LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Cassa armonica presidio in Villa accuse a Comune e Soprintendenza
STELLA CERVASIO
07 febbraio 2016 LA REPUBBLICA




BIANCA e blu, gialla e verde o tutta trasparente? Ancora polemiche per la Cassa Armonica. Fiumi di parole sui social e ieri mattina una manifestazione contro la scelta di non rimettere i vetri colorati inscenata da una cinquantina di cittadini dei gruppi civici Cittadinanza Attiva. Progetto Napoli, comitato Portosalvo, Assoutenti. Ma l'esperto di liberty, lo storico dell'architettura Fabio Mangone obietta: «Bianco e blu o giallo e verde, scelte possibili entrambe. L'importante però è discuterne con la cittadinanza». Nervo scoperto dei monumenti, infatti, la Cassa armonica di Errico Alvino scatena appassionate polemiche per la scelta di restauro. Vedendo i vetri trasparenti invece che gialli e verdi 15 giorni fa i movimenti avevano fatto fermare i lavori . Ieri hanno parlato davanti al monumento: « Si è ripercorso l'iter dello smontaggio del marzo 2012 spiegano - la corolla rimontata più piccola, i pezzi abbandonati nel cantiere della metropolitana, sino alla gara per il restauro il cui progetto, a nostro avviso, è stato condotto con superficialità sia dal Comune che dalla Soprintendenza ».

«La verità è nel mezzo - dice lo storico dell'architettura, massimo esperto del liberty a Napoli, Fabio Mangone della Federico II -Non c'è ombra di dubbio che i vetri sono stati colorati per un certo periodo, ma non abbiamo disegni di Alvino, e la certezza di quale fosse la tinta nell'ultimo quarto dell'Ottocento, non c'è: le gouache sono poco attendibili, e le foto sono in bianco e nero». C'erano dei colori, questo è certo, e l'immagine storica consolidata era quella a colori. Prosegue Mangone: «Si potevamo fare due scelte, come sempre nel restauro di un'opera: storica oppure estetica. Per rispettare le tendenze del cromatismo dell'ultimo quarto dell' ‘800 avevamo tre strade: rifarla come la voleva Alvino (e non c'è uno straccio di sua indicazione); in mancanza di dati, gialla e verde com'era ultimamente. ("pietra non movere"). Infine, per rendere chiaro che si fa un intervento moderno, vetri trasparenti, come stavano facendo ora. Spesso nel corso del Novecento i colori di pensiline della fase eclettica e liberty sembrarono eccessive e nel rifarle si scelsero opzioni più lievi». «L'ex Caffè nazionale», prosegue, « poi ristrutturato da Cosenza e Canino diventò la razionalista Casina del Boschetto dei giornalisti, ma prima era coloratissimo. È già accaduto che nella Villa fossero stati abbassati i colori. Si può sempre sostituire un vetro o sovrapporre delle pellicole colorate. Piuttosto spiegare le motivazioni della scelta sarebbe stato atto democratico, sembra che tutto quello che riguarda la città debba essere un dialogo privato tra le burocrazie».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news