LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Latiano, al Castello un ascensore fuori contesto e inutile
di Manlio Lilli
IL FATTO QUOTIDIANO | | 25 marzo 2016




“L’unica soluzione compatibile con una opera già esistente” affermano i tecnici, i quali aggiungono che altre “avrebbero addirittura peggiorato la situazione… Dunque non restava che innestarsi sul vano già esistente”. Siamo a Latiano, città del brindisino, che tra i monumenti e luoghi di maggior interesse ha diverse chiese, di varie età, oltre alla Torre cinquecentesca del Solise. Ma è indubitabile che il simbolo del Comune sia il Palazzo Imperiali di Piazza Umberto I. Ed è lì che è stata realizzata “l’unica soluzione” della quale parlano i tecnici. Quale? Un vano ascensore alto 18 metri e rivestito di tufo bianco, sul retro della struttura, probabilmente del XII secolo. Un vano ascensore, “cresciuto in altezza”.

latiano, torre del Solise

Realizzato nel 2004 dopo un restauro, con l’autorizzazione della Soprintendenza ai Beni architettonici di Lecce, per consentire l’accesso anche ai disabili al piano superiore. Nel 2014 rialzato con il parere favorevole della Soprintendenza per i Beni storici di Lecce. Bisognava raggiungere il piano-mansarda, ricavato realizzando finalmente una copertura adeguata al di sopra di un ambiente del Settecento mai completato. Lavori più che necessari. Le preoccupanti infiltrazioni d’acqua costituivano un pericolo per il patrimonio artistico presente nel Palazzo. Non solo le tele di Girolamo Cenatiempo, ma anche gli affreschi di Agesilao Flora sulla volta della sala principale. Et voilà! Così, interventi completati.
Pubblicità

Con un’opera che, come mostrano le immagini pubblicate sul Corriere del Mezzogiorno, sembra contrastare non poco con la struttura storica. I tecnici hanno provato a giustificarsi. A detta loro con una somma di poco superiore ai 53mila euro “bisognava consentire ai cittadini di raggiungere ed utilizzare il secondo piano al di sopra della Sala Flora (restaurata)”. Ma le perplessità rimangono. Anche perché una scala, anche se evidentemente non a norma, c’era già all’interno del palazzo. Quindi almeno il primo piano poteva essere raggiunto, evitando così di realizzare il vano ascensore. Servizio che peraltro continua a rimanere inservibile. Che dire poi dell’aggiunta, resa indispensabile del nuovo ambiente-mansarda? Progettata nonostante fosse impossibile arrivarci se non con l’ascensore. Quindi non solo un’opera architettonicamente discutibile ma anche dalla funzione incerta.

È così che quegli interventi i quali avrebbero potuto restituire ad una più agevole fruizione uno dei monumenti identificativi della città, si sono tramutati in un flop. In un’occasione mancata. Sfortunatamente neppure l’unica. Alla Torre del Solise accade lo stesso, dal 2009. Anche lì un ascensore esterno. Anche lì, inservibile. Non rimane che sperare che a Latiano smettano di realizzare ascensori “posticci” e inutili.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news