabilità demagogica.

Quel gesto può essere considerato una pantomima simpatica nei confronti del presidente Rouhani, a cui gli anni trascorsi nell'università di Glasgow non sono bastati per liberarsi delle ragnatele dogmatiche che si portava dietro; ma è un tradimento nei confronti dei milioni di iraniani vittime infelici dell'intolleranza degli ayatollah che resistono con eroismo alla pietra tombale caduta sopra di loro da quando, per liberarsi dalla dittatura dello Scià, si gettarono fra le braccia di una dittatura religiosa.

Ed è un grande tradimento anche nei confronti della civiltà che l'Italia, probabilmente prima di qualsiasi altro Paese, ha contribuito a edificare e proiettare nel mondo intero, un sistema di idee che con il passare del tempo ha creato l'individuo sovrano e imposto i diritti umani, la coesistenza nella diversità, la libertà di espressione e di critica, e una concezione della bellezza artistica di cui quelle statue inscatolate perché non ferissero la sensibilità dell'illustre ospite sono, con i loro torsi e i loro seni, una rappresentazione superba.

Le cortesie diplomatiche vanno rispettate, ma devono avere un limite, e il limite dev'essere quello di non fare concessioni che comportino un'autoumiliazione o un oltraggio verso la propria cultura. Lo ha detto molto bene Michele Serra sulla Repubblica: «Valeva la pena, per non offendere il presidente dell'Iran, offendere noi stessi?». Se la vista delle belle natiche e dei bei seni delle Veneri, o delle cosce e dei testicoli degli Adoni possono ferire la suscettibilità di un illustre invitato, che il protocollo disegni un percorso che non lo faccia passare tra statue e cavalli, e che nessuno commetta l'imprudenza di servirgli uno Champagne: ma andare oltre questi limiti significa, per citare Gramellini, comportarsi con «la smania tipica dei servi di compiacere chi li spaventa». A differenza dei fanatici, tanto orgogliosi delle loro credenze da utilizzarle come armi contundenti, è abbastanza frequente nel mondo occidentale spingere lo spirito autocritico fino a estremi autolesionistici. È quanto fanno tutti coloro che sono schifati dai difetti, dai vizi e dai controsensi che evidenzia la nostra civiltà e sono disposti a vilipenderla, mentre invece rispettano e mostrano una tolleranza infinita per le altre civiltà, quelle che odiano e vorrebbero cancellare la nostra non per ciò che in essa non funziona, ma al contrario per ciò che funziona benissimo e dev'essere difeso contro venti e maree: l'uguaglianza di uomini e donne, i diritti umani, la libertà di stampa, poter pensare, credere, scrivere, comporre, creare in totale libertà, senza essere censurati o sanzionati. Il presidente Rouhani, quando riceverà la visita del primo ministro Renzi a Teheran, non consentirà che per compiacerlo siano poste statue nude di marmo in stile greco e romano lungo il suo tragitto, né che vengano mostrate al suo passaggio statue equestri con appendici testicolari visibili: e non per ciò, naturalmente, il governante italiano si sentirà offeso. In questo — ma solo in questo — dobbiamo imitare i fanatici: la nostra cultura, che è la cultura della libertà, è ciò che siamo, è la nostra credenziale migliore e non c'è motivo per occultarla. Al contrario: bisogna darle risalto, come il miglior contributo (fra tante cose negative) che abbiamo dato per far indietreggiare l'ingiustizia in questo astro senza luce che ci è toccato in sorte.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news