LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Bologna, esposto in Procura contro la strage degli alberi
05 febbraio 2016 La Repubblica

Tagliate 50mila piante lungo il fiume Savena. Il Wwf e l'Unione bolognese naturalisti: "Un disastro ambientale avallato dalla pubblica amministrazione, davanti a cui non si possono chiudere gli occhi"


Danni al paesaggio e all'ecosistema, deterioramento di habitat in un sito protetto, e misure di compensazione largamente insufficienti. Il tutto fatto seguendo "procedure illegittime sanate ex post, e in violazione delle regole comunitarie". Insomma, un vero e proprio "disastro ambientale avallato dalla Pubblica amministrazione, davanti a cui non si possono chiudere gli occhi". Così Paolo Pupillo, professore emerito e presidente dell'Unione bolognese naturalisti, motiva la decisione della sua associazione e del Wwf di Bologna di presentare un esposto in Procura sulla vicenda dell'abbattimento di circa 50.000 alberi, avvenuto in gran parte tra agosto e ottobre 2014, lungo il torrente Savena, nel territorio del Comune bolognese di Pianoro. Lo avevano annunciato, ora l'esposto è partito.

I lavori, spiega Pupillo, "sono stati commissionati dal Comune ad alcune ditte, stabilendo un corrispettivo 'a compensazione': le aziende non venivano pagate, ma potevano tenersi il legname, quindi più alberi abbattevano, maggiore era il loro guadagno". Come se non bastasse, rincara la dose il professore, "l'atto del Comune era illegittimo, perchè i greti dei fiumi fanno parte del demanio della Regione, che infatti ha dovuto 'mettere una pezza' sanando la situazione ex post".

I numeri, prosegue Pupillo, sono "impressionanti: 2.000 tonnellate di alberi abbattuti, 25 ettari di vegetazione distrutti, e circa 2.500 tonnellate di Co2 riemesse in atmosfera". Tutto questo "senza neppure fare una valutazione d'incidenza, come prescrivono le regole comunitarie". Anche questa, commenta il presidente dell'Unione bolognese naturalisti, "è stata fatta dopo, a cose fatte: un vero e proprio ossimoro". Unica opera di compensazione, "se così si può definire, un 'arginello' fatto con rifiuti speciali, cioè scarti di demolizione edilizia".

L'operazione messa in atto dal Comune di Pianoro, conclude
il professore, "provoca danni gravissimi al paesaggio e all'ecosistema, spiana la strada a specie alloctone invasive, difficilissime da eliminare, e aumenta alcune tipologie di rischio idrogeologico". Insomma "un autentico disastro, che si sta verificando anche in molte altre zone del Paese, e di fronte a cui non ci è sembrato giusto chiudere gli occhi". Da qui la decisione di presentare un esposto, portando così la vicenda davanti alla magistratura.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news