LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Verona. Castel San Pietro è in comodato d’uso, a decidere sulla destinazione è il Comune. E il Museo di Storia Naturale non piace a tutti
L.A.
Corriere del Veneto - Verona 18/3/2016

VERONA. La strada per cambiare le scelte fatte su Castel San Pietro sembra essere tutta in salita, anche se a chiedere di percorrerla c’è il presidente di Fondazione Cariverona, Alessandro Mazzucco.

Nell’intervista pubblicata ieri dal nostro giornale, Mazzucco si è mostrato decisamente «freddino» sul trasferimento al Castello del Museo di Storia Naturale, oggi a Palazzo Pompei.

Ma a Palazzo Barbieri si è invece già andati molto avanti in quella direzione, sulla base anche di un dato di fatto: Castel San Pietro è di proprietà di Cariverona, ma il Comune ne ha ottenuto l’uso in comodato gratuito per almeno vent’anni. E quindi la decisione su come utilizzarlo spetta al sindaco. Il quale, giusto la settimana scorsa, ha fatto approvare in giunta una convenzione con il Museo delle Scienze di Trento (il Muse) «per la definizione delle funzioni – dice il testo – e dell’organizzazione museale del Museo di Storia Naturale presso la nuova sede di Castel San Pietro».

Nel maggio 2014, Tosi aveva spiegato che erano pronti 4 milioni di euro per l’allestimento del museo, mentre la proprietà dell’immobile (Cariverona) avrebbe sostenuto tutte le spese per i lavori. Restava il problema appunto di trovare un aiuto tecnico all’altezza di un trasloco così impegnativo. E a questo dovrebbe servire la convenzione col Muse.

Le perplessità di Mazzucco, peraltro, trovano l’appoggio di due consiglieri comunali del Pd, Elisa La Paglia e Stefano Vallani, secondo i quali «l’uscita del nuovo presidente di Cariverona rimette in luce l’inadeguatezza di Castel San Pietro ai fini del ricollocamento del Museo di Storia Naturale, questione su cui noi, assieme a tanti cittadini, professionisti e operatori del settore insistiamo da tempo, ma sulla quale il sindaco ha continuato a fare spallucce». La Paglia e Vallani chiedono una commissione consiliare aperta, presenti anche i vertici di Cariverona.

Da registrare infine, ieri proprio in commissione consiliare, un durissimo atto d’accusa della professoressa Giovanna Brajoni (del Comitato di Vigilanza del Museo) contro l’ipotesi di trasferimento al Castello. «Abbiamo 3 milioni di reperti – ha detto – e se trasferendo solo qualche selce si è verificato il fenomeno delle “selci blu”, ora rischiamo una fioritura di parassiti senza fine nelle collezioni. Al Museo – ha proseguito – non vengono dati finanziamenti, e si impedisce di lavorare, mentre nessuno ci ha mai informati sul trasloco, nel corso del quale sarà facilissimo perdere materiale prezioso e pezzi anche rari».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news