LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

SOVANA Un progetto di restauro per la Rocca di Sovana
di Francesca Ferri
13 aprile 2016 il tirreno

La Rocca di Sovana ha finalmente un progetto pronto per il suo restauro, primo passo per raccogliere finanziamenti e far partire i lavori, attesi da due anni. Il progetto è stato predisposto dalla Soprintendenza alle Belle arti e paesaggio sulla base di quanto concordato con il Comune di Sorano in un incontro che si è svolto alcuni mesi fa a Siena. Il valore complessivo del progetto, Iva compresa, è di 600.000 euro. La Rocca, eretta intorno all'anno Mille come sede ed emblema del potere della famiglia Aldobrandesca, che la controllò per circa due secoli, sente oggi tutti gli acciacchi del tempo. Un po' gli antichi muri che cedono, un po' la vegetazione che se li sta "mangiando", a fine 2013 la situazione si presentava talmente preoccupante che l'allora sindaco Pierandrea Vanni dovette ricorrere a un'ordinanza nei confronti del Demanio, che possiede la cinta muraria – il cortile interno è del Comune – per effettuare alcuni lavori urgenti di messa in sicurezza. I lavori furono eseguiti a inizio 2014 (l'8 gennaio) quindi, il 20 gennaio, la Soprintendenza stilò un verbale per interventi di somma urgenza. Durante i rilievi vennero fuori tutti i problemi dell'antico monumento: un'evidente spanciatura sulla parete superiore che necessita di un mirato intervento di consolidamento; alcuni tratti del paramento che vanno ripristinati; gli archetti della parte sommitale che hanno bisogni di restauri urgenti. E poi vegetazione e muschi e licheni infestanti che minacciano la struttura. All'incontro a Siena la sindaca Carla Benocci, con Pierandrea Vanni, nel frattempo diventato vicesindaco e assessore ai beni culturali, e il responsabile dell'Ut Paolo Giannelli, convennero con la soprintendente Anna Di Bene la necessità di un intervento complessivo di consolidamento e di restauro e concordarono che la Soprintendenza avrebbe predisposto il progetto mentre il Comune si sarebbe occupato della parte relativa alla valorizzazione del complesso. Il progetto prevede di tagliare la vegetazione all'interno e all'esterno della Rocca, di effettuare interventi di cucitura nelle porzioni lesionate e di consolidare la muratura con inserimento di barre di carbonio. Previsti anche la muratura di alcune porzioni di paramento e la stuccatura. A parte l'intervento di manutenzione urgente di inizio 2014, l'ultimo grosso intervento di restauro della Rocca risale al 1975-1976, ovvero 40 anni fa. «Questo progetto è un primo punto fermo – spiega Vanni – che ci consente finalmente di avere un'indicazione complessiva di tutti gli interventi necessari alla Rocca e di predisporre un'idea di valorizzazione. Il nostro proposito è di utilizzarla per esposizioni museali all'aperto e spettacoli teatrali». Con questo progetto, Comune e Soprintendenza potranno adesso cercare finanziamenti ciascuno attraverso i propri canali: ministeriali la Soprintendenza; attraverso bandi il Comune.

http://ricerca.gelocal.it/iltirreno/archivio/iltirreno/2016/04/13/grosseto-un-progetto-di-restauro-per-la-rocca-di-sovana-22.html?ref=search


news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news