LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. La banda di Castelvecchio comincia a vuotare il sacco
Laura Tedesco
Corriere del Veneto - Verona 18/3/2016

VERONA. Neppure una parola. Silenzio assoluto e bocca cucita ieri mattina da parte di Francesco Silvestri, la guardia giurata di Sicuritalia a cui il pubblico ministero Gennaro Ottaviano contesta nelle 27 pagine di decreto di fermo «gravissimi indizi di correità» nella realizzazione del «colpo del secolo» da almeno 17 milioni di euro messo a segno quattro mesi fa, la sera del 19 novembre, al museo di Castelvecchio. Ma qualcuno inizia a parlare.

VERONA. Neppure una parola. Silenzio assoluto e bocca cucita ieri mattina da parte di Francesco Silvestri, la guardia giurata di Sicuritalia a cui il pubblico ministero Gennaro Ottaviano contesta nelle 27 pagine di decreto di fermo «gravissimi indizi di correità» nella realizzazione del «colpo del secolo» da almeno 17 milioni di euro messo a segno quattro mesi fa, la sera del 19 novembre, al museo di Castelvecchio.

Sette le persone in carcere a Verona, cinque i presunti complici rinchiusi in cella in Moldavia a cui si aggiunge un tredicesimo indagato in stato di libertà. A Montorio, ieri mattina, ha voluto essere presente anche il pm Ottaviano agli interrogatori che si sono svolti per tutti i sette detenuti davanti al giudice per le indagini preliminari Giuliana Franciosi. Dal gip, fino alla tarda serata di ieri, nessuna decisione sulla conferma o meno dei fermi: per emetterla ha 48 ore di tempo, ma il provvedimento è comunque atteso per oggi dalle difese. Per ora, dunque, rimangono dietro le sbarre i sette indagati che si trovano in carcere a Verona per aver - a vario titolo e con diversi gradi di responsabilità - rivestito secondo gli inquirenti un ruolo nel saccheggio dei 17 dipinti «di inestimabile valore» da Castelvecchio. Finora, le prime «parziali ammissioni» sono giunte da Pasquale Ricciardi Silvestri (difeso dall’avvocato Teresa Bruno) e dalla compagna ucraina Svitlana Tkachuk (tutelata dall’avvocato Marzia Rossignoli), mentre colui che forze dell’ordine e procura ritengono «basista e organizzatore della rapina», ovvero la guardia giurata di Sicuritalia in servizio quella sera al museo, non ha aperto bocca avvalendosi della facoltà di non rispondere. «Nessuna dichiarazione da rilasciare», ha tagliato corto il suo legale Alessandro Natali dopo l’udienza ma dagli investigatori giunge conferma che martedì, dopo essere stato condotto in questura in stato di fermo, il vigilante Francesco Silvestri ha negato ogni contestazione non ammettendo nulla. Quelle che il pm gli addebita, a suo dire, altro non sarebbero se non «fortuite coincidenze». Si tratterebbe «solo di indizi».

Invece nel decreto di fermo il pm evidenzia come «i rapinatori quella sera hanno fruito di tre circostanze del tutto “casuali” e contrarie alle abitudini» del vigilante di Sicuritalia: «Aveva addosso le chiavi diversamente da sempre, arriva 10 minuti prima delle 19, sempre contrariamente al solito; l’auto aveva quasi il pieno e non aveva i sedili posteriori». Non è finita qui: la guardia «non ha subito alcun danno dalla rapina, l’auto non è stata bruciata e il telefono non gli è stato rubato né i malviventi lo hanno cercato» mentre alla custode disabile del museo sequestrata durante il colpo «hanno rubato 300 euro dalla borsetta e il telefonino ». Per non parlare del suo «atteggiamento post factum: non si spiega perché, se non c’entrasse nulla con quanto successo, smette di parlare al telefono, non parla in auto, resetta il telefonino nel momento in cui esce dagli uffici della procura».

Per Silvestri sarebbero tutte «solo coincidenze», invece ieri il pm ha chiesto al gip sia per lui che per gli altri sei fermati rinchiusi a Montorio la conferma della misura cautelare in atto. Oltre ai «gravissimi indizi di delitto», a tutti l’accusa addebita «un concreto e reale pericolo di fuga». Di parere opposto le difese, che hanno già preannunciato ricorso al Riesame in caso di bandiera rossa ai domiciliari da parte del gip.

Né i moldavi (difesi dagli avvocati Massimo Dal Ben ed Emanuele Luppi) né la guardia confessano, invece sia il fratello gemello Pasquale Ricciardi Silvestri che la compagna ucraina di quest’ultimo hanno iniziato a collaborare con gli investigatori. E le loro due versioni, nonostante in queste ore non si siano ovviamente mai parlati, sono pressoché sovrapponibili: tutti e due, infatti, ammettono di aver conosciuto quei moldavi giunti a Verona per «fare un grosso colpo» e di averli inizialmente aiutati con la lingua e mostrando loro la città. Li avrebbero portato anche all’Arena e in altri monumenti ed edifici di pregio: quando la banda annuncia ai due di voler depredare Castelvecchio, la coppia sostiene di essersi tirata indietro e di aver cercato di convincerli a desistere. Nessun contatto, a loro dire, finché apprendono della rapina in tv: a quel punto, dichiarano Pasquale e Svitlana, li abbiamo ricontattati per vedere se potevamo ricavarci qualcosa anche noi. «Ci avevano promesso un regalino, dovevamo denunciarli. Abbiamo sbagliato». Basterà per far loro ottenere i domiciliari con i tre figlioletti?



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news