LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Celio, rischio scempio pannelli fra le case nel parking fantasma
LAURA SERLONI
09 febbraio 2016 LA REPUBBLICA

DA giardino a parcheggio. E dopo 13 anni a parco fotovoltaico. Quello che era, quello che è diventato e quello che sarà: genealogia di due ettari di verde al Celio, vincolati dalle Soprintendenze e a cinquanta metri da Santo Stefano Rotondo, una delle più antiche chiese cristiane a pianta circolare.

Era il 2002 quando — nonostante le proteste dei residenti e le battaglie di Italia Nostra — vennero asfaltati un centinaio di alberi secolari da frutta e ad alto fusto nel giardino dell'ospedale dell'Addolorata. Il parcheggio, avallato dal Comune e i cui lavori vennero seguiti in prima persona dall'allora capo di gabinetto Luca Odevaine (ai domiciliari per Mafia capitale ndr), è diventato realtà nel 2003. Trecento posti auto per i familiari dei malati, a pagamento. Tutti rotti i parcomentri. Da anni. E l'area, una landa di asfalto e veicoli, è zona di posteggio per sanitari e dipendenti pubblici. «La riqualificazione », così la definisce l'azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata nella relazione alla Soprintendenza — passa per «la realizzazione di un impianto fotovoltaico da realizzarsi con pensile integrate nel contesto paesaggistico esistente».

Un primo progetto venne presentato nel maggio 2015: 40 pilastri in cemento armato ognuno sormontato da 4 moduli. Tradotto: 160 pannelli solari alti quasi 4 metri. Troppo ingombranti, il piano viene migliorato. E a ottobre ecco la proposta definitiva avallata in 24 ore dalla Soprintendenza per l'Area archeologica: i pilastri diventano 33, ma da quattro diventano di sei metri e anziché essere disposti su 10 file vengono allineati su 11, l'altezza è di tre metri e mezzo. Ogni colonna supporta 45 metri quadrati di pannelli solari, una specie di monolocale d'energia alternativa. Giù pure le ultime 23 acacie coraggiosamente sopravvissute nel tempo. Le (uniche) prescrizioni dell'ente di tutela sono che «gli scavi siano eseguiti da un archeologo, poiché in precedente situazione analoga sono stati rinvenuti reperti mobili di interesse archeologico », che «pali e pensiline siano coperti da edera o rincosperme » e la «ripiantumazione di 33 alberi». E pazienza se centinaia di residenti di via Sant'Erasmo si affacceranno sul mega impianto che dista neanche 10 metri dalle loro finestre. Neanche i vincoli archeologici e ambientali di un'area pregiatissima del centro storico hanno fermato il piano.

Lavori da un milione di euro affidati senza gara alla Cofely, azienda leader dei servizi di efficienza energetica che già si occupa del sistema di riscaldamento dell'ospedale Addolorata. Ma il maxi impianto servirà per il vicino ospedale britannico, annesso al San Giovanni. «Uno scandalo — chiosa Nicola Vitucci, presidente del comitato residenti via di Sant'Erasmo che insieme alla consigliera del municipio I, Nathalie Naim, invierà le carte in procura e alla Corte dei Conti — Chi ci dice che con i pannelli solari così vicini alle nostre case non ci siano dei rischi per la salute, per l'enorme impatto che potrebbero avere per l'eccedenza di calore o di riflesso?». È «una mostruosità — incalza Naim — un parco già distrutto che anziché essere ricostituito viene devastato definitivamente. La Soprintendenza che dovrebbe tutelare il centro storico, aiuta a distruggerlo ». Centinaia le firme già raccolte per fermare lo scempio. «Non si può edificare — continua Vitucci — Eppure si tirano su plinti in cemento armato con una struttura in acciaio». Il muro di cinta del parcheggio è più volte stato dichiarato pericolante da perizie, vigili del fuoco e uffici tecnici. Cosa succederà con 132 pannelli solari?. «Non siamo riusciti a bloccare il parcheggio — conclude il presidente del comitato — faremo di tutto per bloccare il parco fotovoltaico nel centro storico della città».




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news