LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Sì al «Piano paesistico del Lazio». «Stop abusi, i Comuni si adeguino»
Al. Cap.
Corriere della Sera - Roma 19/3/2016

Zingaretti: mancava da 17 anni. Il Governo: ora si cambia. Legambiente: finalmente

L’ha approvato la giunta, dopo Pasqua andrà in commissione e, infine, in Consiglio regionale: ma, in sintesi, dopo 17 anni d’attesa, il Lazio (tra le poche regioni italiane a dotarsene) ha visto nascere il Piano territoriale paesistico regionale, cioè la norma che «protegge» l’intero territorio regionale. La tutela è per tutti i beni paesaggistici, naturali, storici e architettonici. Governo soddisfatto, come si capisce dalle parole del sottosegretario ai Beni culturali, Ilaria Borletti Buitoni: «Dopo decenni di deleteria inerzia che ha provocato danni evidenti e irreversibili, la Regione ha finalmente elaborato uno strumento che rappresenta una vera svolta nella tutela e promozione di un territorio con un ricchissimo patrimonio paesaggistico e culturale. Si apre una fase nuova». Legambiente esulta: «Finalmente regole certe».

In poche parole, con il Piano — presentato ieri dal presidente Nicola Zingaretti — si supera l’attuale frammentazione normativa: le disposizioni, infatti, sono direttamente efficaci e prevalenti rispetto a tutti gli altri strumenti di pianificazione urbanistica. Nel Ptpr sono stati inseriti 29 dei 30 Piani territoriali paesistici (Ptp) già vigenti. Dopo l’ok della Pisana, quindi, i Comuni dovranno adeguare il proprio strumento urbanistico. Il Piano individua anche le aree gravemente compromesse per le quali gli interventi di recupero e riqualificazione non richiederanno il rilascio dell’autorizzazione paesaggistica. Zingaretti sorride: «Dopo 17 anni diamo un contributo di certezza contro la distruzione del paesaggio, per valorizzare il bello e ridurre la burocrazia. Ma soprattutto introduciamo una grande innovazione con la digitalizzazione di tutte le mappe e la georeferenziazione, strumenti moderni per fermare gli abusi ed essere più forti nella valorizzazione del nostro territorio per il patrimonio naturale e agricolo ma anche e soprattutto storico e monumentale. Noi vogliamo un Lazio moderno che scommette sul territorio. Da oggi se tutto andrà come deve andare saremo più forti per questo obiettivo». A proposito di tecnologia: saranno create delle banche dati dei vincoli paesaggistici. Spiega l’assessore Michele Civita: «Nel corso dell’iter del Piano sono state presentate e valutate oltre 22 mila osservazioni provenienti da Comuni». Roberto Scacchi di Legambiente parla di «uno strumento strategico». Per Massimiliano Valeriani (Pd) «permetterà di valorizzare le risorse ambientali e culturali, introducendo tecnologie e interventi innovativi per il recupero delle aree degradate». Durante la conferenza blitz di alcuni attivisti contrari alla Roma-Latina: «Avrei preferito la messa in sicurezza — dice Zingaretti — ma non c’era possibilità di usare quei fondi in altro modo, e di fronte alla perdita di stanziamenti abbiamo provveduto a risolvere tutti i contenziosi relativi a chi mi aveva preceduto».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news