LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SALERNO - il dossier - ambiente e territorio
di Marco Giordano
07 marzo 2016 La città di Salerno


Il 100 per cento dei comuni della provincia di Salerno è a rischio di dissesto idrogeologico elevato o molto elevato. Il dato allarmante si ricava dal nuovo rapporto pubblicato lo scorso 29 febbraio dall'Ispra - l'Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale - dal titolo "Dissesto idrogeologico in Italia: pericolosità e indicatori di rischio". Un record negativo inevitabile, quello della provincia salernitana, che risulta tra le prime cinque in Italia con la maggiore superficie ad elevato rischio idrogeologico. Secondo il rapporto Ispra sono infatti 1.117,8 i chilometri quadrati di territorio con un livello di pericolosità da frane e alluvioni elevato e molto elevato; vale a dire il 22,6 per cento del totale. I primi fattori che determinano il dissesto idrogeologico di un'area geografica sono sicuramente le caratteristiche geo-morfologiche, e quindi il suolo, il sistema montuoso e i bacini idrici. Ma l'urbanizzazione selvaggia, all'insegna dell'assenza di una corretta pianificazione territoriale, "può generare incrementi fuori controllo di fenomeni dannosi, come frane e alluvioni, specialmente lì dove l'abusivismo edilizio ha superato il 60 per cento, come in tutte le regioni dell'Italia Meridionale», si legge nel rapporto diffuso dall'Ispra. Un quadro a dir poco disastroso, motivo per cui, ora più che mai, risulta prioritario un monitoraggio costante di tutto il territorio locale e nazionale. Archiviare le informazioni sui fenomeni franosi è infatti un'attività strategica quanto fondamentale, che precede necessariamente la messa in sicurezza, tenendo conto che gran parte delle frane si riattiva nel tempo, anche dopo lunghi periodi di quiescenza di durata pluriennale o plurisecolare. Un livello di attenzione alzato col famoso "decreto Sarno-Quindici", arrivato dopo i tragici avvenimenti che colpirono proprio i due comuni salernitani. Quella frana fu classificata a "cinematismo rapido": crolli, colate di fango e ondate di detriti caratterizzati soprattutto da velocità elevate, fino ad alcuni metri al secondo, e anche da elevata distruttività spesso con gravi conseguenze in termini di perdita di vite umane. Sarno risulta attualmente interessata per il 43 per cento della sua estensione da aree ad altissimo rischio, ma sono tanti i comuni salernitani a versare in situazioni ben più gravi. Tutti i comuni della Costiera amalfitana, ad esempio, superano l'80 per cento di superficie ad alto rischio. Quasi l'87 per cento della popolazione amalfitana è ad altissimo rischio: 4.444 persone su 5.100 abitanti circa. A Salerno le aree interessate ad alta pericolosità rappresentano il 22,7 per cento per un totale di 13,58 chilometri quadrati, ma la popolazione coinvolta è di 4.877 persone a causa dell'alta densità abitativa del capoluogo, tipica delle città costiere. E sono proprio le aree costiere, a ridosso dei sistemi montuosi, le più problematiche, vista la loro morfologia. Ma ciò che aggrava i rischi in queste zone sono "fenomeni pericolosi come l'urbanizzazione dei litorali, con lo smantellamento e l'irrigidimento continuo degli apparati dunali (fondali sabbiosi e argillosi), che innescano processi erosivi spesso irreversibili". Pratica a Salerno non poco diffusa negli ultimi anni (si provi a pensare solo al Crescent, i 5 nuovi porti, le nuove gallerie, la cementificazione del sottopiazza della Concordia, e il nuovo monumentale progetto per la stessa piazza). Una questione, quella del dissesto idrogeologico, su cui Salerno e la provincia tutta avrebbero tanto da riflettere, per preservare anche quel 78,4 per cento del patrimonio storico-culturale di monumenti, musei e aree archeologiche, collocate tutte sul gradino più alto della scala di pericolosità da eventi franosi. Forse occorre, come assoluta priorità, invertire la tendenza anche politica della gestione del territorio, poiché i fattori di rischio naturali aumentano in modo esponenziale con l'azione scellerata dell'uomo.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news