LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PISA «Ma qui in città i lavori finiscono sempre agli stessi»
di Renata Viola
12 marzo 2016 IL TIRRENO



«Come pisano non posso che essere felice per l'inizio dei lavori di restauro della Chiesa di San Paolo a Ripa d'Arno. Come imprenditore tuttavia condivido la preoccupazione espressa da Gabriele Gerini, segretario provinciale Feneal Uil di Pisa, per la drammatica crisi che interessa il settore edilizio nella nostra provincia». Inizia così la lettera di Piero Eugenio Fioretti, titolare di un'impresa edile che ha scelto le pagine del nostro giornale per lamentare alcune delle criticità che affliggono da tempo il settore e che hanno prodotto in pochi anni la chiusura di 310 aziende. «Il primo problema è che alle gare d'appalto sono invitate a partecipare le imprese di tutta Italia- dice Fioretti. E così finisce che le gare pubbliche, ricordo quella per il cimitero di Putignano vinta da un'impresa di Perugia e quella per il Marconi, a Pontedera, vinta da un'impresa della Valle d'Aosta, assicurino lavoro a operai di fuori, che non alimenteranno consumi nella nostra provincia. Per contro- ribadisce l'imprenditore pisano- gli operai di ditte che non hanno lavoro in loco sono candidati, nella migliore delle ipotesi, alla cassa integrazione, diventando loro malgrado un peso per la collettività. Perchè- si chiede Fioretti- a Lucca il restauro delle chiese e dei monumenti viene affidato a ditte locali specializzate con un criterio, a mio parere, diverso?». E mentre è atteso per aprile l'uscita del nuovo codice degli appalti, Fioretti non fa mistero che aggiudicarsi un appalto oggi, è diventata per le aziende del territorio, una quotidiana lotta alla sopravvivenza. «Mentre la Sovrintendenza ci ha invitato a una gara per la ristrutturazione di una parte della chiesa della Certosa di Calci - l'impresa è certificata dalla Soa, che prevede tra l'altro la Iso 9001- così non è avvenuto per la Chiesa di San Paolo a Ripa d'Arno. Si tratta di un monumento molto amato e parte del patrimonio artistico della città. Più volte abbiamo richiesto la possibilità di partecipare ai lavori per l'Arcivescovado e per l'Opa, dimostrando di avere tutte le certificazioni (per l'aggiornamento delle quali spendiamo circa 20.000 euro ogni due anni) rilasciate dalle Soa, organismi autorizzati dall'Anac. Avremmo gradito essere inseriti anche noi in una gara insieme ad altre ditte specializzate, ma non mi risulta esserne mai stata bandita una». Raggiunto telefonicamente, l'imprenditore si è detto amareggiato per una politica poco attenta alle imprese locali che sebbene specializzate, sono costrette a cercare appalti in giro per la Toscana, pur di garantire continuità di lavoro agli operai. Dare valore alla territorialità in senso lato e incoraggiare la concorrenza per riequilibrare un settore trainante per l'intera economia, sembra essere questo il messaggio.




news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news