LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Pordenone - Campanile di San Giorgio a rischio crollo, sui fondi è corsa contro il tempo
Enri Lisetto
Il Messaggero Veneto, 6 aprile 2016

Pordenone. La consigliera regionale Mara Piccin: "Trieste ha avuto 500 mila euro per una chiesa. Ora tocca a noi"


PORDENONE. È corsa contro il tempo per raccogliere i 30 mila euro necessari alla messa in sicurezza del campanile di San Giorgio da dove rischia di cadere la statua. Benefattori dell’ultimo momento non ce ne sono stati.
La parrocchia a suo tempo aveva presentato domanda di contributo alla Regione: un eventuale stanziamento “ordinario” sostanzioso, però, potrà avvenire con la manovra di assestamento di bilancio estivo. La consigliere regionale Mara Piccin esorta: la Regione si impegni con urgenza, come aveva fatto a Trieste.
A coprire la spesa ponte per smontare la statua potrebbero unire le forze, con la parrocchia, Regione, Provincia e Comune capoluogo. Ma, allo stato, carta scritta non c’è.
Pordenone & Trieste. «Sul campanile di San Giorgio la giunta regionale si impegni con i fatti e con urgenza. La situazione è tale da non poter attendere i fondi ordinari per la ristrutturazione degli edifici di culto ed eventuali graduatorie».
È l’incoraggiamento di Mara Piccin, consigliera regionale di opposizione in merito alla grave situazione che vede la zona intorno al campanile transennata a causa di possibili crolli: «Si tratta di un simbolo per la nostra città e non è pensabile che questa situazione duri a lungo. Siamo vicini all’assestamento di bilancio: si faccia per Pordenone quello che si è fatto ad esempio lo scorso anno per Trieste».

Nel luglio 2015 fu «giustamente assegnato un contributo straordinario di 500 mila euro per il rifacimento di una facciata della chiesa di Sant’Antonio taumaturgo a Trieste, fatiscente ma non pericolante. Ora qui siamo vicini a probabili crolli e quindi la situazione di urgenza ed emergenza deve far intervenire la giunta con una cifra congrua a mettere in sicurezza la struttura.
Non è pensabile perdere il campanile e non è nemmeno pensabile che la città, da sola, possa sobbarcarsi una spesa di tale entità in un momento economicamente difficile come questo».
La parrocchia. In questi mesi, con le offerte, la parrocchia San Giorgio ha raccolto 12 dei 30 mila euro necessari per la messa in sicurezza del campanile. «Non si è fatto avanti alcun benefattore dell’ultima ora», conferma il parroco don Roberto Laurita. La parrocchia, attraverso la Curia, a suo tempo aveva inoltrato domanda di contributo alla Regione per l’importo complessivo dei lavori, 600 mila euro. «Se saranno erogati – prosegue il parroco – e in che misura, si saprà con la manovra estiva di bilancio».
Per accelerare i tempi si sta valutando l’intervento di protezione civile, che ha le caratteristiche dell’urgenza. «L’aspetto emergenziale è quello della rimozione della statua», fa il punto l’assessore ai Lavori pubblici Flavio Moro.
Cosa crollerebbe? La torre non è mai stata in pericolo: il muro circolare in pietra ha uno spessore di 1,20 metri. Sono gli interni degradati: alcuni gradini sono pericolosi, altri mancanti, così come non c’è un minimo sistema di protezione. A chiarire in che cosa consiste l’intervento di prima emergenza è l’ingegner Sergio Dell’Anna: «È degradata la parte superiore del campanile, unico in Italia. M
olto critica è la stabilità della statua di San Giorgio (che non è di bronzo, ma di ferro e griglia sulla quale sono attaccate delle lamine di rame dello spessore di qualche millimetro), dell’altezza di sei metri e del peso di 5 quintali.
È tenuta ferma solo da due pali di ferro arrugginiti». Sarà rimossa utilizzando una gru dell’altezza di 70 metri e attraverso una impalcatura che interesserà solo la parte superiore del campanile: un’operazione “spettacolare”, che avverrà tra quattro settimane. Resteranno al loro posto, invece, il globo (3,20 metri di diametro, 6 centimetri di spessore, rivestito con foglie di rame) e i quattro atlanti, tre metri di altezza. «È materiale realizzato in calcestruzzo nel 1914». Poi, occorrerà rifare il castello delle campane (che sono a terra, per sicurezza) risalente ai primi del Novecento.

http://messaggeroveneto.gelocal.it/pordenone/cronaca/2016/04/06/news/campanile-sui-soldi-scontro-fra-territori-1.13250138


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news