LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Caroleo contrario agli interventi sul Parco Archeologico di Siponto
Mar 01, 2016



Ho avuto modo di apprendere, anche se in modo incompleto, sugli interventi in atto sul Parco Archeologico di Siponto e in particolare, sullarea della Paleocristiana. Le impressioni che traggo sono le seguenti e spero, veramente, che siano smentite. Non si sperimenta n si scommette sulla Storia e con la Storia (con la esse maiuscola) ricostruendo di fatto un falso (anche se Arte moderna), sui VERI Resti Archeologici. E senza soprattutto avere una prospettiva certa di una durata nel tempo delle reti metalliche soggette, oltre che alle ingiurie delle intemperie (vento, acqua, salsedine ecc.) ma anche, come sempre degli uomini. Non so poi su che basi si data una forma architettonica ad una chiesa del VI Sec., soprattutto se le pagine della storia della Basilica paleocristiana col suo Battistero devono essere approfondite e completate da altre indagini di scavo sistematico. E non si toglie l anima ad un sito archeologico PURO con il suo contesto ambientale con delle contaminazioni postmoderne anche se artistiche. Si dice che questopera, sulla cui valenza artistica non discuto, ma sul merito della sua localizzazione, serva anche a scopi didattici.

Sono fermamente convinto (anche da esperienze personali) invece che la vera didattica sono le pietre emerse dagli scavi. Quelle pietre, ognuna di esse, e nel loro insieme, raccontano una Storia, e ognuna di esse una pagina di un libro che va sempre aggiornato e quindi n coperte n spostate. Le pietre della tardo antica raccontano il primo periodo, Romano, con elementi in opera reticolata, una fonte monumentale, un insieme stratficato di opere musive che dal periodo romano vanno al V Sec e poi al VI Sec,di tombe e sarcofagi romani e paleocristiani, resti di colonne e basi di colonne,in un susseguirsi di straordinarie testimonianze che parlano di una Grande Citt, di una Grande Storia di un Grande popolo in un contesto ambientale unico, specie a primavera quando scavi e fioriture e verde davano uno spettacolo magico fondendo storia e natura, uno spettacolo amato dai visitatori, italiani e stranieri che rimanevano incantati dal vedere emergere le Pietre antiche da una fantasmagoria di colori di fiori e di piante e dai loro profumi. La didattica si fa leggendo o facendo leggere queste pagine che sono i resti archeologici nel loro contesto ambientale . Questo fascino doveva essere mantenuto intatto e proprio perch un luogo magico , a mio avviso,non si doveva n toccare n modificare, ma solo e semplicemente restaurare per conservare.

Non discuto, sia chiaro, sulla valenza artistica dellopera dellartista Tresoldi in s, ma credo che si doveva evitare questa intrusione artistica post moderna , nella storia di un luogo bello di per s, ma si poteva creare unopera analoga ponendola a fianco della Basilica Paleocristiana magari di dimensioni ridotte. E non tutto. Laver costruito , a quel che si vede, un inutile perch ( a mio avviso ) insufficiente parcheggio auto e una costruzione per gli uffici della reception,invadendo ed occupando di fatto una buona parte del Parco Archeologico della Siponto Antica, la dice tutta sulla filosofia (e spero di avere torto) intrapresa che invece di scavare e scoprire la Siponto Romana e Medievale, la si vuole relegare, direi tombare con soluzioni che di fatto hanno stravolto il territorio ad essa circostante. Perch sono stati, ad esempio ricoperti quei resti archeologici lungo il vialetto che portava dal cancello di ingresso allingresso della Basilica? Mi chiedo e chiedo: altrove avrebbero fatto lo stesso? Noi, dopo la consegna dei lavori, trarremo delle conclusioni che saranno oggetto di un convegno, anche sulla base dei giudizi dei visitatori sui Registri della Basilica.

Altrove ho letto che qualcuno paragonava o affiancava nel merito lopera della Santa Maria con la Piramide del Louvre, anchessa opera postmoderna. Ma la Piramide Parigina non stata costruita SUL Louvre o NEL Louvre, ma nella parte esterna. Qui invece lopera SUI resti archeologici romani e paleocristiani. Concludendo, queste sono le impressioni personali ed anche affettive di chi ha fatto volontariato attivo nella Basilica di Santa Maria Maggiore di Siponto per ventanni, studiando quelle Pietre, difendendole, rispettandole ed amandole fino alla venerazione


Aldo Caroleo Archeoclub Siponto

http://www.ilsipontino.net/opera-nei-pressi-della-basilica-caroleo-contrario-non-si-scommette-sulla-storia/


news

18-09-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 18 settembre 2020

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

27-07-2020
Il Consiglio Direttivo dell'Associazione Italiana di Studi Bizantini su Santa Sofia

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto allestero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

Archivio news