LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

PAESTUM - Il tempio di Nettuno visto dall'interno
21 MARZO 2016 LA REPUBBLICA




Con strumentazioni non invasive i ricercatori, coordinati dal professore Luigi Petti, del dipartimento di Ingegneria civile dell’università di Salerno, e dal professor Uwe Dorka, dell’Istituto di ingegneria delle costruzioni dell’università di Kassel, assieme alla Soprintendenza archeologica, hanno installato sensori per il monitoraggio sismico del pavimento, delle colonne e delle architravi in travertino del Tempio di Nettuno. E hanno scoperto che nel costruire l’edificio, gli architetti greci decisero di utilizzare due tipi leggermente diversi di travertino: quello usato per le colonne è più morbido, il meno duro, mentre per le decorazioni e le cornici si è utilizzata un'altra varietà. L’impiego di tipi diversi di travertino in ragione della funzione statica del manufatto ha fatto sì che in caso di terremoto il colonnato facesse da cuscino tra piedistallo e architrave, comportandosi in maniera più elastica.

Spiega il direttore Zuchtriegel: “Meraviglia questa competenza degli architetti greci. È interessante verificare ora se questa scoperta di Paestum troverà riscontri negli altri due templi qui e in altre località dell’Italia meridionale e della Grecia”. I greci non usavano la malta, i blocchi erano legati con tasselli. I templi di Paestum furono realizzati in pietra locale, non si conoscono con precisione le cave dalle quali furono estratti i blocchi in travertino, ma deve trattarsi di un’area compresa tra le montagne di Capodifiume e il mare. Il tempio di Nettuno è più giallo rispetto agli altri, ha resisto alle insidie del tempo. I danni maggiori li ha subiti dall’uomo, che ha utilizzato i blocchi della cella come materiale da costruzione per altri edifici. Intatto in ogni caso l’aspetto complessivo, con il basamento conservato qui meglio che altrove, e con le colonne, 6 sui due frontoni, 14 per ciascuno dei lati, in puro stile dorico, con il tipico “rigonfiamento”.

Quello di Nettuno è anche uno dei migliori esempi di correzione ottica in architettura classica a noi noti: per evitare la deformazione visiva di chi guarda l’edificio da lontano, gli architetti imprimevano all’architrave e alle trabeazioni una leggera forma convessa per compensare la tendenza dell’occhio umano a incurvare verso l’alto le lunghe linee orizzontali.

“Questa ricerca – aggiunge Zuchtriegel – è un punto di partenza, i risultati emersi vanno al di là di ogni aspettativa e documentano una tecnica sofisticata”. I templi di Paestum furono restaurati tra 1996 e 1999, per un costo di 5 milioni di euro. “Fu un intervento notevole – ricorda il direttore - ma mancavano i mezzi, le condizioni gestionali e finanziarie per passare dalla conservazione alla fruizione, e così i templi furono chiusi. Oggi siamo in grado di riaprirli per le mutate condizioni, a un numero limitato di visitatori che di volta in volta saranno ammessi a entrare in un monumento enorme, complesso”.

Dopo la prova di Pasqua, da fine aprile, appena sarà completata l’installazione di passerelle, anche gli altri due templi saranno accessibili dall’interno. Paestum di notte è, invece, il nuovo appuntamento compreso nel periodo compreso tra il 21 luglio e il 9 settembre ogni giovedì, venerdì, sabato e domenica: l’idea del direttore è di consentire un’esperienza unica, magari entrare nella Basilica al chiaro di luna. Si potrà fare l’esperienza di come era una città
in antico, quando per esempio dopo il simposio gli abitanti giravano per le strade di Poseidonia di notte, al buio se non c’era la luna, accompagnati da qualche lampada o fiaccola. “Un’esperienza unica – assicura il direttore Zuchtriegel – quella di entrare in un tempio greco di 2500 anni fa, qualcosa che bisogna condividere con tutti i visitatori. Il primo giorno che presi servizio sono entrato e ho subito pensato che bisognava attivarsi in tal senso

http://napoli.repubblica.it/cronaca/2016/03/21/news/un_tempio_antisismico_a_paestum_cosi_i_greci_costruivano_nel_v_secolo_avanti_cristo-135984366/?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news