LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Villa Ada, la strage dei 50 alberi secolari "Ma sono pericolosi"
LAURA SERLONI
19 marzo 2016 la Repubblica





C' chi corre, chi passeggia solo o con il cane ma chiunque sia passato ieri mattina nella parte alta di Villa Ada, all'altezza di Monte Antenne, rimasto per un attimo immobilizzato, attonito e con gli occhi spalancati davanti ai tronchi dei pini secolari ferocemente mozzati, spezzati, tranciati dalle motoseghe in azione del Servizio giardini. Hanno svettato fieri per un secolo, o forse pi, ma non sono sopravvissuti ad anni di potature improvvisate, eseguite fuori stagione e spesso frutto di gare al ribasso. Cos gli alberi si sono ammalati. E prima che vengano gi come accaduto nel 2015 nell'area giochi della Villa hanno deciso di abbatterne 20. A terra sono rimaste le fronde spezzate, i grovigli delle cortecce e i tronchi recisi in pezzi.

Sono malati e pericolosi, taglia corto il Servizio giardini. Dei circa 100 pini che a doppio filare corrono lungo il percorso che porta a Monte Antenne ne sono stati tagliati 20. Erano bucati in quota, risultato delle potature killer degli anni passati. Altri 30-40 saranno abbattuti nell'area del parco giochi perch poco stabili visto che poggiano su una base di tufo. Gli ambienti naturali non possono restare immutati spiega Andrea Ferraretto dell'associazione Amici di Villa Ada giusto che ci siano tagli e nuove specie. E infatti alcuni, non tutti, saranno ripiantati. Sicuramente saranno posizionati in altre zone, decise di comune accordo con la Soprintendenza, perch le due interessate in questi giorni dai tagli non sarebbero adatte per ospitare alberi cos pesanti. Chiediamo da anni continua Ferraretto che sia attuato un piano d'assetto dell'area verde. O, meglio, un piano di gestione forestale nel quale siano decisi tempi e modi per le potature e per le sostituzioni. Non bisognerebbe aspettare il crollo di un albero, ma bisognerebbe prendersi cura del verde e delle piante. Invece negli ultimi 10 anni si sempre rimandato, la manutenzione stata affidata all'Ufficio giardini che ha scarse competenze e scarso personale mentre servirebbero figure professionali ma questa scelta il Comune di Roma non l'ha mai fatta. Cos nel parco regna il degrado e l'abbandono. Abbiamo prodotto documenti conclude il rappresentante dell'associazione Amici di Villa Ada inviato richieste al Comune, ma finch non si capisce che l'area deve essere trattata come un parco regionale, magari sotto la supervisione di Roma Natura e con dei guardiaparco, allora tutte queste nostre idee restano a livello di proposta. E non cambia mai nulla.

Per ora sono stati stanziati 200 mila euro per il verde in citt, un terzo servir per arricchire il patrimonio arboreo del parco da 150 ettari che lambisce la via Salaria. Ma il bando deve ancora essere indetto, se ne riparler in autunno.



news

27-01-2020
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 27 gennaio 2020

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

06-01-2020
Dalla stampa estera di ieri: minacce di Trump contro siti culturali iraniani

20-12-2019
Riorganizzazione Mibact, Casini: non è ennesimo Lego, ma manutenzione amministrativa in continuità

04-12-2019
Libero riuso delle riproduzioni di beni culturali: articolo di Daniele Manacorda sul "Giornale dell'arte"

14-11-2019
Cosa succederà alla Biblioteca Guarneriana di S. Daniele del Friuli? Un appello dei cittadini al sindaco

04-10-2019
Unicredit mette all'asta da Christie's capolavori della sua collezione

14-09-2019
Da Artribune: Franceschini sospende i decreti Bonisoli

05-09-2019
Franceschini, il primo appuntamento al Museo della Liberazione di via Tasso

02-09-2019
Giuliano Volpe: Ci piacerebbe un ministro più educato

29-08-2019
Da Finestre sull'arte vi segnaliamo...

25-08-2019
Sul Financial Times si parla dei provvedimenti Bonisoli

22-08-2019
Trasferito il Soprintendente di Pisa che si era opposto alle bancarelle in piazza dei Miracoli

20-08-2019
In Finestre sull'arte: Gli accorpamenti della riforma Bonisoli affosseranno definitivamente i musei piccoli?

20-08-2019
Caos musei. Nel sito Emergenza Cultura vi segnaliamo...

16-08-2019
Da Finestre sull'arte: Musei, tutti gli accorpamenti decisi da Bonisoli

14-08-2019
Bonisoli firma decreto musei, ecco cosa prevede

01-07-2019
APPELLO - Per il parco archeologico dell'Appia Antica

30-06-2019
Documento dell'API sulla riforma del Ministero: riorganizzazioni perenni

27-06-2019
La FCdA per il Museo Etrusco di Villa Giulia e il Parco Archeologico dell'Appia Antica

26-06-2019
Firenze, l'annuncio di Bonisoli: "Accademia formerà polo unico con gli Uffizi"

21-06-2019
Lorenzo Casini sulla riforma del Ministero: Linsostenibile leggerezza ovvero la nuova riorganizzazione del Ministero per i beni e le attività culturali (Mibac)

05-06-2019
Alinari. Quale destino per la più grande raccolta museale di fotografie in Italia? Un comunicato della SISF

30-05-2019
Bando per il premio Silvia Dell'Orso 2019: scadenza 30 settembre

07-05-2019
Dal blog di Carlo Pavolini: Luca Nannipieri e l'abolizione delle Soprintendenze

25-03-2019
Pisa. Bonisoli: Sarà trovata soluzione per ambulanti ma non in piazza Miracoli

25-03-2019
E' mancato questa mattina Andrea Emiliani

28-02-2019
Associazione culturale Silvia Dell'Orso: VIII edizione di Visioni d'arte

26-02-2019
Mai più bancarelle in piazza dei Miracoli. Firmate l'appello

14-02-2019
Appello. Contro lo smantellamento dello Stato Italiano

Archivio news