LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

«L’Arsenale è di tutti i cittadini. Ci vorrebbe una consultazione»
Camilla Bertoni
Corriere del Veneto - Verona 23/3/2016

Cecchini, decano degli architetti: bisogna che resti la vocazione a verde dell’area

VERONA. «La prima cosa da fare di fronte a un edificio di tale valore come l’ex Arsenale austriaco è innanzitutto restaurarlo, come chiede la Soprintendenza. Una volta salvaguardate le strutture, si può pensare alla sua destinazione per la quale bisogna partire da un dato storico». A spiegarlo è l’architetto Libero Cecchini che, dall’alto dei suoi 96 anni, come protagonista della ricostruzione e del restauro della città nel dopoguerra, di storia se ne intende. «Il piano regolatore di Plinio Marconi elaborato nel 1975 e in vigore fino a non molti anni fa, prevedeva – spiega il decano degli architetti di Verona – di abbattere l’Arsenale per ricavare un grande campo sportivo o comunque verde pubblico. Abbiamo scampato l’abbattimento solo per la presenza dei militari. Poiché sulla base di questo verde è stato quantificato lo sviluppo urbanistico dell’area di Borgo Trento, la zona deve essere salvaguardata come tale. Non si può rischiare che un giorno qualche privato chiuda un cancello e limiti l’accesso. Inoltre, essendo un bene storico e ambientale comune, la città, e in particolare gli abitanti di Borgo Trento, andrebbero ascoltati con una consultazione».

È la mancata consultazione del parere degli architetti veronesi che fa notare invece il presidente dell’Ordine Arnaldo Toffali: «Non intendo entrare nel merito del progetto – spiega - perché ritengo inutili le continue esternazioni spot, di fronte alle soluzioni che vengono tirate fuori dal cappello dei privati: sarebbe necessaria invece una disamina più approfondita e generale, sulla base di una programmazione culturale, urbanistica ed economica seriamente elaborata. Gli ordini professionali dovrebbero essere interpellati sul recupero di porzioni importanti della città». Nemmeno Anna Braioni, architetto e urbanista, membro del Fai, vuole entrare nel merito del progetto: «Al di là della bellezza o meno del progetto presentato ieri, resta una questione fondamentale: se si frammenta l’Arsenale in una quantità di destinazioni diverse, la città perde una grandissima occasione. Quello spazio è il più adatto ad accogliere il Museo di Storia Naturale, l’istituzione culturale più grande e più importante della città, purtroppo ampiamente sottovalutata. Un’istituzione che dai tempi di Sandro Ruffo (fu lui a proporre il progetto di trasferimento all’Arsenale) dialoga con altre a livello internazionale. È una raccolta quella del museo veronese che il Muse di Trento ci invidia e che vorrebbe in prestito. Avendo uno spazio come quello dell’Arsenale – conclude Braioni -, si potrebbe valorizzare il contenuto dedicato alla biodiversità che caratterizza le raccolte, ampliando il discorso anche alle diversità culturali. Insomma un progetto di grande respiro che diventerebbe un fulcro culturale della regione».

Infine Giovanna Alberti, che fa parte dell’associazione Abitare Borgo Trento Onlus, commenta: «Vivo con angoscia il degrado, e chiedo che si faccia qualcosa subito. Visto che ci sono dei soldi, cominciamo a impiegarli per evitare la distruzione totale del complesso».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news