LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Un grande museo in rete: ecco la riforma Torrenti
di Isabella Reale
09 marzo 2016 Il MESSAGGERO VENETO

La legge 23 rivoluziona i criteri: istituti e collezioni sotto una gestione coordinata Biblioteche e archivi connessi on line. Esposizioni pi attrattive e attente al turismo


UDINE. Senza scadere nelle lamentazioni geremiache peculiari degli operatori della cultura, di fatto metodicamente sterminati e spesso anche senza speranze nel risollevamento dei loro istituti oggi ridotti a uffici amministrativi in balia del velleitarismo e dal fai da te degli assessori di turno, l'immagine che i musei della nostra regione offrono al visitatore e al turista quanto mai discontinua ed anche molto polverizzata: sono tanti, troppi, nati certo da una forte motivazione identitaria e territoriale delle collezioni, ad esempio etnografiche, ma anche dal caso e della mancanza di un disegno territoriale.

Si tratta di musei spesso aperti a singhiozzo, poco attrattivi dal punto di vista allestitivo, della comunicazione e di quel diletto che parte integrante del piacere di sostare nelle sale espositive, dove ad esempio si pu, come ci insegnano i musei pi evoluti, sorseggiare anche un buon vino e partecipare a una conferenza.

E dopo decenni di contributi a pioggia, durante i quali molti di loro, convertiti in "mostrifici" che spesso valorizzano beni e opere di altrui propriet, hanno perso il senso della loro missione, ricordando che museo una struttura permanente che acquisisce, cataloga, conserva, ordina ed espone beni culturali per finalit di educazione e di studio (Codice dei beni culturali, articolo 101, comma 2 Istituti e luoghi della cultura, lettera a), si volta pagina.

Oggi la riforma degli enti locali, la prospettiva delle Uti, ma soprattutto lesigenza di lavorare insieme per contribuire a costruire unimmagine identitaria pi forte, e di conseguenza culturalmente condivisa, della nostra regione, con le sue molteplici anime che la rendono cos speciale, ha portato a un deciso cambiamento di rotta.

La direzione quella di fare sistema, ovvero fare squadra, con una reale condivisione degli obiettivi comuni al fine di essere pi incisivi nelle azioni di valorizzazione del patrimonio e del turismo culturale, che le indagini Istat ci indicano in costante crescita.

Ci implica di fatto la volont di riconquistare alla cultura il ruolo che gli spetta dal punto di vista del progresso e della crescita sociale delle nostre comunit, essendo i musei istituzioni al servizio della societ e del suo sviluppo.

La legge regionale 23 del settembre 2015, il cui regolamento ora in fase di elaborazione, ha istituito il sistema regionale di musei del Friuli Venezia Giulia, ponendo dei precisi standard di qualit da raggiungere se ci si vuole fregiare della tabella di Museo: regolamento, personale qualificato, offerta formativa, rotazione e valorizzazione delle collezioni, ricerca costante e rapporto col territorio, catalogo a posto (attenzione ci sono musei che ancora non sanno dove sono le loro opere) ovvero patrimonio consultabile on line, e quindi condiviso.

Il tempo di mettersi in carreggiata, e per i musei minori e medi di coordinarsi mettendo insieme servizi e obiettivi, in unottica di sussidiariet, e conseguentemente di investire sul capitale umano e sulla professionalit dei bravi e giovani studiosi, archivisti, bibliotecari, piuttosto che sperperare in inutili mostre, dopo di che verranno finanziati dalla regione solo i sistemi in regola con gli standard e la progettualit condivisa: il resto fuori.

E per gestire tale processo e anche per affrontare un problema reale, che si presenta conseguentemente alle nuove competenze che a seguito della riforma delle Province italiane (legge 56/2014), lassessorato alla Cultura della regione ha istituito il 22 febbraio, con il ddl 137, uno strumento indispensabile per la gestione dei beni culturali, lErpac, ovvero lEnte regionale per il patrimonio culturale della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Premesso e appurato che da tempo le altre regioni si erano dotate di analoghi strumenti dedicati ai beni culturali, conseguendo risultati avanzati nel campo della gestione, ottimizzazione e valorizzazione nel settore, allErpac ora spetta di dare gambe alla legge 23 e svolgere funzioni di coordinamento del compendio di villa Manin di Passariano, ovvero dellAzienda speciale e dellIstituto regionale per il patrimonio culturale, deputato, oltrech a attivit promozionali, alla catalogazione e al restauro dei beni culturali regionali.

Un ente che coordini gi queste due realt permettendo di inserirle compiutamente e di relazionarle in un unico sistema dei beni culturali regionale sarebbe gi per se positivo, ma tra le disposizioni urgenti in materia di cultura si affronta, e di petto, un altro spinoso problema, quello del trasferimento delle funzioni provinciali in materia di beni culturali, istituti e collezioni: tra questi i musei provinciali di Gorizia sono senzaltro il polo principale, senza dimenticare peraltro le altre realt museali sempre di competenza provinciale, come a esempio il Museo della vita contadina della provincia di Pordenone a San Vito, e il ricco patrimonio di opere darte
accumulato dalle stesse provincie come arredo uffici.

Di fatto si tratta di un dibattito ancora aperto, perch le soluzioni di gestione, oltre che il concetto di propriet delle collezioni, meritano di certo una pi approfondita riflessione.



news

06-12-2019
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 6 DICEMBRE 2019

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

13-01-2019
Per unarcheologia fuori dallimpasse. Lettera al Ministro Bonisoli di API (Archeologi Pubblico Impiego)

11-01-2019
Sulla riforma delle Soprintendenze e dei musei di archeologia. Dichiarazione di archeologi accademici Lincei

29-12-2018
Per un rafforzamento delle soprintendenze uniche

Archivio news