LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Lazio, progetto paesistico. È presto per gioire
Giuseppe Pullara
Corriere della Sera - Roma 21/3/2016

Rulli di tamburo e squilli di fanfare hanno accompagnato la presentazione, venerdì, del Piano Paesistico del Lazio. La nostra Regione, un centrosinistra a guida Zingaretti, è tra le prime a varare lo strumento normativo che regola il pluriforme sviluppo del territorio, dall’edilizia ai centri storici alla difesa dei beni culturali e ambientali, ai monumenti ai campi coltivati. Il cammino è iniziato nel 1999 ed ora sta per compiersi: in autunno ci sarà il voto del Consiglio che cambierà qualcosa del testo e l’obiettivo sarà raggiunto. La stesura di base è stata «osservata» da privati ed enti pubblici 22.800 volte. La collaborazione tra ministero dei Beni culturali e Regione ha prodotto le «controdeduzioni» riportate dal Piano della giunta che sarà discusso dall’assemblea del Lazio.

È garantito lo sviluppo legale e sostenibile? Non ci saranno più gli orrori a cui siamo abituati? Se fosse così, altro che fanfare: ci vorrebbero trombe d’argento e le note di Bach per annunciare il Piano, predisposto secondo il «Codice dei beni culturali e del paesaggio» del 2004. Il documento, in due parole, punta alla difesa dei centri storici e di ogni tipo di bene culturale (archeologia e Litorale, per capirci). La crescita urbana viene posta sotto uno sguardo severo, vengono semplificati nodi burocratici. Viene difeso il territorio agricolo.

Ostentatamente trascurata dal centrodestra, la Lunga Marcia del Piano paesistico sembra ora vicina al traguardo. Nel sentir parlare di Piano sembra di udire l’eco di tempi lontani, quando in Italia si puntava sulla Città Pubblica con le case popolari, quando si anteponeva – almeno a parole - la programmazione alla pura gestione. Quando qualcuno credeva nello sviluppo razionale, controllato, benefico, fertile. Come sono andate poi le cose si sa perché lo sviluppo urbano con le sue illegalità e con i suoi scempi sono sotto gli occhi di tutti. Quindi andiamoci piano, col Piano. L’impegno a preparare un sano sviluppo è da salutare con speranza: aspettiamo a dirci soddisfatti. Intanto, la Regione dovrà approvare una fondamentale Legge Urbanistica che però, finora, non fa quasi riferimento al Piano paesistico. La cartografia cui si riferisce questa sorta di “piano delle certezze” è del 2000: una realtà superata da fatti. Perché non si ricorre a quella del 2014? Sarà infine la gestione concreta della nuova pianificazione ad essere veramente decisiva. Un po’ di pazienza per iniziare il concerto.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news