LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sì al bilancio preventivo ma il Maggio ignora il taglio della Regione
ILARIA CIUTI SIMONA POLI
11 febbraio 2016 LA REPUBBLICA



IL Maggio ha i conti a posto? Evidentemente ne sono certi i membri del consiglio d'indirizzo del teatro, presieduto dal sindaco Dario Nardella, che ieri hanno approvato due bilanci presentati dalla Fondazione, quello consultivo del 2015 e il preventivo del 2016, nonostante il taglio di un milione ai fondi l'anno in corso annunciato a Repubblica dalla vicepresidente della Regione Monica Barni. Il bilancio del 2015 va in pareggio con un anticipo di dodici mesi rispetto a quanto previsto dal piano triennale che poneva questo risultato come condizione necessaria per ottenere i contributi del Fondo rotativo previsto dal ministero dei Beni culturali per le Fondazioni in crisi. Il Maggio riesce a centrare l'obiettivo attraverso alcune partite straordinarie. Passa all'unanimità anche il via libera sul bilancio di previsione del 2016, che dà per scontato l'ingresso di quei 4 milioni e mezzo della Regione che la Barni ha ridotto a 3 e mezzo. Un azzardo. Forse calcolato.

IL CASO



Manca un milione all'appello, insomma. Ed è escluso che Barni ci ripensi. «Il taglio è confermato», ripete la numero due di Rossi che ha la delega alla cultura. «Dal mio assessorato per il Maggio usciranno 3 milioni e mezzo, nemmeno un centesimo di più». La spiegazione del taglio segue una logica precisa: «Ci sono 11 milioni nel budget del dipartimento per finanziare spettacoli, teatri e musica in tutta la Toscana, darne 4 e mezzo solo al Maggio è impossibile. Esistono anche gli altri enti, il territorio è grande».

Sia Nardella che il soprintendente Francesco Bianchi l'hanno sentita per telefono prima della riunione, quindi erano avvertiti. Ufficialmente non commentano il taglio e fanno di tutto per apparire tranquilli, come se dessero per scontato che i contributi regionali negati dalla Cultura potrebbero materializzarsi nei prossimi mesi sotto altra forma. Non risulta però che il governatore Rossi abbia stretto "patti segreti" col sindaco di Firenze. Il consiglio di indirizzo potrebbe essersi semplicemente preso la libertà di inserire nel bilancio di previsione una previsione molto ottimistica.

Del resto quella sul finanziamento regionale non è l'unica. Il piano di previsione del 2016, a giudizio del consiglio, non solo sarà in pareggio senza artifici finanziari ma addirittura «supererà l'obiettivo fissato dal piano triennale di risanamento in corso». La Fondazione prevede di vendere nell'anno appena iniziato biglietti e abbonamenti per 5 milioni e 700.000 euro con 269 alzate di sipario, ma senza alzare i prezzi. Previsti anche 4,5 milioni di sponsorizzazioni private al momento del tutto ipotetiche, tranne l'unico dato concreto che è di un milione in meno nel 2015. Altro pronostico non ancora suffragato da fatti concreti sono gli 800 mila euro che la Fondazione spera di guadagnare tramite il crowdfunding che partirà a maggio. Ci sono però ancora fornitori da saldare e artisti da pagare. E un milione in meno dall'assessorato regionale alla Cultura non è cosa da poco. E c'è di più: quei 4 milioni e mezzo attesi per il 2016 sarebbero dovuti diventare un contributo fisso, stabile, sicuro. E non una partita da ridiscutere all'inizio di ogni nuovo anno.

Nardella e Bianchi guardano con fiducia al futuro e parlano di «evidente svolta» di un teatro che solo due anni fa stava per andare in liquidazione coatta. Di un traguardo raggiunto addirittura in anticipo. Il 2015 poteva essere un anno nero per la Fondazione e invece le cose sono andate per il verso giusto. Come ha fatto il Maggio in soli sei mesi a lasciarsi alle spalle, non le fosche previsioni ma gli assai negativi conti concreti del super commissario nazionale per le Fondazioni in crisi Pinelli che sottolineava le cifre in rosso? Grazie ad alcuni strumenti contabili. Intanto il bilancio 2015 viene risollevato dall'uso di una partita straordinaria: 6 milioni, dei 13 stralciati dalle banche dal debito che con loro aveva il Maggio, considerati non come debito da non dovere più pagare ma come somma che torna nel capitale. Si tratta di un artificio, ma essendo un'operazione finanziaria utile al rilancio è un artificio consentito. Per il resto i conti del 2015 segnalano anche miglioramenti reali: un milione in più rispetto al 2014 ricavato dalla vendita dei biglietti di 233 alzate di sipario contro le 190 dell'anno prima e un rapporto tra costi di produzione e ricavi che, dichiara Bianchi, «non solo migliora in modo considerevole rispetto alla media storica degli ultimi anni», ma è anche «superiore agli obiettivi del piano di risanamento ». Un equilibrio economico ritrovato che rappresenta per Bianchi, ex commissario della Fondazione, anche un successo personale.

E proprio nella seduta in cui, dopo l'annuncio di Monica Barni, i rapporti tra giunta toscana, Palazzo Vecchio e teatro potevano sembrare sull'orlo di una crisi, il consiglio di indirizzo, all'unanimità, sceglie di nominare vicepresidente della Fondazione il professor Mauro Campus. Ossia il rappresentante della Regione nell'organo di indirizzo del Maggio.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news