LEGGI
BENI IN PERICOLO
INTERVENTI E RECENSIONI
RASSEGNA STAMPA
COMUNICATI DELLE ASSOCIAZIONI
EVENTI
BIBLIOGRAFIA
STORIA e FORMAZIONE del CODICE DEI BENI CULTURALI E DEL PAESAGGIO
LINK
CHI SIAMO: REDAZIONE DI PATRIMONIOSOS
BACHECA DELLE TESI
per ricevere aggiornamenti sul sito inserisci il tuo indirizzo e-mail
patrimonio sos
in difesa dei beni culturali e ambientali

stampa Versione stampabile

TOLOSA-C'è un secondo quadro perduto di Caravaggio nascosto a Tolosa?
Alessandra Vittori
www.huffingtonpost.it, 15/04/2016

Soffitte, cantine, granai, continuate a cercare. Il prossimo Caravaggio potrebbe essere stato 'davanti ai vostri occhi' per tutto questo tempo (chissà quanto!) e voi potreste non saperne niente. Lo storico dell'arte Mickaël Szanto, dopo la presentazione del 12 aprile a Parigi, della tela di Giuditta e Oloferne, ritrovata in una soffitta a Tolosa grazie a una perdita d'acqua, ha detto a Le Figarò: "Ora c'è un secondo Caravaggio da trovare in una soffitta nel sud della Francia".

Il pittore fiammingo Louis Finson, che aveva fatto una copia della Giuditta Oloferne, si trovava a Tolosa nel 1615 (cioè 5 anni dopo la morte di Caravaggio) ed era in affari con affari con uno dei suoi compatrioti Peter de Bruyn, uno dei più grandi mercanti d'arte all'inizio del XVII secolo.

"I Due - ha spiegato Szanto - organizzavano aste-lotterie di opere d'arte e in quel periodo ne avrebbero fatta una proprio in questa città, per la quale furono venduti 4.000 biglietti". Il professore ha raccontato a Le Figarò di aver trovato negli archivi comunali di Tolosa i verbali delle opere offerte e i risultati del sorteggio. Su questo documento del marzo 1615 figura al numero 126 un 'Michelangelo Merisi da Caravaggio (1517-1610)' del valore di 300 sterline. Manca però il nome del vincitore che era una persona del luogo. Ma la cosa sorprendente è che l'opera catalogata non è la scena della decapitazione di Oloferne bensì un'altra scena del Vecchio Testamento: Davide e Golia.

Caravaggio è conosciuto per aver dipinto almeno tre versioni di Davide e Golia. Una si trova nel Museo del Prado a Madrid, mentre le altre due sono una al Kunsthistorisches Museum di Vienna, e l'altra alla Galleria Borghese a Roma. Ed è proprio questa affezione al tema del pittore lombardo a rafforzare l'idea di Szanto.

Lo storico dell'arte avrebbe quindi teorizzato che Finson, che copiava le tele del pittore milanese, viaggiasse sempre con alcune opere originali del maestro nel bagaglio. Per la precisione nel documento si legge - ha specificato su Le Figarò - che l'11 dicembre del 1614 Peter de Bruyn fu autorizzato dal parlamento di Tolosa per aprire un banco d'asta in città e il permesso fu confermato dal Comune il 17 dicembre successivo. Dal 19 dicembre al 22 l'artista e il mercante hanno portato in città 160 opere. La lotteria si sarebbe quindi svolta dal 12 febbraio al 2 aprile 1615, e il 17 marzo sarebbe stato il giorno in cui il fortunato sconosciuto si sarebbe aggiudicato il Davide e Golia.



news

01-04-2021
RASSEGNA STAMPA aggiornata al giorno 1° aprile 2021

16-02-2021
Audizione del Professor Salvatore Settis presso Assemblea Regionale Siciliana

08-02-2021
Appello di Italia Nostra - sezione di Firenze: Manifesto Boboli-Belvedere, febbraio 2021

31-01-2021
La FCdA contro il nuovo attacco all’archeologia preventiva e l’estensione del silenzio-assenso

18-01-2021
Petizione Petizione "No alla chiusura della Biblioteca Statale di Lucca"

27-12-2020
Da API-Mibact: La tutela nel pantano. Il personale Mibact fra pensionamenti e rompicapo assunzioni

25-12-2020
CORTE CONTI: TUTELA PATRIMONIO BASATA SU LOGICA DELL’EMERGENZA

03-09-2020
Storia dell'arte cancellata, lo strano caso di un dramma inesistente, di Andrea Ragazzini

06-06-2020
Sicilia. Appello di docenti, esperti e storici dell'arte all'Ars: "Ritirate il ddl di riforma dei Beni culturali"

06-05-2020
Due articoli da "Mi riconosci? sono un professionista dei beni culturali"

05-05-2020
Confiscabile il bene culturale detenuto all’estero anche se in presunta buona fede

30-04-2020
In margine a un intervento di Vincenzo Trione sul distanziamento nei musei

26-04-2020
Vi segnaliamo: Il caso del Sacramentario di Frontale: commento alla sentenza della Corte di Cassazione

25-04-2020
Turismo di prossimità, strada possibile per conoscere il nostro patrimonio

24-04-2020
Un programma per la cultura: un documento per la ripresa

22-04-2020
Il 18 maggio per la Giornata internazionale dei musei notizie dall'ICOM

15-04-2020
Inchiesta: Cultura e lavoro ai tempi di COVID-19

15-04-2020
Museums will move on: message from ICOM President Suay Aksoy

08-04-2020
Al via il progetto di formazione a distanza per il personale MiBACT e per i professionisti della cultura

06-04-2020
Lettera - mozione in vista della riunione dell'Eurogruppo del 7 aprile - ADESIONI

30-03-2020
Da "Finestre sull'arte" intervista a Eike Schmidt

30-03-2020
I danni del terremoto ai musei di Zagabria

29-03-2020
Le iniziative digitali dei musei, siti archeologici, biblioteche, archivi, teatri, cinema e musica.

21-03-2020
Comunicato della Consulta di Topografia Antica sulla tutela degli archeologi nei cantieri

16-03-2020
Lombardia: emergenza Covid-19. Lettera dell'API (Archeologi del Pubblico Impiego)

12-03-2020
Arte al tempo del COVID-19. Fra le varie iniziative online vi segnaliamo...

06-03-2020
Sul Giornale dell'Arte vi segnaliamo...

06-02-2020
I musei incassano, i lavoratori restano precari: la protesta dei Cobas

31-01-2020
Nona edizione di Visioni d'Arte, rassegna promossa dall'Associazione Silvia Dell'Orso

06-01-2020
Da Finestre sull'arte: Trump minaccia di colpire 52 obiettivi in Iran, tra cui siti culturali. Ma attaccare la cultura è crimine di guerra

Archivio news