LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

MUSEI CAPITOLINI - Un velo sui miliardi e sui diritti
11 febbraio 2016 LA REPUBBLICA




CARO Dottor Augias, ho letto l'intervento di Mario Vargas Llosa ( Repubblica, 8 febbraio) sulla storia delle Veneri in scatola. Vi si parla di «atteggiamento vergognoso» e di «tradimento nei confronti della cultura» — forse è un po' troppo. Un grande intellettuale come Llosa sa qual è la situazione che nel nostro paese si protrae da un decennio, perché poi ne parla; dovrebbe capire quale boccata di ossigeno possano essere 17 miliardi di commesse. Sono un vecchio comunista, i miei vecchi amici dicono che mi sono imborghesito, molto probabilmente è vero. Anch'io da giovane sono stato disoccupato, fu il periodo più duro della mia vita, per guadagnare qualche soldo facevo la comparsa a Cinecittà. Non mi piace tutto questo chiasso sulle statue, il problema della disoccupazione è molto più importante dei patemi di alcuni intellettuali che hanno la "pagnotta sicura" e in nome di questa sicurezza si permettono un'ironia che a me pare francamente facile.

Alfredo Ascani — jeffgoodwin2013@btinternet.com

LA RECENTE gaffe in Campidoglio è uno di quegli episodi che sembrano fatti apposta per alimentare giustificate, divertite, umilianti, polemiche di costume. Che nessuno (presidenza del Consiglio? ministero? Semplice funzionaria?) si sia chiesto quali conseguenze la ridicola trovata dei paraventi di legno avrebbe potuto avere è sintomo di una preoccupante miopia gestionale. Dettata chissà da che: inesperienza, provincialismo, incapacità d'immaginare le conseguenze del gesto. Dire che non era difficile prevederle: in un'epoca che consuma ogni giorno immagini simboliche, la Venere capitolina in scatola sarebbe finita, tra gli sghignazzi, sulle prime pagine di tutto il mondo. La sala dei musei che ospita l'autentica statua equestre di Marc'Aurelio (quella sul piazzale è solo una copia mediocre) è spettacolare, giusta quindi la scelta di farne la sede per colloqui e dichiarazioni. Il disastroso eccesso di zelo di qualcuno ha voluto però che si disponessero le sedie in modo che lo sguardo dell'illustre ospite non intercettasse i testicoli dell'antico destriero. Come se in Iran i cavalli andassero in giro privi di quei preziosi attributi. Tutto questo però, mi permetto di dire, è solo effimero folclore; una gaffe ridicola ma non molto diversa da quelle in cui qualunque diplomazia può incorrere. Del resto Vargas Llosa si dimostra egli stesso non del tutto informato quando descrive la crisi economica italiana come indotta «dal populismo, cioè dalla sua stessa irresponsabilità demagogica». Lo sanno anche i muri che le cause sono diverse, più grandi, più gravi. La sostanza vera è che davanti a 17 miliardi di possibili commesse chiunque al mondo firmerebbe qualunque cosa, anche col diavolo. Infatti il vero aspetto drammatico dell'intera faccenda, a mio parere, non è l'aver nascosto la marmorea bellezza d'una statua che è solo un penoso incidente. La reale "sottomissione" è aver dovuto firmare, con molti sorrisi e cordiali strette di mano, trattati e contratti con un paese nel quale le adultere vengono lapidate e gli omosessuali sono appesi per il collo a una gru sulle pubbliche piazze.





news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news