LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

"Non i soliti capolavori la Pinacoteca vi stupirà"
PAOLA NALDI
11 febbraio 2016 LA REPUBBLICA



La storica dell'arte bolognese ha assunto la guida del museo a novembre. Ora il ministero investe un milione di euro


Sogna una Pinacoteca che dialoghi con la città, che sappia intercettare il turismo "mordi e fuggi" abituato ad andare poco oltre Piazza Maggiore. Un museo dove l'arte del passato dialoghi con il contemporaneo e con altri linguaggi, che sappia collaborare con l'Università e l'Accademia, senza puntare necessariamente ai grandi eventi. Cammina con piccoli passi ma determinati, Elena Rossoni che dallo scorso novembre dirige il museo di via Belle Arti.

Dottoressa Rossoni, la riforma ministeriale porta nelle casse della Pinacoteca oltre un milione di euro. Cosa ne farete?

«Completiamo i lavori per trasferire qui i depositi da Palazzo Pepoli, sostituire l'ascensore esterno e spostare il Gabinetto dei disegni. Sono interventi importanti perché ci permetteranno di esporre a rotazione tutto il nostro patrimonio».

Quindi la riforma delle Soprintendenze ha anche aspetti positivi.

«Stiamo sperimentando un nuovo modo di lavorare. Vedremo. Il ministro Dario Franceschini ha promesso 500 assunzioni di cui forse potremo beneficiare. E, comunque, il fatto di appartenere ad un Polo museale permette di condividere risorse umane e quindi di colmare lacune che sono comuni. Penso soprattutto a figure professionali che abbiano competenze in fatto di promozione, comunicazione, ricerca di fondi. Ad oggi tutto questo manca in Pinacoteca ma è assolutamente necessario se vogliamo far conoscere questa raccolta, che merita un numero di visitatori più alti».

Perché secondo lei i turisti non arrivano fino in via Belle Arti?

«Forse soffriamo nell'essere in una posizione un po' defilata rispetto al centro. Ma stiamo lavorando con il Comune e il Teatro Comunale nel tentativo di rivalutare la zona che è un polo culturale naturale».

Qual è secondo lei la soluzione?

«Non pensare solo alle grandi mostre, se non ci sono le risorse. Bisogna intercettare pubblici differenti. La novità potrebbe essere una lettura multidisciplinare delle collezioni. Ad esempio, con Bologna Festival, abbiamo avviato un ciclo su "musica e pittura". Aver esposto qui alcune incisioni di Giorgio Morandi, attinte alla collezione di Luciana Tabarroni, ha avviato una relazione con il contemporaneo e ha dato buoni risultati. A Palazzo Pepoli solo a gennaio ci sono stati 5.562 visitatori, contro i 988 del gennaio scorso. Nello stesso periodo in Pinacoteca abbiamo avuto 4.973 ingressi contro i 3.312 del 2015.E stiamo consolidando altre collaborazioni ».

Quali?

«Vorrei strutturare meglio, in maniera organica, la collaborazione con l'Accademia e l'Università, offrendo tirocini agli studenti: ad esempio, oggi gli allievi dell'Accademia curano le visite guidate alla mostra di Luciana Tabarroni. Con l'Università stiamo organizzando ricerche su singoli dipinti che poi potranno sfociare in conferenze. Domenica partirà un nuovo ciclo per bambini intitolato "Una Pinacoteca da favola!". I servizi sono gratuiti, si paga solo l'ingresso».

Una bella novità in un momento in cui nei musei tutto ha un costo.

«Per il momento ce la facciamo».

Anche con la carenza di personale? L'orario di apertura è sempre limitato.

«È vero, ma stiamo studiando la fattibilità di un sistema di controllo attraverso telecamere, che potrebbe affiancare la guardiania. Qui c'è tanto da scoprire: è un peccato che ci si focalizzi sempre sui soliti capolavori».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news