LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Siena, l’archivio del Duomo svela i suoi tesori
Aldo Tani
Corriere fiorentino 13/4/2016

Restaurati gli ambienti e catalogati i manoscritti. Tra gli autori Donatello e Ghiberti

SIENA. Per secoli l’archivio storico dell’Opera della Metropolitana del Duomo di Siena è stato quasi un luogo inaccessibile. Punto di riferimento per gli storici dell’arte hanno provato a orientarsi tra i migliaia di documenti conservati. Poi, nel 1951, per volontà del Rettore di allora, il Conte Umberto Del Vescovo Sterbini, è stato eseguito un primo riordino del materiale a disposizione. Seguito nel 1990 dall’inventariazione condotta da Stefano Moscadelli. A dicembre 2014 è iniziata una nuova opera di ammodernamento, conclusa di recente e oggi svelata al pubblico. «Abbiamo cercato di valorizzare il prezioso materiale conservato e puntato a rendere gli ambienti più accoglienti — spiega il Rettore Gian Franco Indrizzi — Per questo, in parallelo con un lavoro di natura archivistica, è stato portato avanti un intervento architettonico rilevante. Sia per le scaffalature, con ripiani su misura in grado ora di contenere i voluminosi testi e mobili che favoriscono la traspirazione, sia per la sicurezza, con particolare attenzione agli impianti anti-incendio». Il costo dell’operazione è stato di circa 200 mila euro e nell’intenzioni del rettore dovrebbe rendere accessibile l’archivio agli studiosi tre volte alla settimana. In cantiere ci sarebbe poi l’intenzione di revisionare i manoscritti con le liriche sacre e capire se c’è del materiale che possa utilizzato per eventuali concerti. «Prima dei lavori l’archivio era aperto una volta a settimana – spiega Indrizzi – Vorremmo aumentare questa cadenza, per venire incontro agli studiosi, e se possibile renderlo fruibile anche per visite guidate».

Un’opportunità che consentirebbe al pubblico di vedere il contratto notarile del 1085 (il più antico documento conservato), stipulato ancora prima della costruzione del Duomo. Oppure la corrispondenza per i pagamenti delle formelle del battistero di San Giovanni tra il rettore dell’epoca e Donatello. O quella con Jacopo della Quercia. E ancora le richieste di consiglio formulate a Lorenzo Ghiberti, in quel momento lontano da Siena, per portare a termine alcuni lavori. O le piante del 1339, affisse adesso alle pareti di una delle sale principali, che rappresentano il progetto del Duomo Nuovo, poi mai completato a causa della peste del 1348. «Il fondo storico fino al 1990 conteneva circa 3400 testi — sottolinea Marta Fabbrini, che ha seguito in prima persona l’opera di archiviazione — Con l’ultimo intervento ne sono stati catalogati altri 200. La maggior sono documenti di contabilità inerenti ai lavori nella cattedrale a partire dal 1300, tra i quali rientrano le committenze artistiche di personaggi rilevanti che abbiamo deciso di esporre in concomitanza con la visita inaugurale di oggi».



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news