LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

CORMÒNS - La Sovrintendenza: niente fotovoltaico sul tetto del Comune
di Matteo Femia
11 marzo 2016 il messaggero veneto


CORMÒNS Posizionare il fotovoltaico in pieno centro storico? Non è da tutti, soprattutto se a presentare la domanda è un ente pubblico. La vicenda in questione ha del paradossale. Sì, perchè quello che è riuscito a privati cittadini, pare impossibile ai vigili urbani. È quanto accade a Cormòns. Il Comune si è visto rifiutare dalla Sovrintendenza alle Belle Arti il via libera all'installazione di pannelli fotovoltaici sul tetto della sede della polizia municipale, sita proprio accanto al Museo del Territorio nell'ampio complesso attinente a Palazzo Locatelli, sede del Comune. Un «niet» motivato dal fatto che anche la struttura che ospita il comando dei vigili urbani è in pieno centro storico, e quindi come tale soggetta a maggiori ristrettezze in ambito architettonico e paesaggistico rispetto ad altre aree. Peccato che, come sottolinea il sindaco Luciano Patat, questo regolamento assai poco permissivo nei confronti dell'ente pubblico non valga per tutti. «Purtroppo oggi la burocrazia è ferrea in questo senso con le istituzioni pubbliche, che è quindi costretto a rinunciare all'ipotesi di posizionare materiale sicuramente in grado di fornire un servizio più economico e rispettoso dell'ambiente come il fotovoltaico – spiega il sindaco –, mentre, direi fortunatamente, per il privato le regole sono meno ferree, e a testimonianza di ciò c'è il fatto che sono diversi i privati che sui tetti del centro storico hanno potuto posizionare senza troppi problemi questi pannelli. Cosa che invece al pubblico non è permesso, e quindi a causa del «no» da parte della Sovrintendenza alla nostra richiesta, abbiamo dovuto rinunciare all'ipotesi di installarne sul tetto della sede di polizia municipale. E a nulla è servito nemmeno il fatto che la struttura in cui sono ospitati i vigili abbia una copertura che non è visibile dall'esterno, perché spiovente verso l'interno dell'area comunale. E quindi non andrebbe di fatto ad alterare la visione del centro storico da parte di chi passeggia o transita nelle vie limitrofe». Insomma, un no motivato, leggi alla mano, dalla necessità di salvaguardare l'opera architettonica da qualunque possibile scempio di tipo moderno, ma che in questo caso si scontra con un intervento poco invasivo e che avrebbe permesso risparmi all'ente pubblico. Che, invece, a causa di questo divieto si ritrova con le mani bloccate, impossibilitato a svolgere l'intervento. «È certamente una legislazione, quella sui centri storici, che dovrebbe essere adeguata alle nuove esigenze: non si capisce davvero perché, a parità di posizionamento, un edificio possa ospitare dei pannelli fotovoltaici in quanto struttura privata, e magari quello accanto no perché di proprietà di un ente pubblico», conclude Patat. Quello del negato permesso al'installazione dei pannelli fotovoltaici è un altro capitolo del difficile rapporto avuto in questi anni dal Comune di Cormòns con la Sovrintendenza regionale, che nel corso dei due mandati del sindaco Patat ha sinora sempre negato anche la richiesta dell'amministrazione municipale di abbattere almeno una (quella interna) delle due palazzine ancora in piedi nell'area ex caserma Amadio.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news