LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Villa Musella venduta per 12 milioni a una tedesca
Enrico Presazzi
Corriere del Veneto - Verona 18/3/2016

Dodici di euro. A tanto ammonta l’accordo per la vendita di Villa Musella d’Acquarone di San Martino Buon Albergo a una signora tedesca.

VERONA. Il proverbiale «colpo di fulmine» è scattato circa quattro anni fa, nel corso di uno dei loro tanti viaggi in Italia. Difficile, del resto, non rimanere incantati di fronte a un autentico gioiello. Decisamente molto più complicato, però, permettersi il lusso di poterlo acquistare staccando un assegno da 12 milioni di euro. A tanto ammonta il prezzo dell’accordo per la vendita di Villa Musella d’Acquarone di San Martino Buon Albergo, lussuosa dimora settecentesca messa sul mercato da Zeno e Vittore d’Acquarone, gli eredi del duca Luigi Filippo d’Acquarone e della duchessa Maria Emma de Luca. Accordo formalizzato il 10 marzo a Sant’Ambrogio, nello studio del notaio Floriana Zago. Un atto di vendita già trascritto, e quindi pubblico, nella conservatoria dei registri immobiliari, con tutti i dettagli dell’operazione. «I signori d’Acquarone Zeno e d’Acquarone Vittore vendono alla signora [...], che acquista, la piena proprietà della seguente porzione immobiliare posta in comune di San Martino Buon Albergo e precisamente: complesso residenziale denominato “Villa Musella” composto da villa padronale e otto appartamenti, con pertinenti parco, oratorio, autorimessa, cinque magazzini e terreno agricolo». E nel documento compare anche il nome della nuova proprietaria, una signora tedesca sposata con un facoltoso imprenditore russo che vive tra la Francia e la Svizzera. La coppia con cui abbiamo cercato di metterci in contatto non intende in alcun modo commentare né fornire particolari e ha chiesto di far riferimento all’avvocato Elena Corsini che l’ha seguita nella pratica. Il legale, però, ribadisce l’estrema riservatezza richiesta dai clienti. Da ospiti della maison nel corso di uno dei loro frequenti viaggi nel Belpaese a nuovi proprietari. A dire la verità, prima di prendere possesso della villa, dovranno attendere circa due mesi per dare l’opportunità allo Stato di esercitare l’eventuale diritto di prelazione trattandosi di un bene d’interesse pubblico. Se si fosse trattato di un annuncio immobiliare qualsiasi, sarebbe stato di quelli «vendesi locale non ammobiliato». Perché all’articolo 1 è riportato che «le unità immobiliari si intendono compravendute prive di ogni e qualsiasi mobilio, arredo ed oggetto in genere, ivi compresi i lampadari e i testi unitariamente destinati a biblioteca». Ma c’è da scommettere che ci sarà comunque di che stropicciarsi gli occhi, a partire dallo splendore del «Salone dei venti», la sala più importante della dimora. Un vero tesoro che i due eredi avevano messo in vendita già da qualche anno, con l’intermediazione di una società milanese specializzata in questo genere di operazioni. E si era vociferato di una base d’acquisto che avrebbe potuto superare i 20 milioni. La fortunata (e facoltosa) signora, se l’è aggiudicata con un’offerta inferiore. Ma la cifra è di quelle da fare invidia a molti. Quel che è certo, come riportato all’articolo 7 dell’atto, è che non potrà più chiamarla «villa d’Acquarone»: «Riconoscendo che ne sono titolari i venditori, la parte acquirente si impegna a non utilizzare o rivendicare, anche solo per contraddistinguere il nome delle unità immobiliari oggetto del presente atto, la denominazione “Villa d’Acquarone” e lo stemma araldico della famiglia d’Acquarone».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news