LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SARDEGNA - ORISTANO - L’ex Caldersarda in abbandono
di Enrico Carta
08 marzo 2016 LA NUOVA SARDEGNA


La fine di un'epoca lascia sempre dietro di sé tante testimonianze. Oggi quei capannoni abbandonati, dove un tempo risuonava il rumore dei macchinari e il vociare degli operai, sentono solo il suono del passaggio delle auto che arrivano a Oristano. Qualcuno li chiama, un po' romanticamente, esempi di archeologia industriale. Per altri, sono solo rovine, brutture di una città che magari rivendica un futuro in cui il decoro urbano la attraversi. Ex Caldersarda. Via Cagliari, angolo via Messina. Ma il terreno di proprietà di quella che un tempo fu la Caldersarda, una realtà produttiva importante per Oristano, si estende per diverse decine di metri, ben oltre quelli che sono occupati ancora oggi dalle mura dello stabilimento. L'azienda, che ha chiuso i battenti da oltre vent'anni, produceva cisterne e grandi contenitori in cemento, prima che il piccolo sogno industriale oristanese andasse lentamente scemando. Di quell'utopia restano oggi i segni del lavoro che fu, come se l'orologio si fosse fermato nel momento in cui arrivò la serrata definitiva. La fabbrica abbandonata. La pietra tombale sulla fabbrica ha però lasciato un'eredità su Oristano che, come cartolina d'ingresso per chi arriva in via Cagliari da Santa Giusta, regala un angolo di completo abbandono. Dovrebbe essere un terreno inaccessibile, ma la rete di recinzione completamente arrugginita ha le sue falle. Il campo che dà su via Messina con la sua erba e fiorito nonostante la stagione invernale è un ingresso che stona col resto. Quel che invece si vede in auto da via Cagliari è una struttura in rovina, dove i segni dell'abbandono vincono. Archeologia post industriale. Il resto lo raccontano proprio quelle pareti e ciò che le circonda e le mette al riparo dalla pioggia. Il tanto temuto e presente amianto occupa solo un piccolissimo spazio di questa cartolina del secolo scorso, quadretto da era post industriale che il tempo non ha cancellato. Al di fuori di quello che un tempo era il corpo della fabbrica restano mattoni, manufatti in cemento, travi di ferro o di metallo, tubi, impalcature ormai consunte dagli anni che, implacabili, trascorrono. È qualcosa di non molto distante dall'immagine di una piccola discarica. Dentro la fabbrica. L'interno sembra blindato. I lucchetti impediscono l'accesso, non altrettanto vale per la vista grazie alle vetrate rotte. Dentro c'è un mondo perduto. Macchinari fermi, attrezzi da lavoro, persino i bagni utilizzati dagli operai nel momento in cui terminavano il loro turno. Ci sono addirittura dei tavoli e dei frigoriferi. E poi qualcosa che non può non destare curiosità: tante buste ammassate come se dovessero essere portate via già domani. Invece sono lì da anni, immobili, senza nessuno che sappia rispondere alla domanda su che cosa contengano. L'amianto. Il pericolo amianto è alquanto circoscritto, ma, come ormai si sa, i rischi non derivano esclusivamente dalla quantità del materiale che ha mietuto vittime e malati in tutta la provincia. Il tetto di un locale, probabilmente di quello che ospitava gli uffici, è in eternit esposto al pari di tante altre costruzioni private o pubbliche oristanesi. In via Olbia, per i locali ex Isola, la procura è intervenuta, ma qui si tratta di una struttura privata per cui lo smaltimento segue altre strade. Rifiuti da smaltire. In ogni caso il problema rifiuti resta. Sia all'esterno che all'interno i dubbi non possono non venire. Anche per il materiale in cemento, le procedure sono particolari e la domanda su cosa contengano i numerosi sacchi accatastati all'interno del vecchio stabilimento rimane nell'aria. Appena cinque anni fa, rifiuti classificati come speciali ma non pericolosi provenienti dal cantiere dell'ex Caldersarda erano stati rinvenuti sottoterra durante un controllo della Guardia Forestale che stava effettuando verifiche sullo smaltimento. Saranno passati troppi anni dalla chiusura per trovare qualcuno che possa ancora oggi dare delle risposte?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news