LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Venezia. Museo dell’Islam addio: meglio la Serenissima
Fabio Bozzato
Corriere del Veneto 19/3/2016

Due anni fa l’annuncio: Venezia avrà un museo di arte e cultura islamica, a Palazzetto delle Pescherie. Ora si scopre che quel museo non si farà più e che invece riguarderà la storia della Serenissima.

La direttrice del polo museale, Gabriella Belli: «Un hub per raccontare la storia della Serenissima»

VENEZIA. Due anni fa l’annuncio era stato solenne, facendo il giro del mondo: Venezia avrà un museo di arte e cultura islamica. A parlarne era stato addirittura il premier di allora, Enrico Letta, da Doha. Il sindaco, un (allora) raggiante Giorgio Orsoni, individuava la sede nel cuore di Rialto: il Palazzetto delle Pescherie.

Di cose ne sono successe nel frattempo e quel museo non si farà più. Se si farà qualcosa in quel luogo magnifico sul Canal Grande, riguarderà la storia della Serenissima. L’idea è stata tracciata ieri sulle pagine del Corriere della Sera da Gabriella Belli, direttrice della Fondazione Musei Civici che del Palazzetto ha la gestione.

«Non l’ennesimo museo - ha raccontato la manager - bensì qualcosa di nuovo, un crocevia culturale capace di orientare, di raccontare l’anima profonda di questa straordinaria città. Un luogo dove un visitatore possa scoprire la Venezia nascosta, il suo sapere, il suo artigianato, le sue grandi stagioni artistiche, la sua creatività, i suoi commerci, il suo rapporto con il mare e quello con la terraferma. Un luogo, insomma, che spieghi il mito di Venezia, un luogo che sia la prima tappa, quasi obbligatoria, di una visita».

Raggiunta telefonicamente a Parigi dove ieri ha inaugurato la mostra su Henri Rousseau al Musée d’Orsay, dopo il successo a Palazzo Ducale, Gabriella Belli spiega che sulle Pescherie c’è «solo ancora un’idea che sottoporremo presto al consiglio di amministrazione e al sindaco, che peraltro si sta dimostrando molto attento alle strutture destinate alle attività culturali».

Dunque, cosa sarà? «L’idea è di avere una porta, un hub di conoscenza sulla città. Gran parte dei visitatori arriva senza sapere davvero cosa sia Venezia. Una volta entrati da qui avranno più consapevolezza su cosa concentrarsi: dal contemporaneo al tessuto, dal vetro al Ducale, e così via».

Lo conferma anche Maria Cristina Gribaudi, la presidente della Fondazione: «Sì, vorremmo intercettare un nuovo pubblico, più giovane, curioso e consapevole».

Se questo è il nuovo progetto, resta il dubbio sul perché sia tramontata quell’idea sull’Islam. E se invece di aprirsi al mondo la città preferisca per l’ennesima volta parlare di sè. «Non è questa l’intenzione. Anzi, non pensiamo a un’operazione didattica ma a qualcosa di più visionario - assicura la Gribaudi -. E capace di raccontare la trama di incroci di cui è fatta questa città: greci ed ebrei, arabi e tedeschi, turchi e armeni». Per Gribaudi, «può rappresentare il cuore internazionale della città dove si racconta quella storia strepitosa di saper andare nel mondo e tornare».

Certo, l’idea di dotare Venezia di una porta sull’Islam aveva ricevuto una bordata di critiche. Un comitato internazionale ci stava lavorando da fine 2013, guidato da Alessandro Goppion, imprenditore famoso per le teche e le installazioni dedicate all’arte islamica, dal Louvre al Cairo. La sponda, soprattutto in termini di denaro, doveva venire dagli emiri del Golfo con cui c’erano stati incontri e abboccamenti sembra proficui. Prima che la scelta cadesse sulle Pescherie, a Goppion erano stati mostrati anche altri spazi, dall’Arsenale alla Misericordia, quest’ultima in concessione alla Reyer di Luigi Brugnaro che il destino elettorale ha portato l’anno scorso alla carica di primo cittadino.

Sul museo di arte islamica non sembra essersi mai espresso il nuovo sindaco, ma di sicuro ne ha fatto riferimento quando sono infuriate le polemiche sulla chiesa-moschea dell’artista svizzero Christoph Büchel durante la Biennale d’arte scorsa. Un progetto che certo non garbava all’allora candidato Brugnaro: «A Venezia siamo alla svendita e all’anarchia. E questo fatto mi dice che ho fatto bene a dire di no quando dal Comune mi dicevano di dare la Misericordia agli arabi». Così se n’era uscito.

Insomma, cambiato lo scenario politico, con il Medio Oriente a ferro e a fuoco e gli Emiri in austerità, già in estate il progetto era tramontato. E così si è pensato di ritornare alla Serenissima.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news