LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Napoli. Piazza del Plebiscito abbandonata. Il Gambrinus: mettiamoci i tavolini
Anna Paola Merone
Corriere del Mezzogiorno 9/2/2016

Partita la richiesta ufficiale a Comune e Soprintendenza: un modo per tutelarla

Napoli. Una nuova richiesta è stata inoltrata agli uffici di Palazzo San Giacomo per occupare gli spazi di piazza del Plebiscito. Il caffè Gambrinus è deciso ad ottenere il via libera per sistemare tavolini e sedie in una parte dello slargo sospeso fra palazzo Reale e la basilica di San Francesco di Paola. Una scelta che fino ad ora il Comune non ha avallato — ma sempre auspicato attraverso iniziative diverse — ma che, garantiscono i proprietari dello storico locale di piazza Trieste e Trento, garantirebbe un ritorno della sicurezza nella piazza.
Il Plebiscito è effettivamente al centro di vandalizzazioni continue. Nella piazza le baby gang agiscono sostanzialmente indisturbate e considerano il colonnato — da poco restaurato — un campo giochi per scorribande che lasciano segni indelebili sul patrimonio pubblico. «Noi vogliamo far vivere la piazza - garantisce Massimiliano Rosati, nipote dei proprietari del caffé —. Esattamente come avveniva cento anni fa, vogliamo sistemare qualche tavolino in piazza. In termini pratici riportare luce, vita e sicurezza in uno spazio dove questa cose non sono affatto scontate e dove è molto complicato organizzare anche controlli che siano efficaci».
La domanda è stata inoltrata da poco ed è dunque presto per un eventuale sì. «Se fosse un no — aggiune Rosati — non ci lasceremo scoraggiare. E chiederemo ancora. Perché proponiamo un modello che è presente in tutte le più belle città del mondo».
Una richiesta sulla quale devono pronunciarsi Comune e Sovrintendenza e per la quale il modello di riferimento è — fra gli altri siti — piazza San Marco Venezia. La sfida, oltre i sì e i no, è garantire un arredo per eventuali tavolini, sedie e ombrelloni. I gazebo sono tecnicamente vietati anche se, ad osservare la vicina piazza Trieste e Trento tutto sembra possibile, anche se la zona è tutelata ricade sotto la tutela dell’Unesco.
Tutta l’area del Plebiscito doveva essere al centro di una rivoluzione: sotto il colonnato della basilica di San Francesco di Paola dovevano arrivare negozi e botteghe artigiane. Il sito è stato al centro di un complesso lavoro di restauro costato tre milioni. I negozi non sono mai arrivati, l’annunciata videosorveglianza neanche e sui bei muri ripuliti sono tornate le scritte dei vandali.
E, a proposito di ritardi, la storia dei tavolini del Gambrinus non è certo nuova. Il Comune si disse pronto a dare il via libera ad una nuova sistemazione della piazza fin dal marzo 2014. Anche in quella occasione si parlò di recupero generale dello slargo e venne promossa una manifestazione di interesse tesa sia alla «collocazione» dei locali sotto il colonnato (anche in quel caso dovevano essere destinati a negozi e botteghe) che il ridisegno della piazza dove dovevano essere sistemate sedie e tavolini. Dunque una «minirivoluzione» estesa anche ai bar che si trovano dall’altro lato della piazza, sul versante Santa Lucia.
Effettivamente ad inizio Novecento, signore e signori sorbivano caffè e bevande seduti ai tavolini di marmo del Gambrinus in piazza e qualche foto d’epoca lo testimonia con ricchezza di particolari. Tavoli di marmo, pochi fronzoli, tutto molto essenziale e ameno. E, in memoria dell’epoca che fu, già all’epoca della giunta Bassolino i proprietari del Gambrinus si fecero avanti per riproporre la situazione di inizio secolo. All’epoca fu risposto loro che ci sarebbero stati problemi legati al rischio che i cortei potessero interferire con la normale attività del bar. Poi arrivò la manifestazione di interesse della primavera 2014. Nuove richieste e molti altri no



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news