LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

ROMA-Italiani, vi piace trivellare?
Stefano Luppi
www.ilgiornaledellarte.com, n. 361, febbraio 2016

A oggi 326 concessioni. È la Basilicata il Texas d’Italia


Lo scorso 19 gennaio la Corte costituzionale ha ammesso un referendum con il quale entro il prossimo giugno [presumibilmente il 17 aprile] si chiederà ai cittadini italiani se intendano abolire o meno il divieto di attività di analisi, ricerca e coltivazione di idrocarburi nel mare entro le 12 miglia marine.
Tornano al centro dell’attualità politica le trivellazioni che, in mare e in terra, in Italia sono un numero altissimo come riporta il «Bollettino ufficiale degli idrocarburi e delle georisorse» redatto dal Ministero dello Sviluppo economico, guidato dall’emiliana Federica Guidi. Un quesito tecnico, il prossimo referendum, che ha assunto però valenza politica, come dimostrano le accese polemiche a partire dallo scorso dicembre, con l’approvazione della Legge di stabilità nella quale il Governo ha inserito normative che hanno fatto andare su tutte le furie gli ambientalisti.

Nove regioni (Basilicata, Marche, Puglia, Sardegna, Veneto, Calabria, Liguria, Campania e Molise) hanno proposto numerosi cambiamenti, con il ricorso al voto popolare. Tutti quesiti referendari bocciati dalla Cassazione o non ammessi dalla Consulta in gennaio, tranne appunto quello citato. Se Palazzo Chigi ha messo per iscritto nella Legge di stabilità che le concessioni per le trivellazioni vanno rilasciate «per la durata di vita utile del giacimento», le associazioni ambientaliste Wwf, Greenpeace, Legambiente, Marevivo, Touring Club ribattono che «si tratta di un favore ai petrolieri tanto che il Governo aveva classificato le trivellazioni come opere strategiche». L’esponente verde Angelo Bonelli, ad esempio, parla di «assalto delle lobby petrolifere» mentre il presidente della Puglia Michele Emiliano (Pd) ha detto che «trivellare il nostro mare è una vergogna e una follia». Secondo gli ambientalisti, infatti, non produrrebbero danni alla fauna marina soltanto le trivelle, ma anche la preventiva tecnica «airgun», gli spari ad altissimi decibel che servono a individuare i giacimenti sotterranei.
Che l’Italia e i mari che la cingono, soprattutto l’Adriatico, siano molto «bucherellati» lo confermano i dati del «Bollettino» ministeriale, aggiornato al 31 dicembre 2015 (informazioni sono presenti anche sul sito del Ministero http://unmig.mise.gov.it). Le ricerche di petrolio e in particolare di idrocarburi, composti organici di origine fossile presenti negli strati geologici, sono in netto aumento: oggi in Italia le concessioni sono 326 e si scava anche nei pressi di luoghi paesaggisticamente delicati come Pantelleria, le isole Tremiti e la Sicilia, dove ampia è la biodiversità marina.
Nel dettaglio, si tratta di 90 concessioni sulla terraferma per ricerche e sfruttamento del sottosuolo e 24 nei fondali marini, a cui si aggiungono altre 143 in terra e 69 in mare per le «coltivazioni» di idrocarburi già individuati con scavi preventivi (vanno realizzati pozzi di trivellazione anche per la ricerca). Praticamente ogni regione italiana vede attivate concessioni: per quanto riguarda i permessi di ricerca degli idrocarburi, il record si ha in Emilia-Romagna (proprio la regione del ministro Guidi), con ben 31 siti presenti per un totale di oltre 6mila chilometri quadrati di territorio; al secondo posto c’è la Lombardia con 15 siti per quasi 4mila chilometri quadrati. Al terzo c’è l’Abruzzo, con 11 permessi e 2.200 chilometri quadrati di superficie interessata, ma il «Texas» d’Italia per quanto riguarda le trivellazioni è in Basilicata, visto che a Viggiano (Pt) nella Val d’Agri ha sede il Centro Olio dell’Eni con 27 pozzi presenti. In questa regione, tra le meno popolose d’Italia, secondo dati del 2014 dell’Unione Petrolifera si raccoglie il 69% del greggio e il 16% del gas estratti nella Penisola.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news