LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Brescia. Sì al Pgt che rigenera la città
Pietro Gorlani - Italia Brontesi
Corriere della Sera - Brescia 10/2/2016

Musil e parco delle cave per la nuova Brescia. Dure le opposizioni: «Troppe disparità»

Brescia ha una nuova variante al Piano di governo del territorio, con la quale ha dimezzato il consumo di suolo, puntando sulla rivalorizzazione dei siti industriali dismessi, a partire da quello del comparto Milano. «Poco coraggio» e «troppe disparità» accusano le opposizioni.

La sfida della «rigenerazione» è lanciata. Il consiglio comunale, dopo tre giorni di lavori e l’approvazione delle 472 osservazioni alla variante al Pgt, ha confermato la volontà della giunta Del Bono di puntare sulla rinascita dei tanti complessi industriali abbandonati. Così facendo potrà dimezzare il consumo di suolo: il documento di piano prevede edificazioni su 640mila metri quadrati (45mila metri sono stati aggiunti con le osservazioni), mentre il Pgt Paroli-Vilardi apriva (potenzialmente) a nuovi 1,22 milioni di metri quadrati. «Un documento che ha incassato il plauso anche della presidente regionale di Legambiente Barbara Meggetto — commenta il sindaco — che lo ha definito esemplare per l’efficacia con cui affronta il tema del consumo di suolo».
Il cuore di questa rigenerazione sarà il comparto Milano, dove giacciono gli scheletri delle vecchie acciaierie, e dove è prevista la nascita del museo dell’Industria e del Lavoro. I 12 milioni necessari verranno ver sati dalla società Basileus, che in cambio ha ottenuto altri 30mila metri quadri di edificabilità, a compensazione dei 37milioni di euro spesi per le bonifiche di 250mila metri d’area. Un accordo, quello tra Loggia e Basileus, che ieri ha segnato la massima distanza con le minoranze. Per Paola Vilardi (Forza Italia) la rigenerazione è stata fatta «in modo dispari». «Non capisco — ha commentato — lo scandalo di aver dato edificabilità aggiuntiva a Basileus, a Maritan Borgato, a Fs Logistic mentre la si è tolta a Finsibi, compartista della Pietra. Vorrei andare a fondo anche sui 37 milioni delle bonifiche fatte. Io da assessore non ho mai avuto i dati richiesti». Molto critica anche la Lega Nord, con Nicola Gallizioli che ha invitato a non realizzare più il Musil, «se porta con sé il sacrificio di 30mila metri quadrati». Arriva una stroncatura anche da Nini Ferrari (X Brescia Civica): «Al Musil avrei preferito di certo il campus universitario». E c’è anche chi, all’interno della maggioranza, si astiene dalla votazione: è il caso di Francesca Parmigiani (Al Lavoro con Brescia) che dice di non avere elementi sufficienti per decidere se la compensazione (in termini di volumetrie concesse) sia adeguata o eccessiva rispetto ai lavori di bonifica svolti. L’assessore all’Urbanistica Michela Tiboni ricorda però che sono stati messi paletti ben precisi: Basileus prima dovrà realizzare il Musil («che farà da traino all’intero comparto») ed entro il 2024 dovrà edificare le volumetrie concesse (ci sono interessanti progetti di case-laboratorio e mercati urbani).
La distanza con il centrodestra si è vista anche su altri progetti, a partire dallo stadio: per la giunta Del Bono è strategico riqualificare il Rigamonti («anche se esiste un problema parcheggi, che dovremo affrontare» ha detto ieri) mentre la Lega Nord ha rilanciato l’idea di realizzarlo a San Polo.
Boccia il nuovo piano anche la portavoce dei Cinque Stelle, Laura Gamba, ma per tutt’altro motivo: «Questo Pgt riduce sì le aree edificabili ma meno di quello che avrebbe potuto. E sono scesi a troppi compromessi, come nel caso di Basileus, del polo logistico Italgross a Buffalora o della discarica Profacta. Ecco, prima di concedere i 6mila metri quadri a Faustini in cambio della rinuncia alla discarica d’amianto si poteva attendere l’esito del ricorso giacente al Tar». Un punto sul quale interviene lo stesso sindaco: «Non dimentichiamoci che Faustini ha in mano un’autorizzazione regionale e i diritti escavatori possono durare decenni. Si può dire di tutto ma non che l’accordo raggiunto da Fabio Capra, da anni “nemico” dei cavatori, sia stato generoso».
Altro elemento di scontro quello riguardante un altro tassello della rigenerazione urbana, prevista nell’ex Pietra in via Orzinuovi. L’attuale Pgt aveva dimezzato alla società Finsibi la capacità edificatoria (di 25mila mq) prevista dal Pgt in vigore (e quindi valido fino al 2017) bocciando pure l’osservazione con la quale la stessa Finsibi chiedeva di reinserire le superfici. Ieri la maggioranza ha approvato in tarda serata un emendamento per riconoscere alla società nuove volumetrie a compensazione delle bonifiche che dovrà fare (previsti interventi per 5 milioni). Dovrebbe riavere un terzo delle superfici «perse». E sulla torre Tintoretto la maggioranza in consiglio ha ribadito la sua volontà di non abbatterla.
Approvato il nuovo Pgt ora la Loggia dovrà capire quanti ricorsi al Tar verranno depositati da parte di quelle imprese che si sono viste «decurtare» la potenzialità edificatoria.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news