LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TRIESTE «Far pagare il biglietto d’ingresso al parco di Miramare? Non se ne parla finchè le sue condizioni non saranno migliori»
Luca Saviano
Il Piccolo, 28-03.-2016

Le parole dell’assessore regionale alla Cultura Gianni Torrenti hanno il sapore del veto.


Rientrato da una tre giorni romana, durante la quale ha «riscontrato un’attenzione straordinaria nei confronti del Friuli Venezia Giulia e in particolare di Trieste», Torrenti fa un po’ di luce sulle vicende legate alla dimora di Massimiliano d’Asburgo e di sua moglie Carlotta.
In ballo c’è la nomina del nuovo direttore del parco, alla quale farà seguito l’attuazione di un masterplan di sviluppo che garantisca ai ventidue ettari di superficie verde un futuro migliore rispetto al recente passato.
«Entro il mese di agosto - spiega Torrenti - verranno effettuate le nomine ministeriali. In questo momento viene data priorità all’individuazione di un dirigente centrale, per il quale è stato già avviato un bando internazionale, dopodichè toccherà ai direttori dei dieci musei autonomi presenti sull’intero territorio nazionale, fra i quali rientra anche il sito di Miramare».

Un direttore scelto con concorso, un cda e un comitato scientifico di superesperti guideranno il nuovo Museo che avrà la piena autonomia contabile e gestionale
Tempi tecnici a parte, sembra avvicinarsi il momento della svolta e della definitiva valorizzazione di quello che viene considerato, numeri alla mano, come il sito turistico trainante dell’intero panorama regionale. Torrenti, nel corso della trasferta romana, ha visto in tre occasioni il ministro del Mibact Dario Franceschini, anche se le questioni triestine sono state affrontate principalmente con il massimo dirigente del ministero, l’architetto Antonia Pasqua Recchia.
«Sono molto aggiornati su quanto accade a Trieste - continua Torrenti - . Mi hanno tranquillizzato anche sulla questione della Riserva marina protetta gestita dal Wwf (che a fine dicembre rischiava lo sfratto, ndr), anche se per conoscere nel dettaglio le strategie future che riguarderanno il parco marino bisognerà attendere la nomina del nuovo direttore».

Nel frattempo, continua la “remise en forme” dei viali e dei giardini ottocenteschi. La conferma arriva direttamente da Maurizio Anselmi, l’architetto che attualmente è responsabile del Parco. La stagione primaverile, infatti, rappresenta la finestra ideale durante la quale intervenire sugli arredi verdi.
«Finalmente possiamo utilizzare le riassegnazioni - spiega Anselmi alludendo agli introiti derivanti dagli ingressi al castello - e proseguire il lavoro di manutenzione e risanamento dell’intera area verde». Una tranche di circa 210mila euro è servita a compiere degli interventi straordinari sul verde e a rifare il


La desolazione del parterre, il centrale giardino all’italiana, sembra avere le settimane contate. La preparazione del terreno è terminata lo scorso dicembre e ora che il clima è favorevole verrà messo a dimora il bosso secondo i disegni originali. I lavori di restauro all’interno delle serre, quelle che si affacciano davanti al castelletto dove opera il Wwf, sono terminati ed entro tre mesi verrà sistemata la struttura espositiva che, nello specifico, contribuirà ad animare le serre nuove.
È stata sistemata anche l’area adiacente alle serre vecchie, «che era stata ridotta a un immondezzaio». «Abbiamo messo mano a 15mila metri quadri di sottobosco - continua Anselmi - , risistemando il tratto che va da viale dei Lecci al lago dei Cigni e al viale delle Camelie». A rimetterci le foglie, nel corso di questi interventi, sono state le piante infestanti, ailanto e palme in testa. In questo modo è stata ridata luce all’intera area, consentendo ai visitatori di spaziare con la vista dal lago ai viali e viceversa.



«Sono stati tagliati gli alberi pericolanti - così l’architetto - e difatti la recente bora non ha fatto danni. Con una gara annuale è stata individuata la ditta che si occuperà di mettere a dimora le fioriture nei prossimi mesi». Per questi ultimi lavori verrà utilizzata una seconda tranche di fondi, pari a circa 290mila euro, che servirà anche a effettuare degli interventi di ristrutturazione nei bagni, ora chiusi, che si trovano alle spalle del giardino all’italiana.
«Un’attenzione particolare verrà dedicata al piazzale che si apre davanti al castello - sottolinea Anselmi - . Gli studi storici raccontano di un disegno del verde diverso da quello attuale. È nostra intenzione riproporlo».

http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2016/03/28/news/trieste-la-regione-blocca-il-ticket-per-il-parco-di-miramare-1.13202077


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news