LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un monumento per Mantova Capitale
di Sandro Mortari
10 febbraio 2016 la gazzetta di Mantova



Intesa tra Comune e ministero: sarà davanti al castello. Ora una commissione individuerà l’artista. Prevista una spesa di 50mila euro che sarà divisa a metà tra Mantova e Roma




MANTOVA. Un’opera d’arte contemporanea, forse una statua, davanti al Castello di San Giorgio per accogliere i turisti. Il dialogo tra antico e moderno su cui punta Mantova nell’anno che trascorrerà da capitale della cultura. È l’idea che la giunta Palazzi, nei giorni scorsi, ha messo nero su bianco con il ministero per i beni culturali. E che è stata condensata nel protocollo d’intesa tra il Comune e la Direzione generale arte e architettura contemporanee e periferie urbane del dicastero diretto da Franceschini . È, questo, lo strumento di cui i due enti si sono dotati per individuare l’artista italiano di fama internazionale che realizzerà la nuova opera d’arte all’ingresso più suggestivo della città.

L’ubicazione, infatti, c’è già: «Spalle al Castello - precisa il sindaco Mattia Palazzi - nel giardino a sinistra». Nel protocollo si legge che l’area prescelta è «collocata tra via San Giorgio e la strada provinciale ex ss10 (via Legnago alla fine del ponte di san Giorgio, ndr.), che si configura quale porta d’accesso al centro storico della città». L’area, si sottolinea, «è fortemente caratteristica e suggestiva sia sotto il profilo storico-architettonico che paesaggistico». Ciò significa che chi avrà il compito di scegliere l’artista dovrà prestare particolare attenzione al contesto in cui, poi, egli dovrà inserire la sua creazione. Per il sindaco, però, il luogo che accoglierà l’opera non è ancora definitivo: «Quando avremo scelto il curatore del progetto, toccherà a lui effettuare un sopralluogo e verificare l’esatta collocazione dell’opera che - precisa il primo cittadino - potrebbe essere una statua, una scultura o una installazione d’arte contemporanea». Palazzi è anche già pronto ad affrontare le polemiche che la collocazione di un corpo estraneo al contesto storico-artistico della zona per ora individuata potrebbe portare con sè. Sceglie una citazione del drammaturgo Bertolt Brecht per far capire che non sarà certo l’opposizione di qualche conservatore a fermarlo: «Se non si osa nulla non si può neppure vincere nulla». I polemisti di professione sono avvisati.

In base all’accordo sottoscritto, il Comune e il ministero si sono impegnati a versare ciascuno 25mila euro a testa (Iva compresa) per sostenere la spesa che si suppone di 50mila euro.

La Direzione generale di arte e architettura contemporanee e periferie urbane è stata costituita dal ministro Franceschini al momento del suo insediamento. Si tratta di un organismo che, tra i suoi compiti istituzionali, ha quello di promuovere iniziative di riqualificazione e valorizzazione delle periferie urbane anche attraverso convenzioni con soggetti pubblici e privati e di promuovere la creatività e la produzione artistica contemporanea attraverso la valorizzazione delle opere degli artisti. Presto, d’intesa con il ministero, verrà costituita una commissione selezionatrice che «avrà il compito - spiega il sindaco - di bandire un concorso internazionale per individuare l’artista di fama che dovrà realizzare l’opera d’arte, che poi rimarrà a Mantova». La commissione, di cui ancora non si conosce il numero di componenti, avrà il compito di definire i requisiti ambientali, dimensionali e tecnici dell’opera e individuare i criteri con i quali identificare gli artisti italiani di fama internazionale che rispondano alle condizioni dettate. Ci sarà, poi, un curatore, nominato da Comune e ministero, che indicherà una rosa ristretta di artisti tra cui la commissione sceglierà quello a cui demandare la realizzazione dell’opera d’arte. Toccherà, poi, alla stessa commissione valutare l’idoneità dell’opera proposta per nobilitare l’ingresso più bello di Mantova. Per ora sono stati individuati i referenti operativi che dovranno dare attuazione alla convenzione: Elena Froldi Paganini, dello staff del sindaco Palazzi, per il Comune; Carolina Italiano per il ministero per i beni culturali. Individuato anche il referente politico per il Comune, e cioè l’assessore alla rigenerazione urbana Lorenza Baroncelli.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news