LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

L'archeologia non è solo arte
Daniele Manarcorda
Pubblicato in Il Sole 24 Ore, Domenica 20.3.2016



Uno spettro s’aggira nelle aule accademiche e fra i corridoi ministeriali, un’ombra tremula di qualcosa che fu e non è più: l’idea che l’archeologia altro non sia che la storia dell’arte antica, il racconto di una produzione di opere d’arte ridotte in frammenti invece che incorniciate nelle sale delle pinacoteche.

Dalla metà del Settecento è stata infatti prevalentemente questo. Ma già la scoperta della preistoria dell’Uomo e l’espansione coloniale con i suoi scavi alla ricerca delle civiltà sepolte dell’intero pianeta, e poi nel Novecento la Scuola delle Annales, con l’esplosione del concetto di documento storico, l’incontro con le scienze, lo sviluppo delle archeologie delle età a noi più vicine hanno provocato un ampliamento dei compiti dell’archeologia incommensurabile con quelli della sua prima infanzia. Di ciò hanno sofferto in particolare gli studi di storia dell’arte antica ed oggi giustamente ci si interroga sui modi migliori di ricomporre nello stesso alveo, in una sintesi più matura, questa importantissima specializzazione degli studi archeologici con l’orizzonte di una disciplina che ha come fine lo studio delle civiltà umane condotto a partire dalle tracce delle loro attività materiali.

Perché qui sta il punto. Archeologia e storia dell’arte non sono due discipline sorelle, due sfere colorate appese l’una accanto all’altra sull’albero della ricerca. La storia dell’arte (compresa l’arte antica e, a maggior ragione, quella medievale moderna e contemporanea) studia la produzione artistica di un’epoca, di una regione, di una cultura. In questo senso è assai più vicina alla storia della letteratura o della musica: la Commedia di Dante e gli affreschi di Giotto ad Assisi sono prodotti artistici e letterari, e in quanto espressione del loro tempo vengono studiati, rivissuti, interpretati con i metodi delle relative discipline.

L’archeologia non studia ‘prodotti archeologici’, semplicemente perché questi non esistono. Recupera, studia e interpreta resti materiali mobili e immobili delle civiltà trascorse, che solo nel momento in cui vengono sottoposti ai metodi della conoscenza archeologica diventano, appunto, archeologici. Tra questi sono i più umili cocci, i resti di semi o di ossa, i rocchi di una colonna crollata come le più eccelse manifestazione dell’arte, antica o no che sia. L’archeologia è quindi una grande scatola in cui sono virtualmente conservate le memorie materiali del passaggio dell’uomo sul pianeta: i resti del lavoro umano nella sua infinita fatica di convivere con i suoi simili e con l’ambiente che tutti ci accoglie.

Se non diradiamo le nebbie create da questo secolare equivoco, rischiamo di continuare a non capirci. E quindi non ci capiamo neppure quando interveniamo nella cronaca quotidiana, alimentata da questa fase concitata prodotta dalle iniziative di riforma del ministro Franceschini, tra le quali si inscrive anche la nascita di un nuovo Istituto Centrale di Archeologia, di cui non conosciamo neppure ancora il nome.

Salvatore Settis su queste stesse pagine ha espresso contrarietà ad una ipotesi (peraltro ancora non formulata) che intenda l’archeologia “come topografia e tecnica di scavo”, dal momento che un’archeologia senza la storia dell’arte antica sarebbe “quanto meno stravagante”. Non credo che una personalità come Settis sia vittima di quell’atavico disprezzo idealistico per le tecniche che tanti danni ha arrecato alla cultura italiana di quest’ultimo secolo. E naturalmente può legittimamente argomentare che archeologia e storia dell’arte antica siano la stessa cosa. Mi interessa piuttosto il fatto che anche lui individui nell’arcaico Istituto Nazionale di archeologia e storia dell’arte un possibile contenitore del nuovo Istituto. Dico arcaico perché, se quell’Istituto, fondato da Benedetto Croce quasi un secolo fa, da decenni langue, come dice Settis, “per disattenzione dei governi, difetti statutari e carenza di fondi”, bisogna anche dire che la sua incidenza culturale è stata fin qui minima, e la sua capacità di proposta non risulta pervenuta, e questo nonostante sia stato diretto per lunghissimi periodi di tempo da illustri colleghi, ora commissari (dal 1952 al 1997) ora presidenti, che non hanno certo brillato finora per iniziativa.

Quell’Istituto, oggi di diritto privato ma controllato dal Mibact, ha smarrito da tempo il senso della sua missione, che era quella di tenere insieme in tutt’altra temperie culturale gli studi di archeologia e di storia dell’arte, e andrebbe nuovamente riempito di contenuti. Per Settis questo contenuto si sintetizza in un periodo (‘Dai Greci a noi’) “esteso all’intero arco della storia dell’arte”. Per altri potrebbe essere di altra natura.

Un Istituto Centrale per l’archeologia potrebbe, ad esempio, progettare le procedure scientifiche per lo studio, la tutela e la valorizzazione del patrimonio archeologico; realizzare strumenti per la pianificazione territoriale, la divulgazione scientifica e il turismo culturale; potrebbe essere il centro di raccordo con enti di ricerca europei e con altre organizzazioni internazionali. In dettaglio, potrebbe lavorare alle codifiche della documentazione del patrimonio (d’intesa con l’ICCD), alle procedure della manutenzione di monumenti e siti (d’intesa con l’ISCR), sviluppare sistemi informativi, modelli predittivi, modalità di accesso alle banche dati, gestire laboratori centrali per le scienze applicate allo studio dei manufatti di qualsiasi natura, o coordinarne la rete nazionale.

Oppure potrebbe svolgere un’opera preziosa di consulenza per il Mibact, predisponendo linee guida, definendo gli standard operativi in ambiente terrestre e subacqueo, valutando e monitorando la qualità di progetti di interesse nazionale, offrendo un supporto alle missioni italiane all’estero, stringendo accordi veri con il mondo della formazione e della ricerca (Università, CNR, Scuole straniere operanti in Italia).

Qualcuno potrebbe individuare nell’Istituto Superiore di Sanità un modello cui ispirarsi per promuovere non la tutela della salute pubblica, ma la valorizzazione del patrimonio culturale per la tutela della salute mentale e psicologica dei cittadini, promuovendo sperimentazioni metodologiche e tecnologiche in collaborazione con le soprintendenze (le nostre aziende ospedaliere). Potrebbe esercitare funzioni di controllo su richiesta del Ministro e accertamenti ispettivi, collaborando all’elaborazione della programmazione.

Sono molte, come si vede, le funzioni che un tale organismo potrebbe assumere, magari tornando anche ad offrire il luogo istituzionale di incontro tra due discipline, archeologia e storia dell’arte, che hanno preso strade sempre più diverse, ma che possono ritrovarsi ad un livello più alto di considerazione del patrimonio storico e artistico, che superi le gabbie dell’idealismo crociano e si misuri con l’applicazione del ventaglio dei metodi moderni allo studio di ogni prodotto del lavoro umano, e quindi anche di un’opera d’arte, come di una sua lacuna.

Qualcuno sostiene che il nuovo Istituto sia stato pensato come compensazione per il mondo dell’archeologia, turbato dall’accorpamento delle soprintendenze disciplinari. Se così fosse, la compensazione rischierebbe paradossalmente di accrescere il malcontento e la discordia. A ragione Settis suggerisce che occorre avere chiara fin dall’inizio la meta che ci si propone. Per questo sarebbe utile che il Ministro aprisse una consultazione trasparente e partecipata, che faccia emergere obiettivi condivisi e metta in campo gli strumenti più idonei a conseguirli: sarebbe un bel segnale di coinvolgimento per una comunità disorientata che può esprimere ancora una grande capacità di iniziativa se la si aiuta a ritrovare il senso del suo impegno.

Daniele Manacorda* Università Roma Tre



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news