LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

James Bradburne: “C’è un drago che soffoca i musei italiani” Direttore della Pinacoteca di Brera
alain elkann
LA STAMPA 20/03/2016



James Bradburne, lei è direttore generale della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca nazionale Braidense a Milano ed è tra i 20 nuovi direttori per i 20 maggiori musei italiani nominati dal ministro della Cultura, Dario Franceschini.

«Sì. Il ministro ha nominato sette direttori di primo livello per i musei di Brera a Milano, gli Uffizi di Firenze, l’Accademia a Venezia, la Galleria Borghese a Roma, Capodimonte a Napoli, la Reggia di Caserta e la Galleria d’Arte Moderna a Roma. E anche altri 13 di secondo livello. I direttori di primo livello rispondono direttamente al segretario generale e quindi al ministro».


PUBBLICITÀ
inRead invented by Teads

Lei arriva da Palazzo Strozzi a Firenze?

«Sì. C’è stato un concorso internazionale nel 2015. Si sono iscritti in 1200, tra cui 86 non-italiani, e tra questi il ministro ha creato una lista di 10 candidati per ogni museo. Abbiamo avuto un colloquio. Io sono stato scelto per Brera».



Come mai?

«Quando arrivai a Firenze nel 2006 da Francoforte, dopo anni di lavoro con colleghi italiani, mi dissero: è facile fare quello che hai fatto tu ad Amsterdam o in Germania, ma in Italia non c’è speranza».



E così?

«Dopo aver vinto la competizione per dirigere Palazzo Strozzi fui fortunato, perché era una delle prime fondazioni autonome a capitale misto dove era possibile creare mostre innovative del più alto livello. E così fu fatto. Nel 2014 “Pontormo e Rosso Fiorentino” fu dichiarata la migliore mostra dell’anno nel mondo dall’Apollo Magazine e nel 2015 “Potere e Pathos” vinse al Global Fine Arts Awards».



Perché Brera?

«I miei colleghi dicevano che non sarei riuscito a realizzare in un museo di Stato quello che avevo fatto a Venezia e che era inutile provarci».



E così?

«Voglio dimostrare che i musei italiani valgono quanto qualsiasi altro al mondo. Non solo per le collezioni ma anche nell’esperienza del visitatore».



Qual è la realtà di Brera e perché è così poco nota?

«In parte perché Milano non è nota come una città d’arte. È una città contemporanea, conosciuta per le fiere, il design, l’arredamento, la moda, la finanza. A parte “L’ultima cena” di Leonardo da Vinci non è famosa per l’arte. Brera, un tempo, era la sede dei Gesuiti e all’epoca di Maria Teresa d’Austria fu creata la Libreria Braidense con una straordinaria collezione a partire dal XII secolo. Proprio accanto ci sono l’Orto Botanico e l’Osservatorio Astronomico, che fu allestito tra il 1770 e il 1790, e abbiamo anche una delle più importanti accademie artistiche in Italia, dove ha studiato, ad esempio, Vanessa Beecroft».



E la Pinacoteca?

«Quando Napoleone era a Milano, nel 1808, ribattezzò Brera Palazzo Reale delle Scienze e delle Arti e voleva fare della Pinacoteca il Louvre italiano».



Cos’ha di particolare la raccolta?

«La Pinacoteca nasce per le esigenze dell’accademia d’arte e diventa un’istruzione indipendente solo a fine Ottocento».



Quali sono i capolavori di Brera?

«Ce ne sono tantissimi. Ad esempio lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, acquisito nel 1806. Nel 1837 lo vide Franz Liszt e gli ispirò i famosi Anni di Pellegrinaggio. E poi il Cristo Morto di Mantegna, Caravaggio con La Cena di Emmaus. E, ancora, opere di Tintoretto, Bellini, Tiziano, Veronese. L’ex sovrintendente di Brera, Franco Russoli, che morì nel 1977 a soli 54 anni, era un grande estimatore dell’arte moderna italiana e unì due importanti collezioni: Jesi e Vitali. Fu lui a organizzare la prima mostra italiana di Picasso in Italia nel 1953. Russoli era un po’ come Brera: rivoluzionario, ma non abbastanza noto nel mondo».



Quanti visitatori ha Brera?

«Circa 300 mila l’anno, ma mi aspetto di raddoppiarli».



Ha in mente nuovi allestimenti?

«Per i primi tre anni intendiamo reinstallare progressivamente tutte le 38 stanze del museo a gruppi di cinque e stiamo allestendo il nostro primo “Dialogo” tra Perugino e lo Sposalizio della Vergine di Raffaello, mai visti insieme prima d’ora. Il secondo “Dialogo” sarà tra il Cristo morto di Mantegna e l’opera omonima di Annibale Carracci».



A distanza di pochi mesi dall’inizio che bilancio fa di questa esperienza?

«Non sono scoraggiato. Ma è molto più difficile di quanto immaginassi. È davvero molto arduo cambiare i musei statali in Italia».



Perché?

«Perché anche con la nuova autonomia rimane forte una burocrazia sovietica di tipo verticistico che tende a stroncare ogni iniziativa. Se una cosa semplice, come prestare un oggetto a un altro museo, richiede 20 firme di 20 diverse persone, beh questo, chiaramente, è un disincentivo. Per fortuna le riforme del ministro Franceschini stanno sfoltendo la burocrazia».



Cosa ha impedito all’Italia di esprimere il potenziale dei suoi musei?

«La burocrazia superflua, appunto, e la mancanza di piena autonomia. Russoli scrisse un saggio, intitolato “In trecento contro i draghi”. Ma credo che possiamo sconfiggere il drago».



Cosa intende cambiare?

«Abbiamo due missioni. La prima è riportare Brera nel cuore di Milano e la seconda riportare i visitatori nel cuore del museo».



Traduzione di Carla Reschia

http://www.lastampa.it/2016/03/20/cultura/arte/c-un-drago-che-soffoca-i-musei-italiani-CUObKOP212ubHMNJCGWglK/pagina.html


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news