LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

Da Albaro a Quarto, a Genova i comitati sui social vincono le battaglie
di MARCO PREVE
13 aprile 2016 LA REPUBBLICA


Il caso delle strisce blu alle Piscine è solo il più recente. La web-mobilitazione è veloce e spesso efficace


È il mondo virtuale che si fa immanente e scende in piazza, si incatena alle aiuole, presenta ricorsi al Tar, occupa scuole abbandonate, siede al tavolo con l’assessore ai trasporti, o affolla i consigli comunali.
La protesta oggi, a Genova e in Liguria, corre sui social. Su Facebook soprattutto. Ma non si ferma al confine dello schermo del pc, del tablet o dello smartphone e diventa fisica, invade luoghi materiali.
Uomini e donne con fischietti e slogan come quelli che ieri sera hanno manifestato alle piscine di Albaro chiedendo la rimozione delle strisce blu spuntate dalla sera al mattino, per recuperare parcheggi alle auto laddove si sviluppava la pista di pattinaggio. La cosa incredibile non è che hanno ottenuto la cancellazione delle strisce come annunciato dal vicesindaco Stefano Bernini. Quello che è davvero clamoroso è che la protesta vittoriosa è durata poco più di 24 ore. Il tempo di un post scritto su Facebook da Filippo Biolè che di professione fa l’avvocato ma che sui social (come spiega Roberta Milano docente di new media) è una di quelle figure “primarie” in grado di far deflagrare mobilitazioni e proteste, come già era avvenuto per una sua precedente battaglia contro la politica degli ingressi agli Uffizi di Firenze, che aveva costretto il direttore del più celebre museo italiano a dargli una risposta.

Questo non significa che sia sufficiente avere una buona padronanza dei social ed una buona causa per vincere, ma significa che Facebook e Twitter sono diventati strumenti di mobilitazione straordinariamente potenti. Ancor di più da quando sono utilizzati in larga percentuale da utenti maturi.
La conferma arriva da recenti vicende genovesi. Prima delle strisce blu delle piscine, il web aveva visto nascere l’ondata di dissenso contro un gruppo di residenti di corso Italia che avevano presentato un ricorso al Tar, per chiedere lo smantellamento della copertura del cantiere per i lavori dello scolmatore del Fereggiano.
Contrariamente allo stereotipo questa volta centinaia di cittadini prima su Facebook e poi direttamente sulla passeggiata a mare si erano detti favorevoli a un’opera ritenuta necessaria per mitigare il rischio alluvionale.

Sempre nel levante un’altra battaglia di popolo e di web sta ottenendo i primi successi. È quella contro la realizzazione in via Romana della Castagna di un nuovo supermercato in un’area verde dell’ex palazzina Telecom.
Il fatto che tutte e tre queste battaglie siano avvenute nei quartieri residenziali, quelli della buona borghesia si sarebbe detto un tempo, potrebbe far pensare che l’arma dei social sia appannaggio delle classi economicamente e culturalmente più alte.
In realtà così non è. E per capirlo basta osservare la composizione sociale di una delle mobilitazioni più trasversali della nostra epoca: quella dei pendolari.

Mai come oggi la community dei forzati del treno ha saputo sfruttare la comunicazione in maniera così efficace. Paradossalmente, più lenti vanno i treni e più rapida corre la protesta e la richiesta di modifiche di correzioni agli orari. La possibilità di scambiarsi in tempo reale informazioni e concordare azioni di pressione ha consentito a diversi comitati di pendolari di diventare uno degli interlocutori ufficiali al tavolo del trasporto pubblico in Regione.
A Genova, un’altra battaglia storica come quella contro il park nei giardini dell’Acquasola seppur nata ante web grazie ai social ha trovato nuova forza e sostegno più ampio. Così come è accaduto anche a quella dei cittadini di Carignano, che si oppongono al progetto del nuovo Galliera per le pesanti implicazioni urbanistiche.

Uscendo da Genova merita sicuramente una menzione la pagina Facebook “Difendiamo la spiaggia di Latte”. Un gruppo nato come reazione ad uno degli obbrobri da Oscar della nostra riviera. Un muraglione di cemento realizzato dal titolare di un ristorante sulla spiaggetta di Ventimiglia nella località resa celebre dallo scrittore Nico Orengo. Dopo anni di post e di lettere
per non far cadere nel dimenticatoio la vicenda, la community capeggiata dall’intellettuale combattente Enzo Barnabà ha potuto festeggiare il no della Soprintendenza. E ora il Comune non può che prendere una decisione: negare la sanatoria e far abbattere il muro della vergogna. Altrimenti diventerà lui, il sindaco Enrico Ioculano,il bersaglio di un popolo, quello del web, che ormai fa assai in fretta a staccarsi dalla tastiera per scendere in piazza a contestare.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news