LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Roma, Fendi restaurerà la scalinata del Colosseo Quadrato danneggiata dai vandali
di VIOLA GIANNOLI
08 febbraio 2016 LA REPUBBLICA



Il presidente del IX municipio, Santoro: "Costo dei primi interventi è di 50mila euro per la messa in sicurezza, poi vero e proprio recupero da 300mila euro"

Sfregiata, scalfita, vandalizzata. E ora trasformata in un cantiere. Sono già al lavoro da ieri gli operai dell’azienda Eur Spa sul travertino scheggiato della scalinata del Palazzo della Civiltà italiana, quello che a Roma tutti conoscono come Colosseo Quadrato. Il simbolo del quartiere e oggi quartier generale della maison Fendi verrà messo in sicurezza entro pochi giorni con uno stanziamento per i primi interventi di 50mila euro.

Poi arriverà il vero e proprio restauro. A farsi avanti è stato lo stesso Gruppo Fendi che dal 2013, e fino al 2028, ha in affitto il Palazzo ed è ora disposto a mettere sul piatto 300mila euro. «Un lavoro più complesso, quest’ultimo che realizzeremo con il coinvolgimento della Sovrintendenza e del Campidoglio» ha spiegato il presidente del IX municipio Andrea Santoro.

Già mecenate di felici restauri come quello della Fontana di Trevi, e gli annunciati recuperi di altri quattro opere romane (il fontanone del Gianicolo, la fontana del Mosé, il Ninfeo del Pincio e la fontana del Peschiera in piazzale degli Eroi), la maison d’alta moda finanzierà dunque anche la riqualificazione del monumento razionalista vincolato dal Mibact.
Roma, Fendi restaurerà la scalinata del Colosseo Quadrato danneggiata dai vandali

Gli operai al lavoro sulla scalinata del Colosseo Quadrato all'Eur
Condividi

Ma a preoccupare il Campidoglio, il municipio ed Eur Spa, la società che detiene la proprietà immobiliare del Palazzo della Civiltà italiana, è che lo sfregio alla scalinata possa ripetersi.

Nel quartiere, racconta il minisindaco, i reati contro il patrimonio sono in aumento nel quartiere, a dispetto del calo di risse o scippi. E nei prossimi giorni polizia, carabinieri e vigili urbani saranno impegnati a monitorare e pattugliare i monumenti in funzione anti-vandali. Ma non basta.

Da un anno esatto il sistema di videosorveglianza del Colosseo quadrato è spento: «Troppo oneroso per Eur Spa», spiega il presidente Roberto Diacetti. L’ultimo atto di vandalismo ha portato però a convocare, per il prossimo 22 febbraio, un incontro aperto «ai numerosi stakeholder presenti all’Eur e alle istituzioni, coinvolgendo la prefettura di Roma e le forze di pubblica sicurezza» per «trovare soluzioni che possano consentire, con beneficio di tutti, il ripristino, l’implementazione e la gestione del sistema, per assicurare un
livello di sicurezza e di salvaguardia dei luoghi consono all’interesse culturale e imprenditoriale di questo business district che è l’Eur, vocato alla congressualità internazionale e agli affari».
L’idea è quella di istituire una “Control Room” per la sicurezza dell’Eur: un sistema di monitoraggio più stringente che integrerà gli strumenti di vigilanza di tutti gli Enti e delle aziende che operano nella zona.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news